Eventi




Ultime news
  • 07 Luglio 2022
    Mattarella in Zambia
    Leggi tutto
  • 30 Giugno 2022
    Si è spenta il 29 giugno una voce storica d..
    Leggi tutto
  • 28 Giugno 2022
    Addio Suor Luisa Dell'Orto
    Leggi tutto
  • 21 Giugno 2022
    Giornate dell'interdipendenza 2022
    Leggi tutto
  • 18 Giugno 2022
    L'Italia non diserti vienna
    Leggi tutto
  • 09 Giugno 2022
    5X1000, un piccolo gesto che può costruire ..
    Leggi tutto
  • 09 Giugno 2022
    Laura Milani presidente Cnesc
    Leggi tutto
  • 06 Giugno 2022
    Missionari in Cile, il racconto
    Leggi tutto
  • 01 Giugno 2022
    Bologna per la Pace
    Leggi tutto
  • 31 Maggio 2022
    Basta bimbi in carcere
    Leggi tutto
interventi
ACCOGLIENZA SOSTEGNO ALIMENTARE ASSISTENZA SANITARIA ISTRUZIONE DISABILITA INSERIMENTO AL LAVORO

La missione è nata nel 1999: i missionari dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII vivono nel piccolo paesino di Chalna. Insieme a loro vivono un’ottantina di persone, che provengono quasi tutte dalla casta degli intoccabili.

In Bangladesh, vige ancora il sistema spietato e insormontabile delle caste, non importa a quale religione tu appartenga – indù, mussulmana o cristiana - se sei nella casta degli intoccabili, o peggio ancora se sei tra i fuori casta, allora la tua vita sarà molto dura, perché gli unici lavori permessi sono pulire le fogne, conciare le pelli, fare il lustrascarpe o spaccare le pietre, tutti impieghi considerati umilianti e che permettono un guadagno insufficiente per mantenere una famiglia.

Nelle realtà della “missione”, abitano mussulmani, indù e cristiani.
C’è un grande rispetto reciproco e si cerca ogni giorno di costruire un’unica grande famiglia, dove le donne abbandonate dal marito, perché sterili, diventano madri affidatarie di bambini orfani o disabili; una famiglia dove quei bimbi che sono considerati “handicappati gravi” sono capaci di far sbocciare nuovamente il sorriso su tanti volti segnati troppo spesso dal dolore.

Strutture di accoglienza

La missione è costituita come una sorta di villaggio che permette ai tanti bambini accolti di giocare liberamente nel cortile senza incorrere in pericoli. All’interno del villaggio si trovano diverse strutture:

  • Quattro case famiglia a Chalna, un piccolo villaggio vicino alla città di Khulna
  • Tre strutture in cui vivono ex-accolti che hanno creato piccoli nuclei famigliari di sostegno e aiuto reciproci

Nelle diverse strutture vengono accolti ad esempio i bambini ed i giovani che studiano o lavorano ma che, perché disabili orfani o in condizioni familiari pessime, necessitano di un ambiente sano, protetto e familiare in cui vivere. 

Vi sono poi alcune famiglie che hanno bisogno di sostegno per svariati motivi, così abbiamo scelto di inserirli all’interno del nostro villaggio dando loro la possibilità di gestirsi autonomamente come famiglia ma sostenuti e accompagnati da noi.

Bangladesh - Casa Famiglia

Interventi di sostegno e di sviluppo

Sostegno nutrizionale
All’interno del villaggio è stata istituita una mensa che prepara oltre 100 pasti al giorno permettendo a tutti coloro che la frequentano(bambini, ragazzi e adulti) di mangiare almeno un pasto al giorno completo e salutare.

Bangladesh - Sostegno nutrizionale

Inoltre questo progetto prevede la distribuzione del latte in polvere e visite specialistiche per il sostentamento dei neonati. Durante i controlli i bambini vengono pesati al fine di monitorarne le condizioni di salute. Inoltre le madri o tutrici dei bambini vengono formate sulle modalità opportune per il progressivo svezzamento dei bimbi.

Bangladesh - Sostegno nutrizionale

Progetto Sanitario
In Bangladesh la situazione sanitaria è estremamente precaria. In un contesto di grave povertà, i pazienti devono provvedere autonomamente al pagamento delle medicine, degli esami medici e delle operazioni chirurgiche. A farne le spese sono i più poveri, che devono scegliere se mangiare o curarsi. In tale contesto, dal 2001 abbiamo sentito il dovere di offrire assistenza medica ai più poveri.
Giorno dopo giorno sempre più persone vengono al nostro cancello per chiedere aiuto, persone che senza il nostro costante sostegno non riuscirebbero a sopravvivere. All’interno del villaggio c'è un'infermeria ed una piccola farmacia, attive tutti i giorni con figure specializzate. Per quanto riguarda l’infermeria presta le cure di base e di primo soccorso oltre che indirizzare il paziente qualora ci fosse bisogno verso visite specialistiche. La “farmacia” si occupa invece della distribuzione dei farmaci esclusivamente sotto prescrizione medica.

Progetto Psichiatrico
Questo progetto nasce dalla necessità di rispondere alle esigenze di persone affette da problemi psichici, che altrimenti sarebbero abbandonate a loro stesse.
Vengono somministrati i farmaci necessari, avendo cura di spiegare in modo approfondito le corrette modalità di somministrazione ai pazienti. Ogni visita diventa pertanto occasione di verifica che la terapia sia correttamente seguita. In particolare cerchiamo di educare chi si occupa della persona affetta da problemi psichici, mostrando anche quanto sia importante che il paziente curi l’igiene personale, si occupi di sé, abbia una buona alimentazione e sia impegnato in qualche piccolo servizio.

