Eventi




Grazie per Un Pasto al Giorno

Con le tovaglie a quadretti bianchi e blu, con i pacchetti di pasta, con i nostri figli, con i volontari che hanno condiviso con gioia il nostro impegno, abbiamo invaso le piazze e i sagrati d'Italia per l’ottavo anno consecutivo. È stato un fine settimana all’insegna dell’entusiasmo, guidato da uno slogan che è sì una dichiarazione d’intenti, ma soprattutto una promessa: "Finché gli ultimi non saranno i primi ci troverete qui".

È stato, anche, e non possiamo dimenticarlo, un fine settimana segnato ancora dal terremoto, che è tornato domenica mattina in centro Italia. Per questo nella zona di Umbria, Marche e Lazio, dove la terra ha tremato, quel giorno abbiamo scelto di fermarci. Molte case famiglia sorgono su quei territori: sono state colpite al cuore, alcune sono sfollate, ma le altre non hanno subito danni e sono disponibili a far posto a chi si trova in emergenza.

La ricetta di Un Pasto al Giorno era semplice: un’offerta libera per garantire un pasto a chi non ce l’ha. In cambio, un pacco di pasta, il simbolo del pasto donato che, in realtà, rappresenta molto altro, restituisce dignità perché trasforma l’emarginazione in una famiglia, formazione, lavoro.
Cibo è anche stare insieme, è mettere in comune e il nostro pacco di pasta ha voluto suggellare un nuovo patto sociale, che consente a chi dona e a chi riceve di essere sullo stesso piano.
“Grazie di cuore per il vostro impegno e generosità nel sostenerci nell’iniziativa ‘Un pasto al giorno’, grazie ai tanti giovani che hanno dato il loro tempo e che si prodigano anche durante l’anno”, ha dichiarato all’indomani dell’evento Giovanni Ramonda, Responsabile Generale di APG23. “Così decine di migliaia di persone potranno avere il cibo necessario per sopravvivere. In questa comunione dei Santi appena passata e insieme a don Oreste nostro fondatore, facciamo festa con tutti coloro a cui è ritornato il sorriso grazie al vostro sì”.

Il ringraziamento è corale, ed è rivolto a tutti quelli che, ancora una volta, hanno reso possibile questo evento, da tutti e due i lati del tavolo: a chi, dietro, ha indossato la maglietta blu e ha speso tempo e parole, e a chi davanti al tavolo si è fermato per donare un pasto a chi non ha nemmeno da mangiare. Non siamo ancora in grado di fornire i numeri di questa edizione, ci vorrà ancora qualche giorno, ma sappiamo già dire che i nostri pacchi di pasta sono arrivati in migliaia di cucine e che altrettanti sono i pasti che potremo garantire in Italia e in 38 paesi del mondo.

Quel che è passato di mano in mano è, però, qualcosa di più, che è difficile da definire.
È l’espressione incredula di Roberto, 20 anni e da 2 accolto in una Comunità Terapeutica, che tenendo in mano una banconota di grosso taglio ha chiesto a chi aveva deciso di donarla se per caso volesse il resto.
È l’email di Claudia, volontaria per la prima volta con Apg23: “è stata una giornata bella e arricchente, perché oltre alla gioia di conoscere nuove persone con un grande cuore, c’è stata la sorpresa di sentirmi parte integrante del gruppo dal primo istante, e quella di tornare a casa colma di gratitudine per questa esperienza”.
È il dietrofront di Antonella, che dopo esser passata davanti al banchetto ignorandolo è tornata indietro, ha voluto sapere perché fossimo in piazza e ha deciso di infilarsi la maglietta e di rimanere fino a sera.
È, soprattutto, la certezza che potremo garantire ad Angel, che a 5 anni ha affrontato da sola la traversata dalla Libia all’Italia ed è appena stata accolta in casa famiglia, ciò di cui è stata privata – cibo, ma anche dei vestiti frivoli, un’istruzione e tutto l’amore del mondo.

Guarda le foto dei volontari di Un Pasto al Giorno >



Ufficio Fund Raising apg23
16/11/2016
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    19 Aprile 2019
  • Campi di volontariato
    Campi fuori le mura: a Reggio Calabria fra i profughi, negli orfanotrofi in Romania, o in tutta Italia con gli homeless e ...
    Leggi tutto
    17 Aprile 2019
  • In sella per far del bene
    La manifestazione ciclistica “2x bene” ha destinato una donazione di 6mila alla Comunità di don Benzi
    Leggi tutto
    16 Aprile 2019
  • Sinodo dei Giovani, gran finale
    Le porte del Sinodo sui giovani celebrato a ottobre 2018 si sono chiuse. È arrivato quindi il tempo di buttarsi tutto ...
    Leggi tutto
    12 Aprile 2019
  • Il messaggio del Papa per i giovani
    Scopri i contenuti della nuova esortazione apostolica di Papa Francesco rivolta ai giovani. Dopo l'esperienza coinvolgente...
    Leggi tutto
    10 Aprile 2019
  • Lingua dei segni
    Cos'è il inguaggio dei segni? Una vera e propria lingua, con un suo alfabeto ed una sua grammatica. Ecco i riferimenti pe...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • «Non identifichiamo la cultura r..
    "In dialogo con il popolo rom", era il titolo del secondo dei 3 seminari previsti per il 2019 sulla cultura rom e sinta, o...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • Partire per la missione: la forma..
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • La mostra del Centro Diurno "Don ..
    A Cesena saranno esposte le opere artistiche degli ospiti del Centro Diurno "Don Oreste Benzi" nella 13a edizione di Diver...
    Leggi tutto
    04 Aprile 2019
  • Solo cose belle
    È in arrivo nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    31 Marzo 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…