Eventi




Lo sbarco dei 51 migranti attraverso i corriodi umanitari a Roma

Corridoi umanitari: 51 profughi in casa famiglia

Altri 51 profughi sbarcati dalla Libia legalmente in aereo

È atterrato il 14 novembre 2018 a Roma il corridoio umanitario che ha portato legalmente in Italia 51 profughi in fuga dalle guerre, grazie alla mediazione della Comunità Papa Giovanni XXIII avanzata con il Ministro dell'Interno Matteo Salvini. L'accoglienza di tutti i richiedenti asilo sbarcati sarà a carico della Comunità Papa Giovanni XXIII non appena verrà riconosciuto loro lo status di rifugiati politici, con un iniziale sostegno da parte delle Prefetture. L'associazione di Don Benzi ha messo a disposizione le sue 210 case famiglia in Italia e li accompagnerà fino alla loro piena integrazione (foto di Emanuele Zamboni).

 

#FOTOGALLERY:ROMA18#

 

 

In questo caso si è trattata di una evacuazione umanitaria richiesta da Unhcr (l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati), analogamente a quanto era successo a dicembre 2018, quando il Ministro Marco Minniti del governo Renzi aveva autorizzato l'arrivo, con un volo militare, di 150 richiedenti asilo. Allora si era fatta carico dell'integrazione la Cei (Conferenza Episcopale Italiana) e ad aspettare i profughi ne era stato presente il Presidente, accanto al ministro, Cardinal Gualtiero Bassetti.

 

Le dichiarazioni di Ramonda all'arrivo del corridoio umanitario

Il Presidente della Comunità Giovanni Paolo Ramonda nell'accogliere i fortunati dell'areoporto militare di Pratica di Mare ha portato un plauso ed un appello alle istituzioni: «La grande scelta operata insieme a questo Governo porti ad una sistematicità dell'accoglienza, che garantisca di non lasciar morire nel mare e nel deserto queste famiglie. Ci sarà una svolta culturale nel paese, in collaborazione con tutte le altre organizzazioni e con il Governo. Dobbiamo stimolare l’Europa perchè si apra all’accoglienza, e perché diventi un’Europa solidale, accogliente, capace di integrare le persone in fuga», ha detto. In effetti 51 persone sono poca cosa rispetto alle centinaia di migliaia di persone che sognano l'Europa ammassate lungo i confini dei paesi del Nord Africa.

Lo stesso Ramonda, nell'annunciare la disponibilità all'accoglienza aveva detto: «Siamo lieti di dare il nostro contributo all'accoglienza di mamme e bambini in fuga dalla Libia. In questo modo sono state protette persone fragili, impedendo loro di fare un pericolosissimo viaggio in mare. Dopo una prima fase, saranno accolte in alcune delle nostre case famiglia dove potranno ricevere il sostegno e l'affetto di una famiglia allargata».

Dal canto suo il Ministro dell'Interno Salvini ha tuonato rivolgendosi alle decine di giornalisti presenti: «Questa è la stada giusta: i profughi buoni che arriveranno in Italia dovranno usare tutti l'aereo». Un messaggio chiaro che può raccordare elettorato e società civile (Vedi la conferenza stampa integrale registrata da Radio Radicale allo sbarco de corridoio umanitario).

 

 

 

Cosa sono i corridoi umanitari

Le recenti evacuazioni umanitarie sono organizzate grazie all'iniziativa del Governo Italiano (Renzi prima e Conte poi) in risposta agli appelli dell'Unhcr, organizzazione presente nei campi profughi allestiti iin molte parti del Nord-Africa. A coniare il termine "corridoi umanitari" è stato però il Protocollo d'intesa sottoscritto per la prima volta il 15 dicembre 2015 fra Comunità di Sant'Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, la Tavola Valdese e il governo italiano. In questo caso alcune realtà no-profit presenti nei campi profughi della Libia e di alcuni paesi africani (fra cui Operazione Colomba, corpo di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII) hanno selezionato le persone vulnerabili da portare in Italia. Un secondo protocollo per i corridoi umanitari è stato firmato a novembre 2017. Il terzetto di realtà protagoniste dei corridoi umanitari si è fatto carico delle spese del viaggio e dei costi per l'accoglienza del primo periodo; i costi sul lungo periodo e per l'integrazione invece ricadono sulla società civile. Famiglie, singoli cittadini, enti locali in varie parti d'Italia hanno avviato autotassazioni per l'accoglienza dei richiedenti asilo. Il primo protocollo dei corridoi umanitari prevedeva l'ingresso nell'arco di 2 anni di oltre 1.000 persone; altre 1.000 dovrebbero trovare salvezza grazie al secondo, anche se ancora non sono stati concessi dal Governo Conte tutti i visti richiesti.

