Eventi




Dal concepimento alla morte: il mio corpo è vita!

Continuano gli interventi della Comunità Papa Giovanni XXIII su testamento biologico e sostegno alla maternità fragile

Da Modena a Cesena fino a Bologna sono diverse le voci a confronto sul tema della vita nascente e del fine vita, in questi primi giorni di primavera.

Il 24 marzo a Cesena si è tenuto l’incontro dal titolo Sì alla Vita - La dignità della Vita in ogni fase e condizione, organizzato in collaborazione con i Centri di aiuto alla vita e l’Associazione Genitori Ragazzi Down. Luca Russo, membro della Comunità Papa Giovanni XXIII e papà di casa famiglia, che con sua moglie Laura condivide la vita con bimbi portatori di handicap e cerebrolesi, ha portato la sua testimonianza raccontata anche nel libro L'eutanasia di Dio. Ha sottolineato che la vita, anche quella più fragile, è sempre vita ed è sempre dono. «Non possiamo archiviarla con un'eutanasia di Stato, come una sorta di darwinismo sociale». Accanto a lui è intervenuto anche Giampaolo Casalini, medico anestesista rianimatore, che, parlando del dibattito che scuote il Paese riguardo alla legge sul testamento biologico, ha proposto alcune riflessioni sul tema delicato del fine vita e sulle domande che interpellano ogni coscienza. La vita in qualunque condizione del corpo e della mente è da considerare vita e degna di essere vissuta? Può l’esperienza della condivisione contribuire a portare questa condizione di infermità o disabilità e magari a offrire un ulteriore senso e un significato in questi particolari momenti o condizioni? L’attuale proposta legislativa non rischia di creare un ostacolo alla maturazione del senso della propria vita e della propria storia dato che un testamento è qualcosa di scritto che non si può cambiare?

Domenica 26 marzo a Modena circa 400 persone hanno camminato per esprimere il loro Sì alla vita lungo le vie del centro cittadino. Tra gli interventi più significativi quello di Enrico Masini, referente del Servizio Famiglia e Vita della Comunità Papa Giovanni XXIII che ha ricordato come don Oreste Benzi 20 anni fa aveva voluto «uno specifico Servizio Maternità Difficile e Vita che aiutasse l’intera Comunità Papa Giovanni XXIII ad accogliere gestanti con difficoltà tali da sentirsi indotte a chiedere la soppressione del proprio figlio». E che siamo chiamati a pregare, agire e gridare «per ogni gestante in difficoltà, per ogni papà in crisi, per ogni piccolo o piccola sorellina ancora nel seno materno e a rischio di essere fatta a pezzettini». Ha inoltre ricordato due importanti proposte lanciate lo scorso anno dal presidente Giovanni Paolo Ramonda: riconoscere come lavoro a tutti gli effetti le cure materne fino ai 3 anni del bambino con contributi e stipendio e sperimentare una moratoria dell’aborto. Anche Fausto Roncaglia, farmacista, vicepresidente dei Farmacisti Cattolici Italiani, ha testimoniato con coraggio cosa significa l’impegno a difesa della vita nel proprio lavoro: «La legge italiana chiama farmaci quei prodotti che uccidono, ma non sono farmaci, sono vere e proprie armi chimiche, sistemate nelle cassettiere e negli scaffali delle farmacie (pillola del giorno dopo, pillola dei 5 giorni dopo…). E se un farmacista si rifiuta di vendere questi prodotti, che sono dei veri e propri pesticidi umani, può essere denunciato, processato e condannato. Quindi facciamo obiezione con il rischio di essere denunciati, di essere licenziati, di non essere assunti se obiettori. Qualche collega per potere mantenere la famiglia è stato costretto a cambiare tipo di lavoro».

Il 1 aprile sarà la volta di Bologna. Il tema del sostegno alla vita nascente nelle mamme adolescenti sarà il centro della riflessione nel Convegno promosso dalla Direzione Generale Cura della persona, Salute e Welfare della Regione Emilia-Romagna, dal titolo Gestanti adolescenti: relazione di aiuto e accoglienza in famiglia, la Comunità Papa Giovanni XXIII porterà il proprio contributo con la testimonianza di Franca Franzetti, referente per l’accoglienza gestanti e responsabile Casa Famiglia Santa Paola, Roncofreddo (FC). 



Irene Ciambezi
31/03/2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 
 
Ultime news
  • Giornata Disabilità: gli eventi ..
    In occasione della Giornata Internazionale delle persone con Disabilità, al via l'evento IO VALGO che si svolgerà in div...
    Leggi tutto
    02 Dicembre 2019
  • Premio Don Benzi 2020
    La Fondazione Don Oreste Benzi ha pubblicato il bando del Premio internazionale “Don Oreste Benzi. Dalla parte degli ultim...
    Leggi tutto
    26 Novembre 2019
  • Il regalo di Natale più bello? C..
    Sono arrivati i nuovi regali solidali di Apg23: regali che contano davvero perché dietro ogni dono c’è la storia di un...
    Leggi tutto
    23 Novembre 2019
  • Beatificazione Don Benzi
    La scelta di non fermarsi nonostante le precarie condizioni di salute, la povertà della sua stanzetta, le gioie e le soff...
    Leggi tutto
    22 Novembre 2019
  • Giornata violenza donne 2019
    Nicoleta, Benedicta, Arietta, Christina, Venetita, Lioara, Jennifer, Angela, Andreea Cristina, Evelyn, Sofia, Loveth. Sono...
    Leggi tutto
    21 Novembre 2019
  • Prostituzione, non è autonomia
    «La prostituzione è una schiavitù sessuale, non un'autonomia. Non è libero chi è costretto da altri o da condizioni disagi...
    Leggi tutto
    14 Novembre 2019
  • Universal Periodic Review
    Lo scorso 4 novembre l’Italia, rappresentata a Ginevra da una delegazione guidata dal sottosegretario agli Aff...
    Leggi tutto
    11 Novembre 2019
  • Partire per la missione
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    09 Novembre 2019
  • Notte del Don
    Il 31 ottobre, la “notte prima dei Santi” don Oreste Benzi non perdeva mai l’appuntamento con la strada, con i suoi poveri...
    Leggi tutto
    29 Ottobre 2019
  • Servizio civile: educare alla pace
    62 volontari all'estero e 164 in Italia per il servizio civile Apg23
    Leggi tutto
    28 Ottobre 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…