Eventi




Un Pasto al giorno a Ginevra

Anche in Svizzera l’iniziativa della Papa Giovanni XXIII fa scaturire la generosità di tante persone

La nostra piccola delegazione dell’ufficio di Ginevra anche quest’anno ha organizzato il banchetto “Un pasto al Giorno

Come nei due anni passati, abbiamo chiesto il permesso di sistemarci sul sagrato della parrocchia inglese, che frequentiamo nelle messe infrasettimanali, una parrocchia che porta proprio il nome di Papa Giovanni XXIII. Così nel fine settimana ci siamo fatti trovare pronti all’uscita dalle Sante Messe del sabato sera e della domenica mattina.

Come speravamo, essendo nella ricca città di Ginevra la raccolta fondi è stata particolarmente fruttuosa grazie alla generosità di molti fedeli provenienti da tutti i continenti visto che la parrocchia è frequentata in particolare da persone anglofone di tutto il mondo (Zambia, Niger, Filippine, Regno Unito, Stati Uniti).

Proprio con riguardo alla generosità di molte persone vi vogliamo raccontare due piccoli episodi che ci hanno toccato. Il primo riguarda una “simpatica” signora che, mentre eravamo impegnati a parlare con altre persone che chiedevano della nostra Comunità, ha riempito la cassettina delle offerte con una montagna di monetine di uno, due e cinque centesimi di euro. Una vera montagna di monetine ramate, più di 200 (!), che hanno colorato ed appesantito la nostra cassetta. Una volta a casa è stato un divertimento contare ed impilare con i miei bambini tutte le monetine che, per quanto di poco valore, tutte insieme ammontavano a circa  6 euro Quando si dice che anche una piccola goccia può fare qualcosa. L’altro episodio, assolutamente inatteso, al contrario riguarda il lancio nella nostra piccola cassettina non di monetine ma di una vera e propria “monetona”. Domenica mattina verso le 11 le persone fuori la messa si erano già diradate ed un’anziana signora col sorriso sulle labbra, torna verso la chiesa, spuntando dal portico antistante la chiesa. Si è avvicinata risoluta al banchetto e, coprendo con una mano la fessura della cassetta, vi ha infilato un banconota spiegazzata e tutta colorata. Al nostro sorriso ed al nostro grazie mentre gli porgevamo il volantino ed il librettino con le ricette ha risposto: «Grazie ma li ho già presi prima. Sono ritornata perché non avevo con me i soldi, sono andata a casa a prenderli per lasciarvi la mia offerta».

Lì per lì non abbiamo fatto molto caso alla banconota che aveva lasciato e l’abbiamo semplicemente ringraziata di cuore per il suo gesto. Poi quando abbiamo aperto la cassettina e messo in fila i soldi raccolti ecco spuntare la “monetona”: una banconota da mille franchi ( che all’incirca sono 1000 euro !!!). La sorpresa di vedere per la prima volta una banconota da mille franchi (che non avevamo mai visto e di cui non sapevamo neppure l’esistenza) è stata superata dal ricordo di quello sguardo e di quel gesto di estrema delicatezza nel mascherare un’offerta così fuori dal comune. Un episodio che mi ha ricordato il brano di Vangelo della vedova che offre al tesoro del tempio (Marco 12, 38-44) tutto quello che può avendo il coraggio di privarsi del molto e non solo del superfluo.

Padre Ermes Ronchi nel commentare il vangelo di Marco scrive: «Quanto più Vangelo ci sarebbe se ogni discepolo, se l'intera Chiesa di Cristo, si riconoscesse non dai primi posti, prestigio e fama, ma dalla generosità senza misura e senza calcolo, dall’audacia nel dare. Allora, in questa felice follia, il Vangelo tornerebbe a trasmettere il suo senso di gioia, il suo respiro di liberazione».

Domenica sera, impilando le monetine e contando le banconote abbiamo pensato che ne valeva proprio la pena fare quel banchetto.  Anche solo per incrociare quegli sguardi, per dire quei grazie e per permettere ad entrambe le signore che abbiamo incontrato di fare il loro gesto di generosità. Il Signore, che sa guardare nel cuore di ognuno di noi, saprà rendere merito.

A noi resta la gioia di aver incontrato tante persone generose, tutte alla loro maniera, tutte con il loro stile.



Fabio Agostoni e Mara Rossi
19/10/2016
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • La consulta salva la Legge Merlin
    «Le motivazioni della Consulta mettono una pietra tombale su ogni proposta di regolamentazione della prostituzione in Ital...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2019
  • Società civile mobilitata fermar..
    Quello che segue è il comunicato stampa congiunto diramato da Amnesty International Italia, Comitato per la riconversione ...
    Leggi tutto
    29 Maggio 2019
  • Premio Don Benzi 2019
    «Sono commosso — ha detto Padre Fabrizio Valletti (foto di Riccardo Ghinelli) alle mamme ed ai papà delle case famiglia ...
    Leggi tutto
    25 Maggio 2019
  • In memoria dei bimbi non nati
    La lapide per i bimbi mai nati vuole essere ricordo e segno di tenerezza per i bambini che non hanno potuto gioire della v...
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • La 3 giorni 2019
    A Forlì oltre 2000 persone accorse per l'assemblea generale della Comunità di Don Benzi
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • In marcia per la vita
    A Roma più di 15mila persone in difesa dei nascituri
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • L'Inizio Ramadan
    Il Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda, nello spirito del "Documento sulla fratellanza u...
    Leggi tutto
    06 Maggio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…