Fisioterapia
In Bangladesh i disabili tendono ad essere nascosti agli occhi della gente, perché considerati una maledizione di Dio. Sono spesso segregati in casa sia per la vergogna, sia perché la vita di un disabile è davvero difficile, considerando che i villaggi sono isolati, le strade sterrate sono impraticabili per chi ha difficoltà motorie, gli alloggi sono capanne costruite su base di terra battuta. Le famiglie quindi sono spesso scoraggiate e sopraffatte dall’impotenza, non riuscendo a far fronte a tutte queste difficoltà. Costretti a vivere in condizioni igienico – sanitarie molto precarie e privati della possibilità di movimento, possono riportare gravi danni, spesso irreparabili.
Per rispondere alle necessità espresse da numerose famiglie con disabili a carico abbiamo aperto in centro di fisioterapia; dove quattro assistenti fisioterapisti seguono una sessantina di pazienti, realizzando anche visite domiciliari ai pazienti che hanno già terminato il trattamento per monitorarne le condizioni e valutare la necessità di fornire eventualmente particolari ausili.

Bangladesh - Progetto Fisioterapia

Programma educativo e di sostegno scolastico
Nel contesto bengalese l’istruzione rappresenta un valido strumento di crescita, di inserimento lavorativo, di lotta alla povertà ed alla discriminazione.
Ecco perché i missionari hanno dato vita a diversi interventi educativi che cercano di garantire l’effettiva eguaglianza delle opportunità scolastiche, indipendentemente dalle condizioni economiche e sociali individuali, e di promuovere e premiare l’impegno come fattore decisivo di progresso del paese.

Bangladesh - Progetto educativo

Presso la missione si trova una scuola materna che garantisce a circa sessanta bambini di avere un’istruzione ed un luogo protetto in alternativa alla strada mentre i genitori sono al lavoro e le classi per i disabili che si suddividono in 5 sezioni a seconda del bisogno individuale riscontrato.

Vengono anche realizzati numerosi laboratori di terapia occupazionale rivolti principalmente ai ragazzi diversamente abili più grandi. La Comunità gestisce inoltre un doposcuola dalla classe prima alla classe decima. Gli studenti, suddivisi in piccole classi, hanno così la possibilità di usufruire di un sostegno indispensabile che non ricevono né dai genitori, spesso analfabeti, né presso la scuola dove le classi sono generalmente sovraffollate. I missionari hanno infine avviato due piccole scuole nei villaggi limitrofi di Bhotyagata e di Khutakali e sostengono i ragazzi che vogliono proseguire gli studi fino all’università ed alcuni minori inseriti negli ostelli (boarding) della scuola secondaria.

Adozione a distanza
Sono quasi 500 i bambini e i ragazzi che usufruiscono del sostegno a distanza, grazie al quale viene garantito loro una buona prima colazione, un pasto e anche la merenda prima di tornare nelle loro famiglie. Inoltre viene fornito tutto il materiale scolastico, vengono pagate le tasse scolastiche e viene garantita l’assistenza sanitaria in caso di bisogno. Si provvede anche al vestiario e ad altri generi di prima necessità, per chi ne avesse bisogno. All’interno delle adozioni a distanza sono stati inseriti anche degli anziani che senza il nostro sostegno non potrebbero ricevere le cure mediche loro necessarie ed una opportuna alimentazione.

Fattoria
La Comunità gestisce una piccola fattoria che riesce a coprire in parte il fabbisogno giornaliero della Missione, per quello che riguarda il latte, il pesce e gli ortaggi. Dà lavoro ad alcune persone provenienti da famiglie disagiate.

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

Ultime news
  • Mattarella in Zambia
    «“Nella mia diocesi ci sono tanti bambini che non sono amati da nessuno, servirebbe proprio una casa come questa”. Con que...
    Leggi tutto
    07 Luglio 2022
  • Si è spenta il 29 giugno una voc..
    Le condoglianze del Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda
    Leggi tutto
    30 Giugno 2022
  • Addio Suor Luisa Dell'Orto
    «Siamo vicini — così Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII — con la preghiera al popolo ha...
    Leggi tutto
    28 Giugno 2022
  • Giornate dell'interdipendenza 2022
    La città di Bologna offre una serie di eventi per celebrare la giornata della lotta all'abuso e al traffico illecito di d...
    Leggi tutto
    21 Giugno 2022
  • L'Italia non diserti vienna
    Il rischio della guerra nucleare è più vicino che mai. È difficile comprendere perciò la scelta dell’Italia di non parteci...
    Leggi tutto
    18 Giugno 2022
  • 5X1000, un piccolo gesto che può..
    Con una semplice firma nella tua dichiarazione dei redditi, puoi cambiare la vita delle persone che incontriamo e accoglia...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Laura Milani presidente Cnesc
    «Siamo felici di contribuire con la presenza significativa di Laura Milani allo sviluppo sempre più adeguato del Servizio ...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Missionari in Cile, il racconto
    Da Rovereto al Cile per stare accanto ai Mapuche. Così Fabrizio e Francesca Bettini hanno cambiato vita, con loro i tre fi...
    Leggi tutto
    06 Giugno 2022
  • Bologna per la Pace
    I pacifisti tornano in piazza a Bologna mercoledì 1 giugno per chiedere di fermare il conflitto in Ucraina. La nuova manif...
    Leggi tutto
    01 Giugno 2022
  • Basta bimbi in carcere
    «È un primo passo fondamentale perché viene riconosciuta la dignità del bambino, che insieme alla sua mamma, che evidentem...
    Leggi tutto
    31 Maggio 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…