Eventi




SERVIZIO CARCERE

carcere@apg23.org
Don Adamo Affri
M. +39 340 6852915
Mauro Cavicchioli
M. +237 98695181
Accoglienza CEC
M. +39 346 1503478
Pagina Facebook CEC

Casa "Madre del Perdono"

La "Casa Madre del Perdono” ha un compito educativo cioè vuole “tirare fuori” il meglio, la parte positiva che ogni individuo racchiude in sé. È capace di accogliere detenuti direttamente dal carcere, dopo aver recepito da loro, tramite diversi colloqui preventivi, in collaborazione con le istituzioni preposte, una volontà di cambiamento del proprio stile di vita. Con loro si inizia subito un percorso rieducativo personalizzato secondo il progetto "Oltre le Sbarre"

Al detenuto viene chiesto di rimanere almeno sei mesi, periodo poi rinnovabile anche a seconda della durata della pena. Nella prima fase di accoglienza che dura circa 2 mesi, il detenuto non si può allontanare dalla struttura. Tutti si devono assumere delle responsabilità. Gestione e ordine della casa, preparazione dei pasti, cura dell'orto e allevamento di piccoli animali, lavori di assemblaggio per alcune aziende del territorio.

Per iniziare a “guardarsi dentro” ognuno scrive due volte alla settimana un resoconto. Negli incontri col responsabile  del progetto rieducativo si leggono alcuni resoconti e ci si confronta insieme sulle problematiche e i risultati positivi ottenuti.

C'è una tabella di merito, in cui si segnalano i passi compiuti secondo la propria responsabilità. Una volta la settimana c'è l'incontro di relazione senza il responsabile del progetto così che i detenuti possono parlare liberamente.

Tre detenuti, in fase intermedia, frequentano la cooperativa sociale “La Pietra Scartata” impegnandosi a fianco di ragazzi con handicap fisico e psichico, a trasformare, produrre e commercializzare prodotti provenienti da agricoltura bilogica. In tale contesto i detenuti sono stimolati a costruire relazioni significative e vere, che nascono dall'incontro con la sofferenza, il dolore, ma anche con la gioia e il senso della vita. Il lavoro insieme ai disabili risulta inoltre essere di alto valore educativo sotto vari profili: rispetto per gli orari, dei luoghi, igiene personale, necessità di collaborazione, attenzione per l'altro specie del più bisognoso.

C'è poi un gruppo di 3-4 detenuti in fase avanzata che formano il cosiddetto consiglio di sincerità e sicurezza “CSS”. Si riuniscono settimanalmente per analizzare, gestire e risolvere i molti problemi della vita comune . Si fanno proposte e suggerimenti da sottoporre al responsabile del progetto.

Molto importante è il ruolo del territorio che si impegna notevolmente ed è parte attiva del progetto rieducativo. Ci sono 13 fra volontari e tirocinanti universitari i quali seguono individualmente ciascuno un detenuto. Creano una relazione di amicizia e dialogo, aiutano a vedere e affrontare i problemi nella chiave giusta, li affiancano anche nei broblemi legali e burocratici.

Ogni 15 giorni tutti sono invitati liberamente a partecipare alla S.Messa e alla catechesi in cui viene analizzato soprattutto l'aspetto del perdono. È un momento di confronto molto sentito e profondo. Generalmente tutti vogliono partecipare, anche chi professa un'altra religione. 

Al termine della pena gli ex detenuti vengono aiutati a reinserirsi nel tessuto sociale per esempio trovando loro un inserimento lavorativo esterno.

Per informazioni e approfondimenti:

Giorgio Pieri
E-mail: giorgiopieri@gmail.com

 

 

Ultime news
  • «Siamo noi a liberare le donne»
    Il presidente dell'associazione fondata da don Oreste Benzi contro la risoluzione che oltre a chiedere il "diritto all'abo...
    Leggi tutto
    12 Aprile 2024
  • Case famiglia, il libro
    È uscito in libreria “Casa Famiglia. Le verità nascoste dietro un termine frainteso”, una documentata analisi del mo...
    Leggi tutto
    11 Aprile 2024
  • Azzardofollia
    L'appuntamento, ad accesso libero fino ad esaurimento posti, è mercoledì 17 aprile
    Leggi tutto
    03 Aprile 2024
  • Storia e cultura Romanì
    La Comunità Papa Giovanni XXIII, in collaborazione con UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, nell'ambito ...
    Leggi tutto
    28 Marzo 2024
  • Con il tuo 5x1000 puoi costruire ..
    Destina il tuo 5x1000 alla Comunità Papa Giovanni XXIII, scriveremo il lieto fine di tante storie
    Leggi tutto
    28 Marzo 2024
  • Festival della Pace
    La Comunità Papa Giovanni XXIII organizza per il prossimo 9 aprile un incontro pubblico sul Ministero della Pace con sott...
    Leggi tutto
    27 Marzo 2024
  • Affido, servono risorse
    «L'affido è anzitutto un'alleanza tra famiglie, è un meraviglioso sostegno temporaneo al bambino e alla famiglia d'origine...
    Leggi tutto
    26 Marzo 2024
  • Così nacque la Papa Giovanni XXIII
    Il 25 marzo di venti anni fa un Decreto della Santa Sede riconosceva in via definitiva la Comunità di don Benzi come Asso...
    Leggi tutto
    25 Marzo 2024
  • Pasqua 2024
    Nel drammatico contesto internazionale, segnato da terrorismo e guerre fratricide, le ACLI, l’AGESCI, l’Azione Cattoli...
    Leggi tutto
    25 Marzo 2024
  • Festival della Vita Nascente 2024
    Festival della Vita Nascente 2024
    Leggi tutto
    23 Marzo 2024
Iscriviti alla Newsletter IOCON
Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai le nostre storie e le notizie dalle Case Famiglia e dal mondo della Comunità Papa Giovanni XXIII
iscriviti adesso

Loading…