Eventi




Parla il cliente: «la prostituzione è una droga»

Anche Beatrice Fazi alla presentazione della maratona di Firenze

Non capita spesso che un ex cliente del mercato del sesso si dichiari in pubblico, di fronte ai giornalisti per lo più. Eppure è capitato, oggi a Firenze, nel cuore di Palazzo Vecchio in centro città. Nicola Rizzello, un operatore di una comunità di recupero per vittime delle dipendenze di Nuovi Orizzonti (il movimento fondato da Chiara Amirante), ha preso la parola durante la conferenza stampa di presentazione della marcia podistica contro la prostituzione che si snoderà in Toscana a partire dal 5 maggio 2017. In platea lo ascoltavano, fra gli altri, la moglie. Al suo fianco Annabelle, nigeriana, trent'anni, vittima di tratta ai fini di sfruttamento sessuale. E aveva appena parlato il delegato regionale dell'Azione Cattolica per la Toscana, Giovanni Pieroni, che non l'aveva mandata a dire: «nonostante sia evangelico, io non riesco proprio ad amare i clienti delle prostitute».

«Ero tossicodipendente», ha iniziato a parlare Nicola, «e vivevo il sesso come una dipendenza. Davanti a me c'erano delle donne, delle persone. Ma io non me ne accorgevo. Non pensavo in quel momento a chi le avesse messe in strada, ero come accecato. Se fosse intervenuto qualcuno a mettermi in prigione, a farmi vedere il livello di bruttezza cui era arrivata la mia vita, forse sarei riuscito a salvarmi prima, a non abusare di loro».

Nicola un giorno, quando l'unica soluzione rimasta al suo vuoto interiore sembrava essere la morte, trovò la forza di chiedere aiuto, e venne accolto nella comunità che gli avrebbe restituito poi la dignità e la vita. «In Comunità ho imparato la legge dell'Amore. Ecco perché oggi dico che l'unico argine al fenomeno della tratta delle donne ai fini dello sfruttamento sessuale può essere solo l'intervenire sui clienti, fargli loro capire con una multa salata qual è il costo umano del loro piacere».

Uscendo di sala, Nicola raccoglie un volantino e chiede un numero di telefono: vuole partecipare in qualità di maratoneta all'evento, che avverrà in notturna.
Da Piazza Dalmazia, scelta proprio perché ritrovo abituale delle donne costrette alla prostituzione, si partirà il 5 maggio alle 18. I runners percorreranno le vie del sesso, passando per Prato, Lucca, Pisa, per arrivare ventiquattr'ore dopo a Viareggio. Incontreranno le ragazze, parleranno con loro, raccoglieranno la loro voce.

Anche Beatrice Fazi, l'attrice di Un medico in famiglia, si è trovata a confidarsi oggi durante la conferenza stampa: «Anni fa quando passavo per la Salaria coi miei figli e vedevo quelle donne ai margini della strada, dentro di me pensavo: speriamo che non mi facciano domande! Dentro di me ero convinta che se erano lì a prostituirsi, in fondo se l'erano cercata. Poi l'anno scorso mi sono trovata a recitare in piazza a Roma, nel ruolo di una donna crocifissa durante la Via Crucis organizzata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. L'esperienza è stata talmente forte che ora non posso non ripensare al corpo martoriato di Gesù ogni volta che vedo una donna in strada.

Giovanni Paolo Ramonda, il presidente dell'associazione di don Benzi, ha ricordato la campagna per ridare dignità del corpo femminile: Questo è il mio corpo propone anche in Italia l'adozione del modello nordico (adottato in Svezia, ma anche in Francia, Irlanda e altri paesi europei) che ha ottenuto ottimi risultati nel contrasto allo sfruttamento della prostituzione. Disincentiva la domanda attraverso sanzioni ai clienti. È l'unica soluzione possibile anche per Romano Tiraboschi, intervenuto come portavoce del movimento dei Focolari. A moderare la presentazione era Lucia Bellaspiga, inviata del quotidiano Avvenire: «il mercato della prostituzione va contrastato ricordando la legge della domanda e dell'offerta. Se voglio combattere il traffico di zanne d'elefante cosa si fa? Si multano i clienti che vengono trovati con l'avorio nelle borse. Se si può fare per salvare la vita di quegli animali, tanto più si potrà fare quando si parla di esseri umani».



Marco Tassinari
02/05/2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • La consulta salva la Legge Merlin
    «Le motivazioni della Consulta mettono una pietra tombale su ogni proposta di regolamentazione della prostituzione in Ital...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2019
  • Società civile mobilitata fermar..
    Quello che segue è il comunicato stampa congiunto diramato da Amnesty International Italia, Comitato per la riconversione ...
    Leggi tutto
    29 Maggio 2019
  • Premio Don Benzi 2019
    «Sono commosso — ha detto Padre Fabrizio Valletti (foto di Riccardo Ghinelli) alle mamme ed ai papà delle case famiglia ...
    Leggi tutto
    25 Maggio 2019
  • In memoria dei bimbi non nati
    La lapide per i bimbi mai nati vuole essere ricordo e segno di tenerezza per i bambini che non hanno potuto gioire della v...
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • La 3 giorni 2019
    A Forlì oltre 2000 persone accorse per l'assemblea generale della Comunità di Don Benzi
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • In marcia per la vita
    A Roma più di 15mila persone in difesa dei nascituri
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • L'Inizio Ramadan
    Il Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda, nello spirito del "Documento sulla fratellanza u...
    Leggi tutto
    06 Maggio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…