Eventi




«Basta stupri, ricatti e minacce!»

Nella XII giornata europea contro la tratta, Ramonda denuncia la violenza sulle giovani prostitute

«Dietro le apparenze di donne che mostrano la loro bellezza si cela l'orrore di una vera e propria forma di moderna schiavitù. Stupri, violenze, ricatti, minacce alle famiglie d'origine, riti vodoo. Fino alla morte di tante giovani che sono partite da paesi poveri con la speranza di una vita migliore» spiega Giovanni Paolo Ramonda, il successore di don Benzi alla guida della Comunità che quest'anno celebra il 50° anniversario dalla fondazione, in vista del Convegno a cui parteciperà a Pescara organizzato in questa ricorrenza europea. 
«Se i clienti sapessero quello che vivono realmente queste povere donne, spesso poco più che bambine, sono sicuro che rinuncerebbero a comprare questi corpi - continua Ramonda - I clienti sono complici di questa ingiustizia. Come i magnaccia».  

Un coro unanime si alza per dire basta a stupri, ricatti e assassini di giovani prostituite. Come il caso recente, macabro e inquietante, della giovane rumena barbaramente assassinata e bruciata da un cliente italiano a San Donnino, che interpella le coscienze sul tema della violenza di genere e del femminicidio nel sistema prostitutivo.

In occasione della XII^ Giornata europea contro la tratta, la Comunità Papa Giovanni XXIII organizza 2 eventi per sensibilizzare sul fenomeno e promuovere la Campagna Antitratta "Questo è il mio corpo" per la liberazione delle donne vittime di tratta e di sfruttamento sessuale.

A PESCARA

  • 19 ottobre ore 20.30: Fiaccolata per le vie di Pescara
  • 20 ottobre ore 16: Convegno "SULLA DIGNITA' NON SI TRATTA"

​Evento col patrocinio della città di Pescara e in collaborazione con l'Arcidiocesi di Pescara - Penne, Cisl di Pescara, Libera contro le mafie.

​Guarda il volantino dell'evento

A BOLOGNA

  • 25 ottobre ore 10: Seminario "SOPRAVVIVERE ALLA TRATTA", in collaborazione con il Dipartimento di Sociologia - Università di Bologna, Festival della migrazione e Cisl Emilia-Romagna.

Scarica il volantino dell'evento

 

#LIBERAILTUOSOGNO

Inoltre il Numero Verde Nazionale in aiuto alle vittime di tratta e grave sfruttamento, ripropone in numerose piazze italiane un gesto semplice per la giornata del 18 ottobre, ma dal grande valore simbolico. La liberazione in aria di un palloncino recante il messaggio #LIBERAILTUOSOGNO, è la metafora della liberazione simbolica del sogno di migliaia e migliaia di bambini, donne e uomini del pianeta che ogni giorno vengono portati con l’inganno dal loro Paese di origine in un altro allo scopo di essere sfruttati nell’ambito della prostituzione, dello sfruttamento lavorativo, delle economie illegali, dell’accattonaggio forzato o del traffico di organi. Per conoscere tutte le iniziative è possibile visitare la pagina Facebook  oppure il sito dell'Osservatorio Interventi Tratta 

I dati parlano chiaro. Nei 28 Paesi dell’ Unione europea sono 30.146, di cui oltre 1.000 minori, le vittime registrate di tratta e sfruttamento, a fronte di stime che parlano di circa 3,6 milioni di persone in schiavitù in Europa nel 2016. Sono i dati del recente Rapporto 2018 di Save the cheldren intitolato “Piccoli schiavi invisibili”In Italia si registra un incremento del 53% rispetto all’anno precedente. In una sola notte, infatti a ottobre 2017, la rete di organizzazioni riunite nella Piattaforma Nazionale Anti-Tratta ha rilevato 5.005 vittime in strada, tra cui 211 minoriLe unità di strada dei servizi anti-tratta stimano una presenza media di vittime di tratta richiedenti asilo pari a circa il 30%, quasi 1 su 3.  Emerge anche - come già sottolineato dagli operatori dell’Associazione Papa Giovanni XXIII dal 2015, nel libro denuncia “Non siamo in vendita” dell Casa editrice SEMPRE - che spesso i trafficanti utilizzano i Centri di accoglienza straordinari (Cas) per reclutare le giovani e sfruttarle anche nelle vicinanze delle stesse strutture. Ma è la questione delle minori la più allarmante: tra le vittime accertate in più del 93% sono ragazze nigeriane tra i 16 e i 17 anni. Un caso che desta preoccupazione a quello delle minorenni che a Ventimiglia, al confine italo-francese, si vedono costrette a prostituirsi per guadagnare i soldi necessari ad attraversare la frontiera, pagando ai passeurs somme tra i 50 e i 150 euro per il viaggio in autoDopo le ragazze nigeriane, le ragazze rumene costituiscono il secondo gruppo più numeroso nella prostituzione su strada in Italia. Si tratta soprattutto di adolescenti o neomaggiorenni più vulnerabili provenienti dalle aree più svantaggiate della Romania, come le regioni della Muntenia e della Moldova, in particolare i distretti di Bacau, Galati, Braila, Neamt e Suceava.



Irene Ciambezi
18/10/2018
NOTIZIE CORRELATE

 

 

Ultime news
  • Energia fossile e guerra
    🇪🇺 Nell’anniversario del Trattato che Il 18 aprile 1951 segnò il primo passo verso l'Europa unendo Francia, Italia, ...
    Leggi tutto
    20 Aprile 2024
  • «Siamo noi a liberare le donne»
    Il presidente dell'associazione fondata da don Oreste Benzi contro la risoluzione che oltre a chiedere il "diritto all'abo...
    Leggi tutto
    12 Aprile 2024
  • Case famiglia, il libro
    È uscito in libreria “Casa Famiglia. Le verità nascoste dietro un termine frainteso”, una documentata analisi del mo...
    Leggi tutto
    11 Aprile 2024
  • Azzardofollia
    L'appuntamento, ad accesso libero fino ad esaurimento posti, è mercoledì 17 aprile
    Leggi tutto
    03 Aprile 2024
  • Storia e cultura Romanì
    La Comunità Papa Giovanni XXIII, in collaborazione con UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, nell'ambito ...
    Leggi tutto
    28 Marzo 2024
  • Con il tuo 5x1000 puoi costruire ..
    Destina il tuo 5x1000 alla Comunità Papa Giovanni XXIII, scriveremo il lieto fine di tante storie
    Leggi tutto
    28 Marzo 2024
  • Festival della Pace
    La Comunità Papa Giovanni XXIII organizza per il prossimo 9 aprile un incontro pubblico sul Ministero della Pace con sott...
    Leggi tutto
    27 Marzo 2024
  • Affido, servono risorse
    «L'affido è anzitutto un'alleanza tra famiglie, è un meraviglioso sostegno temporaneo al bambino e alla famiglia d'origine...
    Leggi tutto
    26 Marzo 2024
  • Così nacque la Papa Giovanni XXIII
    Il 25 marzo di venti anni fa un Decreto della Santa Sede riconosceva in via definitiva la Comunità di don Benzi come Asso...
    Leggi tutto
    25 Marzo 2024
  • Pasqua 2024
    Nel drammatico contesto internazionale, segnato da terrorismo e guerre fratricide, le ACLI, l’AGESCI, l’Azione Cattoli...
    Leggi tutto
    25 Marzo 2024
Iscriviti alla Newsletter IOCON
Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai le nostre storie e le notizie dalle Case Famiglia e dal mondo della Comunità Papa Giovanni XXIII
iscriviti adesso

Loading…