Eventi




Aborto scampato; la mamma pensava di abortire ma ecco il bimbo nella culla.

Come abortire

Aborto naturale e gravidanza indesiderata: come fare? Aborto chimico e pillola abortiva spiegati bene

Se sei in gravidanza, le pressioni che puoi subire come donna, e che potrebbero portarti alla ricerca di informazioni sul come abortire naturalmente, possono essere di origine sociale o familiare. Talvolta il marito o il compagno, oppure papà e mamma, oppure un medico in ospedale danno il consiglio di abortire di fronte a difficoltà oggettive ed evidenti o a malformazioni del feto. Ci possono essere problemi economici, oppure ti si prospetta una forte solitudine nel dover crescere un figlio da sola. Sei minorenne, o comunque troppo giovane e vuoi sapere come abortire senza farlo sapere ai genitori. O hai paura di non sapere amare un figlio con la sindrome di down. Magari hai già iniziato una ricerca sul come abortire in Italia o all'estero, se sia meglio un aborto farmacologico (chimico) e se sia possibile abortire in casa; quali sono tempi, luoghi e costi e come interrompere una gravidanza indesiderata. «Come abortire naturalmente?» a volte diventa un urlo, sembra quella l'unica strada rimasta aperta.

L’ambito Maternità e Vita della Comunità Papa Giovanni XXIII può essere al tuo fianco per ascoltarti ed affiancarti durante il tuo percorso, per trovare insieme strade per superare le difficoltà nel rispetto della dignità tua e del bambino.

Come abortire? Ecco a chi rivolgersi

Se sei in difficoltà con la gravidanza e vorresti chiedere aiuto ad una donna per abortire in casa o naturalmente chiama il numero verde 800-035036 per saperne di più, oppure scrivi su WhatsApp al numero 342.7457666. Puoi anche scrivere un messaggio privato sulla pagina Facebook della Comunità Papa Giovanni XXIII. Poni le tue domande via mail: maternitaevita@apg23.org. Chiedi informazioni anche sulla possibilità del parto in anonimato e sulle culle segrete, per conoscere le controindicazioni ed i rischi dei vari metodi abortivi.

 

Aborto: il numero verde

 

Informativa per la privacy art. 13, GDPR 679/2016
I tuoi dati saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII – titolare del trattamento – Via Valverde 10b, 47900 Rimini (RN) per rispondere alla tua richiesta. Gli incaricati preposti al trattamento sono gli addetti ai singoli uffici competenti per la richiesta avanzata ed ai sistemi informativi. Ai sensi degli 'artt. 15-22, GDPR 679/2016 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati od opporti al loro trattamento per motivi legittimi scrivendo al titolare all'indirizzo sopra indicato o inviare un'email a maternitaevita@apg23.org presso cui è disponibile, a richiesta, elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Ecco qualche foto per valutare lo sviluppo del feto durante le varie settimane di gravidanza.

Come abortire naturalmente

Come abortire con la pillola

L'aborto spontaneo, noto anche come aborto naturale, può verificarsi senza alcuna azione volontaria da parte della donna. Tuttavia, sempre più diffuso è il ricorso all'aborto farmacologico attraverso l'utilizzo di farmaci specifici come la pillola abortiva RU486 e le pillole del giorno dopo e dei 5 giorni dopo. La pillola abortiva RU486 viene proposta negli ospedali come alternativa all'intervento chirurgico per interrompere una gravidanza non desiderata. Tuttavia, è importante sottolineare che questo metodo presenta forti controindicazioni per la salute fisica e psichica della donna.

L'utilizzo della pillola abortiva può portare la donna a vivere il dramma dell'aborto in solitudine, privandola della possibilità di confrontarsi con altre donne nella stessa condizione. Questa situazione può avere ripercussioni significative sulla salute mentale delle donne coinvolte.

Le pillole del giorno dopo e dei 5 giorni dopo possono anch'esse avere un effetto abortivo nel caso in cui il concepimento sia già avvenuto. Questi farmaci rendono l'endometrio - la parete dell'utero in cui l'embrione dovrebbe annidarsi nei primi giorni - inospitale, impedendo così lo sviluppo dell'embrione stesso.

