Eventi




Il carcere minorile di Treviso: Dipartimento giustizia minorile, istituto penale per minori.

 

Giornata per i diritti dell'infanzia e dell’adolescenza 2017

Volontari incontrano i minori che hanno commesso reati

In tutto il mondo il 20 Novembre si celebra la giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, in memoria della ratifica della convenzione a tal riguardo, del 1989 da parte delle Nazioni Unite. Questa in Italia è stata ratificata nel 1991. Anche qui da noi, in realtà, bambini e ragazzi non sono tutti uguali; alcuni sono rinchiusi in carcere e i loro occhi chiedono: «Com’è la vita fuori?».

I dati del Ministero della Giustizia riportano che i minori condannati, nel Giugno del 2016, erano 426 e sono tutt’oggi ospitati in quelli che vengono definiti “Istituti penali per minori”. In queste strutture sono detenuti ragazzi e ragazze, dai 14 ai 25 anni, che hanno commesso reati, penali o civili, prima del compimento del 18° anno d’età. Il tribunale per i minori fu istituito nel 1934, in piena epoca fascista, e oggigiorno si è cercato di sostituire la vecchia impostazione punitiva con un modello assistenziale-terapeutico. Nonostante l’ultima modifica del Codice di Procedura Penale per minori, risalente al 1989, abbia tentato di diminuire il numero di ingressi, questo è ancora elevato.

I dati ci dicono che i reati commessi dai minori sono prevalentemente reati contro il patrimonio, seguiti da reati contro la persona, spaccio e rapina. Mediamente la pena è di circa un anno ma varia al mutare del reato.

Ma quali sono i volti che si nascondo dietro a questi numeri e dietro a queste colpe?

 

Vivere da adolescenti in un carcere minorile

Secondo Annamaria Mason, volontaria in carcere della Comunità Papa Giovanni XXIII, l’unica differenza coi ragazzi che sono fuori non è tanto l’assenza di un sogno, bensì la possibilità di crearsene uno. L'associazione presta in diverse città italiane servizio presso le carceri minorili.

La scorsa domenica un gruppo di volontari in collaborazione con l’associazione “La prima pietra”, hanno visitato i ragazzi del carcere minorile di Treviso e condividendo con loro la merenda e alcuni giochi. A Treviso i ragazzi reclusi sono 15 e la maggior parte non è italiana. Gli stranieri, nel nord Italia, sono la maggioranza e, come ci racconta Annamaria, non ricevono un trattamento uguale agli altri. Spesso non hanno la famiglia con loro e non si possono permettere l’assistenza di un buon avvocato.

Secondo le statistiche, nel Nord la maggioranza dei reclusi è straniera mentre nel Sud la prevalenza è composta da ragazzi italiani coinvolti in meccanismi malavitosi.

Quando si entra in carcere si deve avere un permesso speciale, si deve essere identificati e si devono riporre tutti i propri oggetti in un’apposita cassetta e, dopo aver varcato svariati cancelli, si possono incontrare i ragazzi. Inizialmente si è guardati con sospetto. Raccontano i volontari: «Appena si inizia a parlare e a scherzare con loro non si percepisce alcuna distinzione; ci si sente uguali. La differenza però, dopo i giochi e gli scherzi, ritorna: appena la polizia penitenziaria li obbliga ad andarcene».

La sveglia, in carcere, suona alle 8.00 per la colazione, poi vi sono delle attività a cui segue il pranzo, in seguito due ore di cella, di nuovo attività, due ore di cella, cena e poi… cella, tutta la notte.

Quando non sono in cella e non svolgono attività, i ragazzi hanno sei ore d’aria che possono trascorrere in un piccolo cortile o in una grigia palestra. Per fare qualsiasi cosa si deve chiedere il permesso, senza escludere la possibilità di essere perquisiti. Si ha un numero limitato di ore per i colloqui e per le telefonate. Nella quotidianità i ragazzi svolgono dei piccoli lavori che gli permettono di guadagnare pochi euro con cui si devono poi comprare tutto ciò che gli serve: sapone, dentifricio, acqua e sigarette. All’interno del carcere lavorano educatori, psicologi, mediatori culturali e professori che cercano di insegnargli una professione o fargli recuperare gli anni di scuola persi.

«Tutti coloro che stanno con questi ragazzi tentano di tenerli impegnati e fanno un buon lavoro ma il problema — spiega Annamaria — è che dentro si deve rispettare un determinato codice e che devono confrontarsi quotidianamente con la propria colpa».

Quando un ragazzo entra deve spogliarsi di tutto, compresi i propri oggetti personali e costruirsi una nuova identità: quella del carcere. Quando esce, poi, sarà costretto di nuovo a costruirsene una nuova o a rindossare quella vecchia e, prima o poi, ricadere e, forse, rientrare dietro alle sbarre.

In tutto ciò, che cosa fanno i volontari? «Cerchiamo di condividere coi ragazzi un po’ di questa anormale normalità; tentiamo di portare dentro un pezzo di cielo che loro non possono vedere dal piccolo cortile. Si vuol far capisce che la vita è più bella di come sono stati abituati e che rapporti, basati sulla gratuità, sono possibili», racconta Annamaria.



Francesca Cassaro
20/11/2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • Servizio civile: posti disponibili
    C'è tempo fino al 12 luglio per presentare la domanda per un posto in Emilia Romagna per il servizio civile per giovani...
    Leggi tutto
    20 Giugno 2019
  • Società civile mobilitata fermar..
    Amnesty International Italia, Comitato per la riconversione RWM e il lavoro sostenibile, Movimento dei Focolari Italia, Re...
    Leggi tutto
    19 Giugno 2019
  • La consulta salva la Legge Merlin
    «Le motivazioni della Consulta mettono una pietra tombale su ogni proposta di regolamentazione della prostituzione in Ital...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2019
  • Premio Don Benzi 2019
    «Sono commosso — ha detto Padre Fabrizio Valletti (foto di Riccardo Ghinelli) alle mamme ed ai papà delle case famiglia ...
    Leggi tutto
    25 Maggio 2019
  • In memoria dei bimbi non nati
    La lapide per i bimbi mai nati vuole essere ricordo e segno di tenerezza per i bambini che non hanno potuto gioire della v...
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • La 3 giorni 2019
    A Forlì oltre 2000 persone accorse per l'assemblea generale della Comunità di Don Benzi
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • In marcia per la vita
    A Roma più di 15mila persone in difesa dei nascituri
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…