Eventi




22 anni di gioia con una bimba Down

21 marzo: giornata mondiale delle persone con Sindrome di Down

Il 21 marzo c'è la Giornata mondiale delle persone con Sindrome di Down. Oggi, soprattutto in alcuni Paesi del nord Europa, la diagnosi prenatale che prevede le malformazioni fa sì che i bimbi Down non vengano più fatti nascere, interrompendo volontariamente la gravidanza: è la distruzione di un patrimonio dell’umanità, come sono questi bimbi stupendi, in mezzo al massacro degli innocenti di milioni di bimbi uccisi nel grembo materno. 

Un giorno di 22 anni fa l’assistente sociale chiese a Tiziana, mia moglie, e a me se potevamo accogliere Simona rimasta orfana. Una bella bimba di sei anni, con sindrome di Down, vissuta per i primi anni in alta montagna come Heidi con le mucche e la neve. Arrivò da noi tutta intimorita ma conquistò subito tutta la famiglia per la sua affabilità, tenerezza, mimica espressiva e comunicativa, tenacia e gioia di vivere. Oggi Simona fa la bidella nella scuola dove lei stessa ha fatto elementari e medie, con un tutor, insieme ai ragazzi del paese che la conoscono ormai benissimo. Con un progetto scritto a quattro mani tra Comune, Direzione didattica, Comunità Papa Giovanni XXIII e Cooperativa sociale.

I ragazzi con trisomia 21 sono meravigliosi, sanno essere bravi a scuola, lavorano come tutti gli altri, si divertono un mondo quando fanno un giro con gli amici o vanno a mangiare una pizza o a ballare. Creano gruppo e fraternità. Sono semplici, senza maschere, aprono il cuore e stimolano la condivisione.

In Italia oggi arrivano diverse richieste di accoglienza di bimbi Down che rappresentano la categoria nel mondo dell’handicap in cui è maggiore l’abbandono da parte dei genitori di origine. Conosco però anche molti genitori naturali che per una vita intera sono stati con questi figli eccezionali. Nella Comunità Papa Giovanni XXIII in tutto il mondo sono quasi 100 i figli rigenerati nell’amore con queste caratteristiche che vivono nelle case famiglia e famiglie accoglienti.

Vorremo andare ad aprire una casa famiglia in Danimarca mettendo la vita con la vita di queste persone e gridare in forma non violenta che la vita è un dono meraviglioso e che anche le persone con sindrome di Down sono costruttrici di storia e di nuova umanità.

Sono proprio le persone come Simona che ci sanno far vivere le gioie semplici.

foto di Caterina Balocco



Giovanni Paolo Ramonda
20/03/2018
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 
Ultime news
  • Ritiri spirituali Apg23
    3 giorni di spiritualità del povero: è il Deserto dell'Accoglienza della Comunità Papa Giovanni XXIII. Ecco come impara...
    Leggi tutto
    15 Febbraio 2019
  • Armi in Italia: per quale sicurez..
    La preoccupazione di molti è che Hit Show, la fiera che si svolge dal 9 all'11 febbraio 2019 a Vicenza e che si presenta c...
    Leggi tutto
    08 Febbraio 2019
  • Giornata per la vita
    In occasione della 41ª Giornata nazionale per la vita, che sarà celebrata domenica prossima, la Comunità Papa Giovanni XXI...
    Leggi tutto
    01 Febbraio 2019
  • Santa Giuseppina Bakhita
    Nel 2018 Papa Francesco ha incontrato le ex prostitute; a Roma storie di sfruttamento e liberazione in occasione della veg...
    Leggi tutto
    01 Febbraio 2019
  • Servizio civile: posti disponibili
    45 volontari all'estero e 194 in Italia per il servizio civile Apg23
    Leggi tutto
    30 Gennaio 2019
  • A Panama con Papa Francesco
    Giovani da tutto il mondo si ritrovano intorno a Papa Francesco a Panama. Tra loro c'è anche una delegazione Apg23
    Leggi tutto
    29 Gennaio 2019
  • «Grazie ai miei genitori affidat..
    Sabato 26 gennaio hanno vinto l’accoglienza e la collaborazione, hanno vinto le famiglie. L’evento #Dónàti è stato ...
    Leggi tutto
    28 Gennaio 2019
  • Accogliamo i profughi
    «Siamo pronti all'accoglienza dei ragazzi profughi della Sea Watch», ha annunciato nella notte Giovanni Paolo Ramonda, p...
    Leggi tutto
    26 Gennaio 2019
  • L'allievo di don Milani a Rimini
    Sabato 19 gennaio 2019 a Rimini, c'è un nuovo appuntamento dell'Università del Perdono, dal titolo "Custodi di un unico re...
    Leggi tutto
    18 Gennaio 2019
  • Capodanno giovani in Romania
    C'è chi festeggia l'arrivo del  nuovo anno con panettone e spumante, c'è chi partecipa alle grandi feste in piazza, c'è ch...
    Leggi tutto
    15 Gennaio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…