Eventi




A Catania in piazza con il Drum Circle

Quando la musica diventa linguaggio di pace e integrazione

Tanta gente diversa ma un unico cuore che batte al ritmo del più debole. Il 6-7 maggio scorso si è concluso anche il secondo appuntamento di “DiversArteMente: Uno, nessuno... tutti insieme” con focus sulla musica, organizzato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. Sono stati due giorni intensi di emozioni, incontri, musica e parole.

Sabato 6 maggio, di sera nel centro storico e artistico di Catania, la piazza davanti al teatro Bellini si è animata di bambini, giovani e anziani, gente di diverse etnie e culture per far vibrare la città grazie al drum circle guidato e facilitato dai maestri Paolo Caneva e Salvo Farruggio. Tanta gioia e grandi emozioni. Festa per tutti!

Per due ore si è parlata la stessa lingua… un pensiero, fra tutti quello di un uomo tunisino che alla fine della serata ci ha detto: «Grazie! Questa è la pace... gente diversa che si diverte insieme».

Domenica 7 maggio è stato invece momento di relazioni e riflessioni su come attraverso il linguaggio musicale è possibile dare voce a chi sta spesso ai margini della società.

Paolo Caneva, docente di musicoterapia al conservatorio di Verona, ci ha introdotto al mondo del songwriting, mentre Salvo Farruggio, musicista, musicoterapista e papà di casa famiglia, ha condiviso con il pubblico le sue esperienze artistiche con (e tra) giovani detenuti e ragazzi con handicap. Il pomeriggio si è concluso con un laboratorio per i tanti bimbi, ragazzi e giovani presenti. Tante le persone incontrate e tante le domande venute fuori.

Grazie ai contributi dei relatori, dei partecipanti e al fluire di riflessioni nate da esperienze diverse, ci siamo portati a casa una domanda: «Perché vogliamo impegnarci in questa avventura?».

Il pensiero comune è che dobbiamo partire da noi stessi per poter parlare di vera integrazione, dobbiamo crederci e donare a chi incontriamo, oltre alla professionalità, entusiasmo, con la certezza che solo partendo da noi il lavoro diventa serio e credibile. La chiusura della giornata in realtà non c'è stata, ognuno è uscito con la certezza di avere ancora molto da imparare e che gli scenari su cui la musica ci potrebbe portare sono tanti. 

Ci si è lasciati pieni di prospettive e di apertura alla ricerca di una motivazione profonda affinché la vera integrazione attraverso l'arte possa partire prima di tutto da un pieno coinvolgimento personale e comunitario.



Maria Concetta Pappalardo
09/05/2017
TAG: Arte / Disabilità / Pace
NOTIZIE CORRELATE

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

Ultime news
  • Giuseppe Sabattini è tornato all..
    «A nome della Comunità Papa Giovanni XXIII esprimo le più sentite condoglianze alla famiglia Sabattini per la salita in ci...
    Leggi tutto
    31 Gennaio 2023
  • Nuovo centro diurno per la disabi..
    Venerdì 27 gennaio, in via Castelsardo 57 a Sorso (SS) è stato inaugurato il nuovo centro diurno denominato “il Granello d...
    Leggi tutto
    30 Gennaio 2023
  • Armi nucleari: l'Italia ratifichi..
    A più di cinquant’anni dall’entrata in vigore del primo strumento di contenimento del riarmo, nel mondo ci sono ancora qua...
    Leggi tutto
    23 Gennaio 2023
  • Uniti in preghiera per la pace
    Preghiera per la pace durante la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani -18 – 25 gennaio 2023
    Leggi tutto
    16 Gennaio 2023
  • Papa Francesco incontra i piccoli
    Più di 800 bambini e ragazzi il 14 gennaio 2023 hanno incontrato Papa Francesco nel corso di un'udienza della Comunità Pap...
    Leggi tutto
    14 Gennaio 2023
  • Volontariato in Africa
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    09 Gennaio 2023
  • Ricordo di Papa Benedetto XVI
    «Da parte della grande famiglia sparsa in tutto il mondo nelle case famiglia con i piccoli ed i poveri della Comunità Papa...
    Leggi tutto
    31 Dicembre 2022
  • Capodanno fra gli ultimi
    Una festa aperta a tutti: sia a chi non può permettersi di pagare il tradizionale cenone, sia a chi non sa con chi festegg...
    Leggi tutto
    29 Dicembre 2022
  • Per Natale prendiamo posto a tavo..
    Il Natale è una festa da condividere e vivere insieme alle persone a cui si vuole bene, circondati dall’affetto della fami...
    Leggi tutto
    23 Dicembre 2022
  • Festa del Riconoscimento
    Ci sarà anche Giuseppe fra le 110 persone che vedranno riconosciuto il proprio cammino di superamento delle dipendenze pat...
    Leggi tutto
    23 Dicembre 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…