È importante considerare attentamente le implicazioni fisiche e psicologiche legate a queste pratiche mediche. Inoltre, è fondamentale offrire alle donne informazioni complete ed esaustive affinché possano prendere decisioni consapevoli riguardanti la propria salute riproduttiva.

Per comprendere appieno questa complessa tematica, potrebbe essere utile esaminare anche le prospettive alternative sul tema dell'interruzione volontaria di gravidanza (IVG) e approfondire i dibattiti etici e legali che circondano questa pratica in diversi contesti nazionali e internazionali.

I vari metodi per abortire

Se la volontà di abortire nasce da rischi di vita per la madre gestante, si parla di aborto terapeutico. Alcune donne vorrebbero abortire in casa. Ecco i diversi tipi di aborto chirurgico:

  • svuotamento strumentale in anestesia locale;
  • isterosuzione (solo entro le prime otto settimane di gravidanza con l’aspirazione del feto);
  • dilatazione e revisione con cannula, tra l'ottava e la dodicesima settimana di gestazione per un feto più cresciuto;
  • dilatazione e svuotamento, utilizzata solo per le gravidanze oltre la dodicesima settimana (In Italia viene eseguito solo in caso di rischi per la salute della mamma o per malformazioni del feto);
  • aborto salino, ottenuto iniettando una soluzione salina caustica all’interno dell’utero della gestante (rischioso e sconsigliato).

Puoi vedere qui alcune foto (aspettare 5 secondi per caricare la pagina) per comprendere cosa accade al feto abortito.

Dopo l'aborto: leggi le testimonianze

Franca Franzetti, che affianca e sostiene le mamme in difficoltà nella provincia di Rimini, lo racconta: «Pochi giorni prima di Natale è nata S., salvata dall’interruzione di gravidanza all'ultimo momento. Il 20 maggio scorso era stata programmato l'intervento. Motivo della scelta di abortire? la madre non trovava la forza di opporsi al marito che non voleva il bambino. Nel confronto con i volontari la mamma ha però trovato il coraggio di difendere il suo piccolo; il babbo si è reso conto per un istante di avere già un terzo figlio. E soprattutto, che non c'era nessuna differenza con le bambine già nate che adorava. Si era reso conto che costringere la moglie ad abortire avrebbe compromesso anche il loro rapporto. Come Comunità li abbiamo incontrati e abbiamo assicurato un aiuto e un sostegno concreti: per i problemi contingenti di gestione dei bambini potevano contare su di noi; abbiamo costituito una rete attorno a loro con famiglie e volontari».

I dati di anni di incontri ci dicono che in 2 casi su 3 l'incontro, la condivisione, l'offerta di aiuto hanno dato alle gestanti la forza per proseguire la gravidanza nonostante le difficoltà di un ambiente circostante ostile.

A volte un sostegno materiale alla mamma in un momento di difficoltà economica è sufficiente a rivalutare la propria scelta di abortire; in Italia anche i Centri di aiuto alla vita possono offrire il proprio sostegno.

Storie di donne che hanno abortito

Patrizia: «Nessuno ha inteferito».

Natascia: «Brividi di freddo».

Raccontaci com'è andata, scrivici via email.

Dove abortire: siamo presenti

Durante tutto l'anno i volontari, come segno di vicinanza ai bambini e alle gestanti in difficoltà, in molte parti d'Italia si riuniscono in preghiera nei giorni in cui viene programmato l'aborto volontario. Se vivi in una delle seguenti città potrai incontrarci direttamente nei giorni e negli orari indicati ed unirti a noi:

  • Ancona: ospedale Salesi secondo sabato del mese ore 7.30 
  • Bologna: ospedale S. Orsola – Malpighi ogni mercoledì ore 7
  • Cesena: ospedale Bufalini primo e terzo venerdì del mese ore 6.45
  • Cuneo: ospedale S.Croce primo lunedì del mese ore 10
  • Forlì: ospedale Morgagni secondo venerdì del mese ore 6.45
  • Imola: ospedale ogni primo venerdì del mese ore 7.30
  • Modena: ospedale Policlinico ogni giovedì ore 7
  • Mondovì (CN): ospedale Regina Montis Regalis terzo lunedì del mese ore 10.00 
  • Rimini: ospedale Infermi ogni martedì ore 7.15
  • Anche in Argentina: hospital zonal Puerto Madryn ogni giovedì ore 8.30 preghiera per la vita

Dopo l'aborto: come prevenire le conseguenze

L'aborto può portare alcune controindicazioni che è meglio conoscere prima di effettuare la scelta se abortire o no. Poi c'è il tema dell'elaborazione del lutto,  spesso è momento fondamentale da affrontare per la mamma che ha abortito. Ecco in un documento quali sono le conseguenze psicologiche che la donna deve tenere in considerazione.

