Eventi




Violenza alle donne: i prossimi eventi

L'iniziativa all'interno del progetto MIRIAM. Free migrant women from GBV

Break the wall (Rompi il muro) è la campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne promossa da Comunità Papa Giovanni XXIII, Differenza Donna, Associazione gestrice del Numero nazionale 1522 antiviolenza e antistalking in Italia e Fundacion de solidaridad Amaranta in Spagna, nell’ambito del progetto europeo MIRIAM. Free migrant women from GBV (Gender-based violence) finanziato dal Programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza dell’Unione Europea.

In un contesto in cui i media europei riportano, ormai all’ordine del giorno, casi di femminicidi e di violenza assistita dai figli e dalle figlie, il progetto vuole contribuire a fare la differenza nel sradicare la violenza contro le donne. E oggi lancia su Instagram un’ampia azione di sensibilizzazione per coinvolgere anche i target più giovani della popolazione per un vero cambiamento culturale che possa “break the wall” contro violenza, stereotipi e pregiudizi responsabili di ostacolare la piena partecipazione delle donne nella società.

 

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, in Europa, nei primi mesi di diffusione della pandemia, gli Stati membri hanno segnalato un aumento fino al 60% delle chiamate di emergenza da parte di donne vittime di violenza per mano dei partner.

Il GREVIO, formato dal Gruppo di esperti del Consiglio d’Europa che monitora l’applicazione della Convenzione di Instanbul, negli ultimi due anni, ha posto particolare attenzione sulla necessità di coinvolgere le organizzazioni impegnate nella prevenzione e nel contrasto delle diverse forme di violenza che colpiscono le donne più vulnerabili: donne migranti, donne appartenenti a minoranze etniche, donne con disabilità, ecc. Le donne migranti e richiedenti asilo, in particolare, sono tra le più esposte alla violenza. Per questo necessitano di adeguato sostegno per poter accedere, insieme ai loro figli e alle loro figlie, ai diritti, alla salute e alla protezione in luoghi sicuri in tutti gli Stati membri.

 

Il progetto MIRIAM

Il progetto europeo MIRIAM. Free migrant women from GBV è stato avviato nel 2021 con l’obiettivo di aumentare le competenze di attori rilevanti per identificare tempestivamente le donne migranti vittime di GBV e indirizzarle a servizi di supporto specializzati; aumentare le competenze di professionisti/e in contatto con donne migranti con problemi di salute mentale causati dalla violenza subìta. Inoltre il progetto prevede di ampliare la rete pubblico-privata di servizi di supporto per le donne migranti sopravvissute alla GBV e di sensibilizzare professioniste e professionisti del settore socio-sanitario e il grande pubblico con particolare attenzione ai/lle giovani.

In Italia MIRIAM ha garantito la formazione di più di 400 operatori e operatrici di servizi a bassa soglia sul riconoscimento della violenza e percorsi di accoglienza e supporto delle sopravvissute. Nei prossimi mesi coinvolgerà almeno 100 operatori/trici e professionisti/ste del settore socio-sanitario per fornire adeguati strumenti di accoglienza nei casi di trauma e disagio mentale delle sopravvissute alla violenza.

Attraverso la formazione e il rafforzamento delle competenze degli attori che giocano un ruolo chiave nel riconoscimento dei segni della violenza e nei percorsi di accoglienza e supporto, il progetto mira a migliorare l’emersione, la protezione e i servizi di supporto specializzati per le donne migranti sopravvissute alla violenza con particolare attenzione a sfruttamento sessuale, violenza domestica e matrimoni forzati.

La campagna Break the wall nasce nell’ambito di questo importante progetto e prende forma in immagini ideate da illustratrici che si ispirano alla street art per rappresentare simbolicamente la voce e la forza delle donne di ogni parte del mondo contro ogni forma di violenza. I post che accompagnano ogni carosello, realizzati in una prospettiva di genere e di valorizzazione delle diversità culturali, saranno pubblicati su Instagram con l’obiettivo di raggiungere tre target distinti: le potenziali vittime, i professionisti del settore socio-sanitario e il grande pubblico con una particolare attenzione ai/lle giovani utenti del social tra i più diffusi nella rete.

I prossimi appuntamenti

In Italia, le immagini saranno divulgate anche attraverso l’esposizione di roll up nel corso dei prossimi seminari rivolti alle professioniste e ai professionisti del settore socio-sanitario, secondo il seguente calendario:

A Roma il 24/09  presso Sala Carla Lonzi, Casa internazionale delle donne

A Verona il 21/10 presso Aula Menegazzi, Dipartimento di Scienze Umane – Università di Verona

A Bologna il 30/11 presso Aula dei poeti, Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia - Università di Bologna

 

 

Per informazioni: progettomiriam@apg23.org



31/08/2022
NOTIZIE CORRELATE

 

 

Costruiamo una tavole dove ci sia posto per tutti - Un pasto al giorno

Ultime news
  • Addio a don Ivano
    Sacerdote dell'arcidiocesi di Milano, dopo aver incontrato la Comunità Papa Giovanni XXIII aveva scelto di accogliere i p...
    Leggi tutto
    21 Febbraio 2024
  • Fermiamo le guerre
    La Comunità Papa Giovanni XXIII aderisce e rilancia le iniziative per la pace del 24 febbraio.
    Leggi tutto
    20 Febbraio 2024
  • Giornata della vita 2024
    Domenica 4 febbraio 2024, il Centro di Aiuto alla Vita "Santa Gianna Beretta Molla" di Castiglione del Lago (PG) ha vissut...
    Leggi tutto
    19 Febbraio 2024
  • Camminare per la dignità
    Camminare per la dignità, Giornata Internazionale di Preghiera e Consapevolezza Contro la Tratta degli Esseri Umani
    Leggi tutto
    06 Febbraio 2024
  • Roma, Consulta di Pastorale Giova..
    È da poco terminata la prima Consulta di Pastorale Giovanile CEI del 2024 (19 e 20 gennaio) tenutasi a Roma presso Casa Sa...
    Leggi tutto
    23 Gennaio 2024
  • Storia di una madre
    Tra le beneficiarie una giovane donna nigeriana madre di due figli di cui uno gravemente disabile.
    Leggi tutto
    22 Gennaio 2024
  • La denuncia: «Armi fuori control..
    Le preoccupazioni per l'indebolimento del controllo sul commercio di armi portano la Comunità a esprimere la sua protesta...
    Leggi tutto
    19 Gennaio 2024
  • Fine Vita, dibattito veneto
    «Auspichiamo che i consiglieri regionali del Veneto si impegnino in difesa della vita e lascino cadere il disegno di leg...
    Leggi tutto
    16 Gennaio 2024
  • «Solidarietà al CAV di Padova»
    «Sentiamo di esprimere la nostra più grande vicinanza e solidarietà agli amici del Centro di Aiuto alla Vita di Padova»: c...
    Leggi tutto
    09 Gennaio 2024
  • «Non restiamo in pace»
    Non possiamo restare in pace in questo fine anno segnato dalla tragedia che sconvolge la Terra Santa, mentre nel cuore del...
    Leggi tutto
    27 Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…