 

Corridoi umanitari dalla Siria

Negli ultimi cinque anni i volontari di Operazione Colomba hanno vissuto nel campo profughi di Tel Abbas ai confini con la Siria, in Libano, insieme ai bambini, agli anziani, alle mamme e ai papà che sono riusciti a fuggire dalla guerra che sta distruggendo la Siria. Si tratta di Migliaia di persone che aspettano solo la pace, per ritornare finalmente a casa, ma che oggi sono bloccate tra le tende. Per saperne di più: Corridoio umanitario dalla Siria

 

Papa Francesco sostiene i corridoi umanitari

Italia Oggi ipotizza che lo sbarco dei 51 a Pratica di Mare possa essere in realtà un'operazione del Governo per riavvicinarsi al mondo ecclesiale. In effetti più volte Papa Francesco ha affontato il tema dei corridoi umanitari. «La santità non riguarda solo lo spirito, ma anche i piedi, per andare verso i fratelli, e le mani, per condividere con loro», ha detto alla viglia della Giornata Mondiale del Rifugiato del 20 giugno 2018. Sono parole che invitavano i fedeli non solo ad essere pronti ad accogliere di chi lascia la sua terra “affamato di pane e di giustizia”, ma a fare di più: ad andare incontro, a tendere le mani.
 

Corridoi umanitari: sostieni l'accoglienza e contribuisci anche tu!

Ognuno può fare la sua parte! Per i richiedenti asilo sbarcati in Italia grazie ai corridoi umanitari si apre una speranza: un viaggio verso un luogo sicuro, dove poter vivere dignitosamente. Non a piedi, non per mare, non con mezzi di fortuna, ma con un aereo che atterra là dove ci sono braccia aperte a ricevere famiglie fragili, bisognose di cure mediche, di scuola e di lavoro, di normalità. I Corridoi Umanitari costituiscono un nuovo modello di accoglienza, per portare in salvo quelle famiglie  che non possono rimanere nei campi profughi un minuto di più. Sono persone che verranno guidate e sostenute passo dopo passo nel processo di integrazione.

Per far fronte alle necessità quotidiane, per permettere a queste famiglie di integrarsi, ai papà e alle mamme di provvedere da soli ai loro figli, servono 1.500 euro al mese, 50 al giorno, almeno per i primi tempi.

Sostieni i corridoi umanitari, serve il tuo aiuto >

 

 

#FOTOGALLERY:SIRIANI#
 

Il progetto per i Corridoi Umanitari dell'Unione Europea

Nel 2000 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato che il 18 dicembre di ogni anno fosse indetta la Giornata Internazionale per i diritti dei migranti. E proprio in questa data, il 18 dicembre 2017, una delegazione della Comunità Papa Giovanni XXIII ha dato inizio ad un tavolo di lavoro per coordinare la gestione di un nuovo progetto “Humanitarian Corridors” finanziato dall’Unione Europea. «È un progetto che porteremo avanti in collaborazione con la Comunità di S. Egidio e con i Salesiani» spiega Giovanni Fortugno, responsabile dell’ambito immigrazione nella Comunità Papa Giovanni XXIII, responsabile del coordinamento sbarchi a Reggio Calabria, nonché responsabile per l’immigrazione per la Caritas diocesana. «Il finanziamento dell’Unione Europea ci permetterà di fare sostegno, accompagnamento e advocacy per 1000 persone». Sono coperte insomma le spese per la mediazione linguistica, il sostegno psicologico ed i tirocini formativi, per i profughi che arrivano da Siria ed Etiopia.

Da dove provengono dunque i migranti che potranno beneficiare di questo progetto?

