Eventi




A Catania in piazza con il Drum Circle

Quando la musica diventa linguaggio di pace e integrazione

Tanta gente diversa ma un unico cuore che batte al ritmo del più debole. Il 6-7 maggio scorso si è concluso anche il secondo appuntamento di “DiversArteMente: Uno, nessuno... tutti insieme” con focus sulla musica, organizzato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. Sono stati due giorni intensi di emozioni, incontri, musica e parole.

Sabato 6 maggio, di sera nel centro storico e artistico di Catania, la piazza davanti al teatro Bellini si è animata di bambini, giovani e anziani, gente di diverse etnie e culture per far vibrare la città grazie al drum circle guidato e facilitato dai maestri Paolo Caneva e Salvo Farruggio. Tanta gioia e grandi emozioni. Festa per tutti!

Per due ore si è parlata la stessa lingua… un pensiero, fra tutti quello di un uomo tunisino che alla fine della serata ci ha detto: «Grazie! Questa è la pace... gente diversa che si diverte insieme».

Domenica 7 maggio è stato invece momento di relazioni e riflessioni su come attraverso il linguaggio musicale è possibile dare voce a chi sta spesso ai margini della società.

Paolo Caneva, docente di musicoterapia al conservatorio di Verona, ci ha introdotto al mondo del songwriting, mentre Salvo Farruggio, musicista, musicoterapista e papà di casa famiglia, ha condiviso con il pubblico le sue esperienze artistiche con (e tra) giovani detenuti e ragazzi con handicap. Il pomeriggio si è concluso con un laboratorio per i tanti bimbi, ragazzi e giovani presenti. Tante le persone incontrate e tante le domande venute fuori.

Grazie ai contributi dei relatori, dei partecipanti e al fluire di riflessioni nate da esperienze diverse, ci siamo portati a casa una domanda: «Perché vogliamo impegnarci in questa avventura?».

Il pensiero comune è che dobbiamo partire da noi stessi per poter parlare di vera integrazione, dobbiamo crederci e donare a chi incontriamo, oltre alla professionalità, entusiasmo, con la certezza che solo partendo da noi il lavoro diventa serio e credibile. La chiusura della giornata in realtà non c'è stata, ognuno è uscito con la certezza di avere ancora molto da imparare e che gli scenari su cui la musica ci potrebbe portare sono tanti. 

Ci si è lasciati pieni di prospettive e di apertura alla ricerca di una motivazione profonda affinché la vera integrazione attraverso l'arte possa partire prima di tutto da un pieno coinvolgimento personale e comunitario.



Maria Concetta Pappalardo
09/05/2017
TAG: Arte / Disabilità / Pace
NOTIZIE CORRELATE

Ultime news
  • Covid a Cuneo
    Nelle settimane scorse in Piemonte si è aperto un dibattito pubblico sulla questione dei braccianti stranieri stagionali i...
    Leggi tutto
    03 Agosto 2020
  • The Green Diary
    Si chiama The Green Diary, un sito rivolto ai giovani e non solo, che vogliono raccogliere l'invito di Papa Francesco per ...
    Leggi tutto
    01 Agosto 2020
  • Un Pasto al Giorno torna a settem..
    Il 26 - 27 settembre Un Pasto al Giorno torna nelle città d'Italia per contrastare le nuove povertà emergenti.
    Leggi tutto
    30 Luglio 2020
  • Giornata contro la tratta 2020
    Il 30 luglio si celebra la giornata mondiale contro la tratta di persone: ancora oggi ci sono 25 milioni di persone traffi...
    Leggi tutto
    30 Luglio 2020
  • Omotransfobia legge pericolosa
    «Siamo preoccupati per questo progetto di legge che nasconde insidie sulla libertà di educazione e sulla libertà di opinio...
    Leggi tutto
    29 Luglio 2020
  • Storia di Nico
    Gentile direttore, l’inferno che stanno vivendo i migranti nelle isole greche è sotto gli occhi di tutto il mondo: il sov...
    Leggi tutto
    28 Luglio 2020
  • Ramonda riconfermato
    Giovanni Paolo Ramonda è stato eletto per la terza volta Responsabile Generale della Comunità Papa Giovanni XXIII. Dal...
    Leggi tutto
    25 Luglio 2020
  • Auguri Presidente
    «Auguri Presidente Sergio Mattarella», rimbalza sui social network apg23: il Presidente della Repubblica era stato in visi...
    Leggi tutto
    23 Luglio 2020
  • Finalmente l'Assegno Unico
    «Finalmente un investimento da parte dell'Italia a favore della maternità. Un assegno che parte dal settimo mese di gravid...
    Leggi tutto
    21 Luglio 2020
  • Senza anziani non c'è futuro
    «Da questo letto senza cuore scelgo di scrivervi cari miei figli e nipoti”, “dentro questa bella ‘prigione’. Sì, così l’ho...
    Leggi tutto
    15 Luglio 2020
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…