Eventi




Un Pasto al Giorno: ecco per chi

Dal 1985, quando nacque su iniziativa di don Oreste, la nostra campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi parla di chi soffre l’ingiustizia più grande: la fame.

Italiani che vivono in strada, pensionati che non arrivano a fine mese, famiglie che fuggono da guerra e povertà, bambini malnutriti. Persone che sono rimaste sole, non hanno più nulla e, a volte, non chiedono nemmeno: è a loro che, anche quest’anno, dobbiamo garantire almeno un pasto quotidiano (per un totale di oltre 7 milioni e mezzo all’anno).

È a tutti loro che vogliamo restituire la dignità, proprio a partire da un semplice pasto, da cui può nascere una nuova vita. Come è successo al “signor Franco” e a Jorge.

Incontriamo molti italiani; alcuni sono pensionati che con la minima non riescono a pagare le bollette e quindi vivono in case senza luce né gas – scatole vuote, piene di solitudine. Non vogliono dire a nessuno dove abitano, perché hanno paura di trovarsi tutti alla porta per dormire al coperto.

Come il signor Franco, che passa la giornata in strada per avere compagnia e mangia alle mense. I figli non possono aiutarlo e allora lui non chiede nemmeno, dice che sta bene e quando può li invita a pranzo in un ristorantino.

Quando usciamo in strada portiamo sempre generi di conforto, ma il signor Franco ci aspetta soprattutto per il piacere di chiacchierare con noi e rimane fino a quando parte l’ultimo autobus. Lo invitiamo sempre a venire da noi, ma lui accetta solo qualche volta, perché è orgoglioso della sua indipendenza, però quando siamo insieme si vede che è felice di aver trovato una seconda famiglia!

Dico SIGNOR Franco perché alle persone di una certa età diamo del “lei”. Si usa così da noi. Non è che perché sono poveri allora perdono il rispetto.

CATANIA, Unità di Strada. Ogni martedì in Piazza della Repubblica.

La prima volta che ho incontrato Jorge aveva i vestiti sporchi, la barba in disordine e gli occhi rossi. Gli si leggeva in viso il bisogno di essere accolto, di trovare un luogo da cui nessuno l’avrebbe cacciato via. L’ho invitato a mangiare insieme a noi al Comedor, la mensa di strada.

Quel giorno Jorge ha trovato un pasto cucinato come si deve, ma non solo quello. Dopo mangiato ci ha aiutati a sparecchiare, a lavare i piatti, a riordinare. È stato l’ultimo ad andarsene, quasi volesse gustare fino in fondo quella nuova sensazione: sentirsi a casa. Uscendo ha dimenticato la bottiglia che stringeva, come fosse il suo unico appiglio, quando era arrivato.

La mattina dopo Jorge è stato il primo ad arrivare. Senza che nessuno glielo chiedesse, ha iniziato a pulire i pavimenti e i bagni, ad intrattenere gli altri ospiti. Aveva voglia di rendersi utile, di stare insieme, di essere benvoluto. E tutti gli abbiamo voluto bene, da subito.

Oggi, dopo tanti anni, Jorge è una delle colonne portanti del Comedor Nonno Oreste…

Conosci le persone che incontriamo e con cui viviamo ogni giorno.
Non sprecare l'occasione di aiutarle, dona ora per Un Pasto al Giorno



20/09/2018
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    19 Aprile 2019
  • Campi di volontariato
    Campi fuori le mura: a Reggio Calabria fra i profughi, negli orfanotrofi in Romania, o in tutta Italia con gli homeless e ...
    Leggi tutto
    17 Aprile 2019
  • In sella per far del bene
    La manifestazione ciclistica “2x bene” ha destinato una donazione di 6mila alla Comunità di don Benzi
    Leggi tutto
    16 Aprile 2019
  • Sinodo dei Giovani, gran finale
    Le porte del Sinodo sui giovani celebrato a ottobre 2018 si sono chiuse. È arrivato quindi il tempo di buttarsi tutto ...
    Leggi tutto
    12 Aprile 2019
  • Il messaggio del Papa per i giovani
    Scopri i contenuti della nuova esortazione apostolica di Papa Francesco rivolta ai giovani. Dopo l'esperienza coinvolgente...
    Leggi tutto
    10 Aprile 2019
  • Lingua dei segni
    Cos'è il inguaggio dei segni? Una vera e propria lingua, con un suo alfabeto ed una sua grammatica. Ecco i riferimenti pe...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • «Non identifichiamo la cultura r..
    "In dialogo con il popolo rom", era il titolo del secondo dei 3 seminari previsti per il 2019 sulla cultura rom e sinta, o...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • Partire per la missione: la forma..
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • La mostra del Centro Diurno "Don ..
    A Cesena saranno esposte le opere artistiche degli ospiti del Centro Diurno "Don Oreste Benzi" nella 13a edizione di Diver...
    Leggi tutto
    04 Aprile 2019
  • Solo cose belle
    È in arrivo nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    31 Marzo 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…