Eventi




Dal concepimento alla morte: il mio corpo è vita!

Continuano gli interventi della Comunità Papa Giovanni XXIII su testamento biologico e sostegno alla maternità fragile

Da Modena a Cesena fino a Bologna sono diverse le voci a confronto sul tema della vita nascente e del fine vita, in questi primi giorni di primavera.

Il 24 marzo a Cesena si è tenuto l’incontro dal titolo Sì alla Vita - La dignità della Vita in ogni fase e condizione, organizzato in collaborazione con i Centri di aiuto alla vita e l’Associazione Genitori Ragazzi Down. Luca Russo, membro della Comunità Papa Giovanni XXIII e papà di casa famiglia, che con sua moglie Laura condivide la vita con bimbi portatori di handicap e cerebrolesi, ha portato la sua testimonianza raccontata anche nel libro L'eutanasia di Dio. Ha sottolineato che la vita, anche quella più fragile, è sempre vita ed è sempre dono. «Non possiamo archiviarla con un'eutanasia di Stato, come una sorta di darwinismo sociale». Accanto a lui è intervenuto anche Giampaolo Casalini, medico anestesista rianimatore, che, parlando del dibattito che scuote il Paese riguardo alla legge sul testamento biologico, ha proposto alcune riflessioni sul tema delicato del fine vita e sulle domande che interpellano ogni coscienza. La vita in qualunque condizione del corpo e della mente è da considerare vita e degna di essere vissuta? Può l’esperienza della condivisione contribuire a portare questa condizione di infermità o disabilità e magari a offrire un ulteriore senso e un significato in questi particolari momenti o condizioni? L’attuale proposta legislativa non rischia di creare un ostacolo alla maturazione del senso della propria vita e della propria storia dato che un testamento è qualcosa di scritto che non si può cambiare?

Domenica 26 marzo a Modena circa 400 persone hanno camminato per esprimere il loro Sì alla vita lungo le vie del centro cittadino. Tra gli interventi più significativi quello di Enrico Masini, referente del Servizio Famiglia e Vita della Comunità Papa Giovanni XXIII che ha ricordato come don Oreste Benzi 20 anni fa aveva voluto «uno specifico Servizio Maternità Difficile e Vita che aiutasse l’intera Comunità Papa Giovanni XXIII ad accogliere gestanti con difficoltà tali da sentirsi indotte a chiedere la soppressione del proprio figlio». E che siamo chiamati a pregare, agire e gridare «per ogni gestante in difficoltà, per ogni papà in crisi, per ogni piccolo o piccola sorellina ancora nel seno materno e a rischio di essere fatta a pezzettini». Ha inoltre ricordato due importanti proposte lanciate lo scorso anno dal presidente Giovanni Paolo Ramonda: riconoscere come lavoro a tutti gli effetti le cure materne fino ai 3 anni del bambino con contributi e stipendio e sperimentare una moratoria dell’aborto. Anche Fausto Roncaglia, farmacista, vicepresidente dei Farmacisti Cattolici Italiani, ha testimoniato con coraggio cosa significa l’impegno a difesa della vita nel proprio lavoro: «La legge italiana chiama farmaci quei prodotti che uccidono, ma non sono farmaci, sono vere e proprie armi chimiche, sistemate nelle cassettiere e negli scaffali delle farmacie (pillola del giorno dopo, pillola dei 5 giorni dopo…). E se un farmacista si rifiuta di vendere questi prodotti, che sono dei veri e propri pesticidi umani, può essere denunciato, processato e condannato. Quindi facciamo obiezione con il rischio di essere denunciati, di essere licenziati, di non essere assunti se obiettori. Qualche collega per potere mantenere la famiglia è stato costretto a cambiare tipo di lavoro».

Il 1 aprile sarà la volta di Bologna. Il tema del sostegno alla vita nascente nelle mamme adolescenti sarà il centro della riflessione nel Convegno promosso dalla Direzione Generale Cura della persona, Salute e Welfare della Regione Emilia-Romagna, dal titolo Gestanti adolescenti: relazione di aiuto e accoglienza in famiglia, la Comunità Papa Giovanni XXIII porterà il proprio contributo con la testimonianza di Franca Franzetti, referente per l’accoglienza gestanti e responsabile Casa Famiglia Santa Paola, Roncofreddo (FC). 



Irene Ciambezi
31/03/2017
NOTIZIE CORRELATE

Ultime news
  • Siria, condizioni disumane
    Un devastante incendio ha distrutto, lo scorso 27 dicembre, un grande campo profughi presso la località libanese di Minyeh...
    Leggi tutto
    21 Gennaio 2021
  • Preghiera ecumenica
    Una preghiera ecumenica per ritrovare l’unità perduta nel corso dei millenni si terrà domani 21 Gennaio alle ore 18:00 in ...
    Leggi tutto
    20 Gennaio 2021
  • Dialoghi per un'agricoltura inclu..
    Continua la riflessione sull'economia di condivisione: il 22 gennaio 2021 ore 18.00 il prossimo appuntamento online.
    Leggi tutto
    15 Gennaio 2021
  • Papa Francesco: il doc
    Era il 12 Agosto 2016. Papa Francesco bussa alla porta della casa famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII a Roma. Le o...
    Leggi tutto
    12 Gennaio 2021
  • Formazione all'affido
    Il Forum delle Associazioni Familiari propone in tutta Italia, in collaborazione con la Comunità Papa Giovanni XXIII e alt...
    Leggi tutto
    11 Gennaio 2021
  • Vaccino ai disabili
    «Chiediamo che le persone con disabilità siano inserite fra le categorie prioritarie a cui somministrare il vaccino anti-c...
    Leggi tutto
    08 Gennaio 2021
  • Volontariato all'estero
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    07 Gennaio 2021
  • Santi Innocenti 2020
    28 dicembre, preghiera per la vita nascente
    Leggi tutto
    28 Dicembre 2020
  • Il messaggio di Natale della Comu..
    Gli auguri del nostro responsabile generale Giovanni Ramonda
    Leggi tutto
    24 Dicembre 2020
  • Servizio Civile: pubblicato il Ba..
    Dopo tanta attesa, ecco il bando di servizio civile universale 2020: con la Comunità Papa Giovanni XXIII 293 posti in Ital...
    Leggi tutto
    22 Dicembre 2020
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…