Eventi




In Cile con Papa Francesco

I missionari della Comunità Papa Giovanni XXIII incontrano personalmente il Santo Padre

Dal 15 al 22 gennaio il Papa farà una visita pastorale in Cile e Perù. Gianni Casadei, romagnolo, è missionario in Cile dal 1996 (la Comunità di don Benzi arriva nel Paese andino nel 1994) ed è il responsabile della zona Los Andes che comprende Cile e Argentina. Abbiamo rivolto a Gianni alcune domande, per comprendere meglio l’importanza della visita del Santo Padre nel continente latinoamericano.

 

 

Secondo te qual è l'importanza del viaggio del papa in Cile? Quali sono le aspettative del popolo cileno rispetto a questa visita di Papa Francesco?

Purtroppo in Cile oggi ci sono molte disaccordi per la venuta del Papa, ci saranno proteste ma anche feste, però per noi cattolici c’è la speranza di aprire nuovi dialoghi rispetto al tema della ristrutturazione anche del mondo ecclesiastico, che ha vissuto momenti difficili dovuti ai problemi della pedofilia. Poi ci aspettiamo un’apertura maggiore della società verso la cultura indigena e sulla problematica dell’immigrazione, della povertà, dell’uguaglianza e dei diritti umani.

Come Comunità Papa Giovanni andrete ad incontrare il Papa? Parteciperete a qualche momento della sua visita?

Sì, come Comunità Papa Giovanni XXIII, insieme ai nostri “piccoli” manderemo alcune persone in delegazione: disabili, ragazzi della comunità terapeutica e di altre realtà di condivisione per partecipare all’eucarestia organizzata il giorno 16 gennaio alle 10:00 a Santiago al “Parque O'Higgins”. L’attesa sarà animata con canti e preghiera, visto che l’entrata è alle 05:00 di mattina. Ci evidenzieremo con una maglietta creata appositamente per questo evento. Io, assieme a mia moglie Gabriela Castillo, come rappresentante dell’APG23, saremo invitati dal Nunzio Apostolico Mons. Ivo Scapolo alla Nunziatura a porgere un saluto personale a Papa Francesco, dove doneremo un piccolo ricordo come Comunità e chiederemo al Santo Padre una benedizione per alcune medagliette per poi darla ad ogni fratello di comunità della zona de los Andes. 

#FOTOGALLERY:chile#

La Comunità Papa Giovanni XXIII è presente in Cile dal 1994, condividendo la vita con i più emarginati e indifesi. Uno dei punti più importanti è l'impegno per rimuovere le cause che creano l'ingiustizia strutturale. In questi anni quali sono stati i passi compiuti dalla Comunità in questo senso?

Oggi la Comunità è impegnata nel far conoscere la sua specifica vocazione, sia negli ambiti statali sia della Chiesa. Molte persone sono attratte dal nostro stile di vita, perché cerchiamo di intervenire in modo concreto in diversi ambiti (infanzia, immigrazione, tossicodipendenti, persone con handicap, e persone della strada) attraverso i progetti e grazie alla gelateria “GigiBontà” che oggi è anche un modo per far conoscere la APG23. Promuoviamo anche campagne, come “Un Pasto al Giorno” e partecipiamo ai momenti di dialogo per promuovere il diritto della vita, ecc.

Il Cile oggi: quali sono secondo te le problematiche più urgenti, le piaghe aperte della società cilena?

Innanzitutto penso al tema della salute: ci sono problemi di efficienza, equità e mancanza di solidarietà. In Cile c'è un'importante disuguaglianza nel finanziamento della salute tra il settore pubblico e privato e tra i ricchi e poveri della popolazione. Anche il tema dell’educazione è quanto mai scottante. Una delle riforme di Pinochet è stata quella di organizzare l'istruzione con criteri commerciali a scopo di lucro. Poi c’è il mondo del lavoro: siamo ancora lontani da poter offrire a tutti un lavoro dignitoso. L'occupazione in Cile è non protetta, nel senso che predomina il lavoro precario e di bassa qualità, con i suoi molteplici effetti negativi sulla salute professionale, stabilità occupazionale, bassi salari. Un’altra problematica è quella che riguarda il popolo Mapuche. Il 25 agosto scorso, il Comitato per l'eliminazione della discriminazione razziale dell'ONU, ha raccomandato che lo Stato del Cile prenda «le misure necessarie per accelerare il processo di restituzione delle terre ancestrali alle popolazioni indigene e stabilire un meccanismo specifico per riconoscere i diritti delle popolazioni indigene su terre e risorse naturali». Anche la disuguaglianza sociale è una piaga aperta: negli ultimi venti anni il Cile ha avuto una solida crescita economica che si è manifestata in un raddoppio del reddito pro capite e una notevole riduzione della povertà assoluta. Tuttavia, persistono disuguaglianze e livelli di reddito inaccettabili e qualità della vita.

Quali sono invece i punti di forza della cultura e della società cilena?

I punti di forza del nostro paese in questo momento sono principalmente il fatto che sta avanzando nell'uguaglianza dei diritti tra uomini e donne, riducendo la discriminazione contro le donne in diversi settori della società. La società è sempre più sensibile per l'arte e la cultura, che vengono promosse sia nelle scuole che nei comuni e in altri casi di raggruppamento sociale.



Chiara Bonetto
16/01/2018
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • La consulta salva la Legge Merlin
    «Le motivazioni della Consulta mettono una pietra tombale su ogni proposta di regolamentazione della prostituzione in Ital...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2019
  • Società civile mobilitata fermar..
    Quello che segue è il comunicato stampa congiunto diramato da Amnesty International Italia, Comitato per la riconversione ...
    Leggi tutto
    29 Maggio 2019
  • Premio Don Benzi 2019
    «Sono commosso — ha detto Padre Fabrizio Valletti (foto di Riccardo Ghinelli) alle mamme ed ai papà delle case famiglia ...
    Leggi tutto
    25 Maggio 2019
  • In memoria dei bimbi non nati
    La lapide per i bimbi mai nati vuole essere ricordo e segno di tenerezza per i bambini che non hanno potuto gioire della v...
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • La 3 giorni 2019
    A Forlì oltre 2000 persone accorse per l'assemblea generale della Comunità di Don Benzi
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • In marcia per la vita
    A Roma più di 15mila persone in difesa dei nascituri
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • L'Inizio Ramadan
    Il Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda, nello spirito del "Documento sulla fratellanza u...
    Leggi tutto
    06 Maggio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…