Eventi




Tra musica, danza e teatro va in scena l’integrazione

Si è conclusa l'11 giugno la 2ª edizione di DiversArtemente in Sicilia

Sono passati 4 anni dalla 1ª edizione di DiversArtemente che ci ha visti impegnati nel Festival delle disabilità a Ferrara. Da allora un desiderio nel cassetto: riproporre in Sicilia la 2ª edizione. Questa volta invece di un unico appuntamento ne abbiamo pensati 3, per riflettere in maniera più approfondita sul valore del teatro (in aprile), della musica (a maggio) e della danza (a giugno) come strumento di integrazione e possibile sostegno per chi è più in difficoltà. Ogni appuntamento si è aperto il sabato sera con un momento di sensibilizzazione all'insegna dell’integrazione attraverso

  • spettacolo teatrale (per il teatro)
  • drum circle (per la musica)
  • flash mob (per la danza)

in diverse piazze del territorio in cui è presente la Comunità Papa Giovanni XXIII: Santa Venerina, Catania e Giarre.

3 weekend formativi, 3 Tavole Rotonde in cui insieme a professionisti provenienti da percorsi diversi e da diverse realtà italiane ci siamo dedicati all'approfondimento delle esperienze di integrazione e alla realizzazione di laboratori a cui, oltre agli iscritti, hanno partecipato bambini, giovani e adulti accolti nelle strutture della Comunità Papa Giovanni XXIII.

Molte le provocazioni che ci sono giunte dai partecipanti. Ne riportiamo alcune:

Eugenio racconta durante un’intervista: «Ho iniziato a partecipare ai laboratori di teatro che si svolgevano quando ero in carcere per uscire dalla cella e per vedere gente diversa dal solito. [...] Ho capito che so fare qualcosa di buono e che so far ridere i bambini! Ho capito che stando con persone in difficoltà posso insegnare loro delle cose belle, ma soprattutto, che ho da imparare da loro. Ora vivo a casa con la mia famiglia e quando vedo qualcuno per strada dei miei vecchi amici glielo dico che si può cambiare, che, se vogliono, la Comunità Papa Giovanni può aiutarli così come ha aiutato me».

Durante il drum circle un ragazzo marocchino si avvicina e dice ad uno dei conduttori: «Questa è la vera pace, suoni e musica uniscono religioni diverse».

Nella serata dedicata al flash mob si avvicina una mamma dicendo: «Questa sera attorno a questo telo blu siamo tutti uguali: disabili e non... i miei bambini ridono e si confondono con gli altri, è bellissimo! Questo è integrazione».

DiversArtemente è un sogno uscito dal cassetto che ci ha permesso di continuare a sognare insieme ai partecipanti. Così a partire da questa esperienza sono in embrione progetti diversi:

  • laboratori nelle scuole in cui i nostri ragazzi in difficoltà diventano operatori;
  • percorsi artistici nelle carceri dove i bambini figli di detenuti possano incontrare i loro papà in momenti di festa;
  • altri appuntamenti di integrazione con flash mob e drum circle in piazza dove si coinvolgano e sensibilizzino sempre più passanti... qualcosa è già partito, qualcosa è ancora nel cuore... e nel cassetto!

Un monito ci accompagna: «l’aver inteso che l'integrazione inizia da dentro di noi... e per viverla a pieno, così come ci suggeriva un docente, bisogna partire da noi stessi chiedendoci il perché delle nostre scelte!». I cassetti da aprire sono ancora molti, vi aggiorneremo su quello che sarà!



Maria Concetta Pappalardo e Laura Lubatti
23/06/2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • Servizio civile: posti disponibili
    C'è tempo fino al 12 luglio per presentare la domanda per un posto in Emilia Romagna per il servizio civile per giovani...
    Leggi tutto
    20 Giugno 2019
  • Società civile mobilitata fermar..
    Amnesty International Italia, Comitato per la riconversione RWM e il lavoro sostenibile, Movimento dei Focolari Italia, Re...
    Leggi tutto
    19 Giugno 2019
  • La consulta salva la Legge Merlin
    «Le motivazioni della Consulta mettono una pietra tombale su ogni proposta di regolamentazione della prostituzione in Ital...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2019
  • Premio Don Benzi 2019
    «Sono commosso — ha detto Padre Fabrizio Valletti (foto di Riccardo Ghinelli) alle mamme ed ai papà delle case famiglia ...
    Leggi tutto
    25 Maggio 2019
  • In memoria dei bimbi non nati
    La lapide per i bimbi mai nati vuole essere ricordo e segno di tenerezza per i bambini che non hanno potuto gioire della v...
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • La 3 giorni 2019
    A Forlì oltre 2000 persone accorse per l'assemblea generale della Comunità di Don Benzi
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • In marcia per la vita
    A Roma più di 15mila persone in difesa dei nascituri
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…