Eventi




La voce dei profughi siriani all'ONU

«Il nostro è un Paese d'incontro e di pace»

Il 14 marzo 2017, alla 34a sessione del Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra si è svolto il dialogo interattivo con la Commissioni Indipendente di Inchiesta sulla Siria.

Noi dell’ufficio APG23 di Ginevra abbiamo portato la voce dei profughi siriani con cui i volontari di Operazione Colomba (Corpo civile di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII), condividono la vita nei campi profughi nel nord del Libano. Abbiamo preparato un intervento scritto che riporta il testo preparato da questi fratelli e sorelle Siriani che da 6 anni convivono o sopravvivano alla guerra nel loro paese. Abbiamo anche dato loro voce (vedi video minuto 02:14:27) durante il dialogo con gli Stati e con i tre rappresentanti della commissione d’inchiesta presenti nella sala XX del Consiglio dei Diritti Umani.

Abbiamo chiesto pace per la Siria e lo abbiamo fatto riportando le loro parole

I volontari di Operazione Colomba con un gruppo di profughi siriani

«Il nostro paese (la Repubblica Araba Siriana) non è un campo di battaglia per i poteri che vogliono controllarlo e non appartiene a chi crede nella violenza ed è pronto ad uccidere per imporre la sua supremazia; il nostro paese è un paese d’incontro e di pace che appartiene a tutte le persone che lo amano».

Abbiamo ricordato a tutti i delegati degli Stati la frase con cui Papa Francesco ha chiuso il suo messaggio per il cinquantesimo anniversario della Giornata internazionale della pace:

«Che siano la carità e la nonviolenza a guidare il modo in cui ci trattiamo gli uni gli altri nei rapporti interpersonali, in quelli sociali e in quelli internazionali. Dal livello locale e quotidiano fino a quello dell’ordine mondiale, possa la nonviolenza diventare lo stile caratteristico delle nostre decisioni, delle nostre relazioni, delle nostre azioni, della politica in tutte le sue forme».

Abbiamo chiesto la pace per la Siria e una soluzione del conflitto che parta proprio dalla nonviolenza come stile diplomatico.

Significativo è stato l’intervento della Santa Sede che, sempre durante il dialogo con la Commissione Inquirente sulla Siria, ha chiesto la pace per questo paese ed un processo di pacificazione che si fondi sul perdono e sulla riconciliazione.

La Pace e il Diritto Umano alla Pace è stato anche il tema di un altro nostro intervento orale durante il dibattito generale svoltosi con l’Alto Commissario per i Diritti Umani il 9 marzo 2017 (video al minuto 1:08:17). Per celebrare e ricordare a tutti l’adozione avvenuta il 19.12.2016 da parte dell’Assemblea Generale ONU a New York di una nuova dichiarazione sul diritto alla Pace (A/RES/71/189) abbiamo preparato un intervento orale congiunto che è stato sottoscritto da altre 22 organizzazioni della società civile. Con questo intervento orale abbiamo cercato di suggerire agli Stati che questa nuova Dichiarazione ONU sul Diritto umano alla Pace rappresenta un passo avanti ma non può finire tutto in un semplice pezzo di carta.

Ora occorre tradurre la pace in istituzioni concrete che lavorino a livello nazionale e internazionale e diffondano una cultura della pace; infrastrutture che a livello locale già esistono nei comitati per la pace dei vari comuni italiani e che potrebbero concretizzarsi in un vero e proprio Ministero della Pace come noi della Comunità Papa Giovanni XXIII chiediamo da tempo.

Il nostro intervento è stato poi ripreso dalla fondazione Paz Sin Fronteras, la Fondazione di Juanes e Miguel Bosé che tanto si è spesa per il riconoscimento del diritto alla pace come diritto umano.



Fabio Agostoni
16/03/2017
NOTIZIE CORRELATE

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

 

Ultime news
  • Si è spenta il 29 giugno una voc..
    Le condoglianze del Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda
    Leggi tutto
    30 Giugno 2022
  • Addio Suor Luisa Dell'Orto
    «Siamo vicini — così Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII — con la preghiera al popolo ha...
    Leggi tutto
    28 Giugno 2022
  • Giornate dell'interdipendenza 2022
    La città di Bologna offre una serie di eventi per celebrare la giornata della lotta all'abuso e al traffico illecito di d...
    Leggi tutto
    21 Giugno 2022
  • L'Italia non diserti vienna
    Il rischio della guerra nucleare è più vicino che mai. È difficile comprendere perciò la scelta dell’Italia di non parteci...
    Leggi tutto
    18 Giugno 2022
  • 5X1000, un piccolo gesto che può..
    Con una semplice firma nella tua dichiarazione dei redditi, puoi cambiare la vita delle persone che incontriamo e accoglia...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Laura Milani presidente Cnesc
    «Siamo felici di contribuire con la presenza significativa di Laura Milani allo sviluppo sempre più adeguato del Servizio ...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Missionari in Cile, il racconto
    Da Rovereto al Cile per stare accanto ai Mapuche. Così Fabrizio e Francesca Bettini hanno cambiato vita, con loro i tre fi...
    Leggi tutto
    06 Giugno 2022
  • Bologna per la Pace
    I pacifisti tornano in piazza a Bologna mercoledì 1 giugno per chiedere di fermare il conflitto in Ucraina. La nuova manif...
    Leggi tutto
    01 Giugno 2022
  • Basta bimbi in carcere
    «È un primo passo fondamentale perché viene riconosciuta la dignità del bambino, che insieme alla sua mamma, che evidentem...
    Leggi tutto
    31 Maggio 2022
  • Le famiglie ucraine nelle nostre ..
    “Alla follia della guerra rispondiamo preparandoci ad accogliere i profughi ucraini nelle nostre case famiglia, famiglie...
    Leggi tutto
    16 Maggio 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…