Come celebrare l'ultimo saluto al tuo bambino?

Il numero verde 800-035036 ti può fornire informazioni sulle esequie ai bambini morti prima di nascere e sulla loro sepoltura. Ecco dove scaricare la modulistica e i riferimenti di legge: Sepoltura dei bimbi morti prima di nascere.

Non solo aborto: ecco la giornata per la vita

Nella prima domenica di febbraio di ogni anno si celebra la Giornata per la vita. La giornata di vicinanza alle gestanti è stata indetta per la prima volta nel 1978 dalla Conferenza Episcopale Italiana ed è occasione in molte parti d'Italia di ricordare la perdita di un bimbo. In quell'anno veniva approvata la legge 194 sull'aborto, che regolamenta l'interruzione volontaria di gravidanza.

La Comunità Papa Giovanni XXIII aderisce all'iniziativa di 40 giorni di preghiera, digiuno e testimonianze per la vita nascente.

Abortire o no: gli aiuti economici alle mamme e alle famiglie

A volte la scelta di abortire può dipendere dall'impossibilità di mantenere da sola il tuo bambino. Forse non lo sai ma è possibile richiedere dei sostegni anche economici. Il 2022 ha visto finalmente l'attivazione di un sostegno economico alle famiglie, crescente in base al numero di figli.

Chiama al numero verde gravidanza 800-035036 oppure contattaci su WhatsApp al numero 342.7457666 per saperne di più. Oppure scrivici via email.



Marco Tassinari
10/09/2023
NOTIZIE CORRELATE

 

 

Ultime news
  • «Siamo noi a liberare le donne»
    Il presidente dell'associazione fondata da don Oreste Benzi contro la risoluzione che oltre a chiedere il "diritto all'abo...
    Leggi tutto
    12 Aprile 2024
  • Case famiglia, il libro
    È uscito in libreria “Casa Famiglia. Le verità nascoste dietro un termine frainteso”, una documentata analisi del mo...
    Leggi tutto
    11 Aprile 2024
  • Azzardofollia
    L'appuntamento, ad accesso libero fino ad esaurimento posti, è mercoledì 17 aprile
    Leggi tutto
    03 Aprile 2024
  • Storia e cultura Romanì
    La Comunità Papa Giovanni XXIII, in collaborazione con UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, nell'ambito ...
    Leggi tutto
    28 Marzo 2024
  • Con il tuo 5x1000 puoi costruire ..
    Destina il tuo 5x1000 alla Comunità Papa Giovanni XXIII, scriveremo il lieto fine di tante storie
    Leggi tutto
    28 Marzo 2024
  • Festival della Pace
    La Comunità Papa Giovanni XXIII organizza per il prossimo 9 aprile un incontro pubblico sul Ministero della Pace con sott...
    Leggi tutto
    27 Marzo 2024
  • Affido, servono risorse
    «L'affido è anzitutto un'alleanza tra famiglie, è un meraviglioso sostegno temporaneo al bambino e alla famiglia d'origine...
    Leggi tutto
    26 Marzo 2024
  • Così nacque la Papa Giovanni XXIII
    Il 25 marzo di venti anni fa un Decreto della Santa Sede riconosceva in via definitiva la Comunità di don Benzi come Asso...
    Leggi tutto
    25 Marzo 2024
  • Pasqua 2024
    Nel drammatico contesto internazionale, segnato da terrorismo e guerre fratricide, le ACLI, l’AGESCI, l’Azione Cattoli...
    Leggi tutto
    25 Marzo 2024
  • Festival della Vita Nascente 2024
    Festival della Vita Nascente 2024
    Leggi tutto
    23 Marzo 2024
Iscriviti alla Newsletter IOCON
Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai le nostre storie e le notizie dalle Case Famiglia e dal mondo della Comunità Papa Giovanni XXIII
iscriviti adesso

Loading…