«Circa metà arriveranno dal campo profughi dall’Etiopia, in cui vivono 1 milione persone, di cui 44mila sono minori non accompagnati. L’Etiopia in questo momento sta facendo davvero un grosso lavoro. I rifugiati in questo campo provengono da vari Paesi: Sudan, Eritrea, Somalia, Yemen. Purtroppo i migranti fuggono da situazioni politiche drammatiche, dove c’è la dittatura, oppure da persecuzioni per motivi religiosi. In questo campo profughi è già operativa Caritas Internationalis, che insieme a S. Egidio e i Salesiani, si occuperà di selezionare le persone da mandare in Italia. Come Comunità Papa Giovanni XXIII abbiamo dato la disponibilità ad accogliere alcune persone particolarmente bisognose: sono state liberate dall'ONG Gandhi (associazione che opera al confine tra Egitto e Israele per assistere i rifugiati) dopo mesi di torture dove hanno anche subito un espianto di alcuni organi. L’altra metà arriverà dal campo profughi del Libano, che ospita soprattutto siriani scappati dalla guerra. Alcuni di loro sono già arrivati in Italia nel corso del 2017, grazie ai corridoi umanitari che abbiamo fatto in collaborazione con la Comunità di S. Egidio e la Chiesa Valdese».

Perché è importante questo progetto?

«Perché ci permette di dare una risposta concreta a questo dramma, riprendendo l’indicazione pastorale che Papa Francesco ha dato in occasione del Forum Internazionale “Migrazioni e pace”. Il Papa dice chiaramente che bisogna aprire canali umanitari accessibili e sicuri. E ci ha dato questi 4 verbi come linee guida: accogliere, proteggere, promuovere, integrare. Questa linea pastorale non è solo teorica, ma si sta traducendo in un’azione concreta, grazie alla collaborazione di diversi soggetti ecclesiali: Caritas, CEI, Salesiani, S. Egidio e la Comunità Papa Giovanni XXIII, appunto».

In che modo la Comunità Papa Giovanni XXIII sta affrontando l’emergenza profughi?

«Nelle azioni che la Comunità Papa Giovanni XXIII ha portato avanti c’è stata una particolare attenzione a minori non accompagnati. Infatti a Reggio Calabria è aperta la Casa dell’Annunziata, una struttura di accoglienza per bambini e ragazzi profughi. Non solo li accogliamo, ma cerchiamo di integrarli nel tessuto sociale, mandandoli a scuola, ecc. Anche a Rimini la Apg23 ha aperto uno SPRAR per minori e ci hanno chiesto di aprire realtà simili anche in altri parti del territorio nazionale».

 


 

Per sostenere le accoglienze: Sostieni i corridoi umanitari

 

 



Marco Tassinari
14/11/2018
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 
Ultime news
  • L'allievo di don Milani a Rimini
    Sabato 19 gennaio 2019 a Rimini, c'è un nuovo appuntamento dell'Università del Perdono, dal titolo "Custodi di un unico re...
    Leggi tutto
    18 Gennaio 2019
  • È partito il Servizio Civile 2019
    45 volontari all'estero e 194 in Italia per il servizio civile Apg23
    Leggi tutto
    17 Gennaio 2019
  • Capodanno giovani in Romania
    C'è chi festeggia l'arrivo del  nuovo anno con panettone e spumante, c'è chi partecipa alle grandi feste in piazza, c'è ch...
    Leggi tutto
    15 Gennaio 2019
  • Con chi urla
    Può capitare, nella vita, di trovarsi in periodi in cui si è momentaneamente a corto di cose da fare. Senza scuola, senza ...
    Leggi tutto
    14 Gennaio 2019
  • Insieme ai senza dimora
    Anche quest’anno Apg23 ha messo in campo tutte le risorse disponibili per far sì che, soprattutto a Natale e per l’an...
    Leggi tutto
    07 Gennaio 2019
  • La marcia della pace
    In 1000 in cammino per le vie del centro a Bologna, con la 4^ Marcia per la pace
    Leggi tutto
    05 Gennaio 2019
  • 120 ragazzi liberati dalla droga
    Una festa per il ritorno alla vita dei 120 ragazzi  che hanno concluso il percorso di recupero presso le strutture terap...
    Leggi tutto
    28 Dicembre 2018
  • André Volon
    Se ne è andato il 19 dicembre 2018 un ribelle, guerriero di Dio. Ha lottato fino alla fine, non per salvare la sua vita, m...
    Leggi tutto
    20 Dicembre 2018
  • Il momento più magico dell'anno
    Come festeggiano il Natale i missionari nel mondo?
    Leggi tutto
    17 Dicembre 2018
  • Giornata disabilità: Io Valgo
    Eventi e iniziative in tutta Italia per il 3 dicembre, giornata internazionale ONU per i Diritti delle persone con disabil...
    Leggi tutto
    03 Dicembre 2018
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…