Eventi




Sonia, 16 anni, torturata per mesi

L'8 febbraio sarà la giornata internazionale contro la tratta

Sonia aveva 16 anni quando ha lasciato la sua terra, la sua famiglia, la scuola. Pensando di trovare una vita migliore al di fuori della Nigeria, sostenere la sua famiglia che non aveva il necessario per vivere e sua sorella negli studi, è stata inglobata nel flusso dei profughi fino alla Libia e qui adescata per essere una delle tante prostitute minorenni ridotte in schiavitù nei bordelli libici. Dopo essere stata violentata e torturata per tre mesi, il suo percorso di tratta è continuato sui barconi verso le coste italiane fino alla destinazione finale: la prostituzione sulle strade di una metropoli italiana. Altri 5 mesi di violenze. Finché ha visto una luce in fondo al tunnel dell'orrore incontrando gli operatori della Comunità Papa Giovanni XXIII.

MIGLIAIA DI MINORENNI DESTINATE ALLO SFRUTTAMENTO SESSUALE

Secondo i dati 2016 di Save the Children sono tante le adolescenti che come Sonia sognano con ansia una via d'uscita. Soprattutto da Nigeria, Ghana e Costa d'Avorio. «Il numero delle minori e giovani donne nigeriane arrivate in Italia potenzialmente ad alto rischio di sfruttamento - denuncia il Report di Save the Children - è in continuo aumento». Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza Direzione Centrale dell’Immigrazione e delle Polizia delle Frontiere nei primi sei mesi del 2016 aveva infatti registrato 3.529 donne di nazionalità nigeriana sbarcate sulle coste italiane e 814 minori non accompagnati con una significativa presenza di ragazze adolescenti di età compresa tra i 15 e i 17 anni e un aumento del numero di bambine di 13 anni. Secondo il Rapporto dell'Oim (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) sulle vittime di tratta nell’ambito dei flussi migratori nell’anno 2014-2015, «questo dato riflette un trend in aumento che ha visto un incremento del 300% degli arrivi di ragazze nigeriane nel nostro Paese tra il 2014 e il 2015».

IN PREGHIERA PER LE VITTIME DI TRATTA

L’8 febbraio sarà l'occasione per ricordare ognuna di loro in occasione della ricorrenza di Santa Bakhita, schiava sudanese di 7 anni, venduta ad un commerciante veneziano. Liberata e convertita al cristianesimo, divenne suora canossiana e infine santa. Da tre anni infatti, in questa data, la Chiesa celebra la Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di esseri umani promossa da Talitha Kum, la rete internazionale che riunisce tutte le religiose e i religiosi del mondo impegnati contro la tratta, in sinergia con numerose organizzazioni internazionali. Le Nazioni Unite stimano che nel mondo ogni anno siano 1.200.000 i bambini trafficati e sfruttati. Per questo il titolo scelto per la Giornata contro la tratta 2017 è Sono bambini! Non schiavi.

FERMIAMO LA DOMANDA PER FERMARE GLI SFRUTTATORI

La Comunità Papa Giovanni XXIII, che ha fatto proprio il dramma della tratta di minori a scopo di sfruttamento sessuale, promuoverà in diverse diocesi d’Italia con i rispettivi vescovi fiaccolate cittadine e veglie di preghiera. Un’occasione per ricordare che occorre fermare la domanda di prestazioni sessuali per fermare il traffico di esseri umani, come emerge dalla Campagna Questo è il mio corpo lanciata nel luglio 2016 presso la Camera dei Deputati e nuovamente promossa lo scorso 19 gennaio a Roma in occasione del convegno Contro la schiavitù della prostituzione

SAVE THE DATE!

Di seguito gli eventi attualmente previsti.

  • 4 febbraio a Piacenza: ore 16 fiaccolata - ore 18 S. Messa con Mons. D'Ambrosio. 
  • 6 febbraio a Rimini: ore 21.00 Incontro pubblico su “La visione antropologica della donna e il fenomeno della prostituzione” presso Sala del Giudizio, via Tonini 1.
  • 8 febbraio a Ferrara: ore 20.45 Tavola rotonda e a seguire fiaccolata con l'arcivescovo di Ferrara - Comacchio, Mons. Luigi Negri.
  • 8 febbraio a Verona: ore 20.30 Fiaccolata con il Patriarca di Venezia Francesco Moraglia insieme a Mons. Zenti vescovo di Verona, Mons. Pavanello vescovo di Adria-Rovigo, Mons. Pizziol vescovo di Vicenza. 
  • 8 febbraio a Marina di Massa: ore 21 Veglia di preghiera presso la chiesa parrocchiale.
  • 12 febbraio a Torino: ore 17.30 fiaccolata e a seguire concerto Gospel. Sono stati invitati i vescovi del Piemonte.

Ulteriori informazioni sul sito www.questoeilmiocorpo.org.



Irene Ciambezi, foto di Emanuele Zamboni
26/01/2017
NOTIZIE CORRELATE

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

 

Ultime news
  • Si è spenta il 29 giugno una voc..
    Le condoglianze del Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda
    Leggi tutto
    30 Giugno 2022
  • Addio Suor Luisa Dell'Orto
    «Siamo vicini — così Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII — con la preghiera al popolo ha...
    Leggi tutto
    28 Giugno 2022
  • Giornate dell'interdipendenza 2022
    La città di Bologna offre una serie di eventi per celebrare la giornata della lotta all'abuso e al traffico illecito di d...
    Leggi tutto
    21 Giugno 2022
  • L'Italia non diserti vienna
    Il rischio della guerra nucleare è più vicino che mai. È difficile comprendere perciò la scelta dell’Italia di non parteci...
    Leggi tutto
    18 Giugno 2022
  • 5X1000, un piccolo gesto che può..
    Con una semplice firma nella tua dichiarazione dei redditi, puoi cambiare la vita delle persone che incontriamo e accoglia...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Laura Milani presidente Cnesc
    «Siamo felici di contribuire con la presenza significativa di Laura Milani allo sviluppo sempre più adeguato del Servizio ...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Missionari in Cile, il racconto
    Da Rovereto al Cile per stare accanto ai Mapuche. Così Fabrizio e Francesca Bettini hanno cambiato vita, con loro i tre fi...
    Leggi tutto
    06 Giugno 2022
  • Bologna per la Pace
    I pacifisti tornano in piazza a Bologna mercoledì 1 giugno per chiedere di fermare il conflitto in Ucraina. La nuova manif...
    Leggi tutto
    01 Giugno 2022
  • Basta bimbi in carcere
    «È un primo passo fondamentale perché viene riconosciuta la dignità del bambino, che insieme alla sua mamma, che evidentem...
    Leggi tutto
    31 Maggio 2022
  • Le famiglie ucraine nelle nostre ..
    “Alla follia della guerra rispondiamo preparandoci ad accogliere i profughi ucraini nelle nostre case famiglia, famiglie...
    Leggi tutto
    16 Maggio 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…