Eventi




Corridoi umanitari, cosa sono?

L'esempio di famiglie che si autotassano per accogliere i profughi siriani

Tre famiglie scappate dalla guerra in Siria. Arrivate lo scorso 30 Gennaio, accompagnate dai volontari di Operazione Colomba, il Corpo Civile di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, presente nel campo profughi di Tel Abbas, al confine tra Siria e Libano. Qui giovani ragazzi spendono la loro vita in zone di conflitto. Ad attenderli all'aeroporto di Fiumicino c'erano le famiglie italiane che si sono prodigate per la loro accoglienza, raccogliendo i fondi necessari per ridare loro quella dignità che è la prima vittima di ogni guerra.

Il protocollo dei corridoi umanitari, siglato dal Governo Italiano, prevede l'ingresso nell'arco di 2 anni di oltre 1.000 persone. Ma ad una condizione: il Governo non mette una lira. Presenze in Libano, viaggi e accoglienza in Italia sono a carico esclusivo della società civile. Tutto nasce dai racconti dei ragazzi di Operazione Colomba, testimoni delle guerre. Serata di sensibilizzazione dove la gente ascolta attenta, si interroga e chiede cosa possano fare in concreto. Da qui la proposta: accogliere una famiglia. Idea strana, quasi pazza. Ma realizzabile.

“Non possiamo salvare tutti, ma possiamo salvare loro!”. E loro, le famiglie, arrivano nelle tre città  quasi intontiti.

Ad Albizzate, vicino Varese, è arrivata Fatima mamma con i suoi tre figli Hussein, Aya e Ghaith, mentre un quarto è morto nella guerra in Siria. Il marito è stato rapito e di lui si son perse le tracce. Negli ultimi anni hanno vissuto in un campo profughi in Libano ai limiti della dignità umana. Una giovane volontaria, Paola, li ha accompagnati nel viaggio ed ora si prodiga per la fase dell'integrazione. L'accoglienza in città è stata possibile grazie al lavoro di una rete di famiglie della città che si è attivata per trovare una casa per la famiglia di profughi.

Vicino Rimini, l'impegno di una rete di cittadini di Coriano ha reso possibile l'accoglienza: 100 famiglie si sono autotassate per un anno per 15 euro al mese. Achmad, il padre è stato arrestato in Siria per un anno e sottoposto a torture e sevizie, gli sono state uccise la moglie e la sorella. Ha pagato una cauzione di 3.000 euro per uscire dal carcere del regime. Ora arriva in Italia con i suoi 3 figli e la donna con cui sogna di rifarsi una nuova vita in Italia. I bimbi hanno 3, 7 e 11 anni. La loro accoglienza a Coriano sarà possibile grazie all'impegno di Max e Gilda, una coppia del territorio che ha già due figlie: loro si sono attivati per coinvolgere i cittadini e trovare la casa dove andranno a vivere. Cento famiglie hanno deciso di tassarsi per 15 € al mese per due anni e rendere possibile l'accoglienza.

A Fano, Mohammad e Hafya, padre e madre con tre figli, scappati da Homs in Siria 3 anni fa. I bimbi hanno 5, 8 e 11 anni. L'accoglienza è resa possibile dal fatto che una rete di famiglie di Fano ha avviato una colletta per raccogliere i 24.000 euro che serviranno per pagare i primi due anni di affitto di un appartamento e per sostenere un percorso verso l'autonomia della famiglia di profughi.



Marco Tassinari
31/01/2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 
 
Ultime news
  • Giornata Disabilità: gli eventi ..
    In occasione della Giornata Internazionale delle persone con Disabilità, al via l'evento IO VALGO che si svolgerà in div...
    Leggi tutto
    02 Dicembre 2019
  • Premio Don Benzi 2020
    La Fondazione Don Oreste Benzi ha pubblicato il bando del Premio internazionale “Don Oreste Benzi. Dalla parte degli ultim...
    Leggi tutto
    26 Novembre 2019
  • Beatificazione Don Benzi
    La scelta di non fermarsi nonostante le precarie condizioni di salute, la povertà della sua stanzetta, le gioie e le soff...
    Leggi tutto
    22 Novembre 2019
  • Giornata violenza donne 2019
    Nicoleta, Benedicta, Arietta, Christina, Venetita, Lioara, Jennifer, Angela, Andreea Cristina, Evelyn, Sofia, Loveth. Sono...
    Leggi tutto
    21 Novembre 2019
  • Prostituzione, non è autonomia
    «La prostituzione è una schiavitù sessuale, non un'autonomia. Non è libero chi è costretto da altri o da condizioni disagi...
    Leggi tutto
    14 Novembre 2019
  • Universal Periodic Review
    Lo scorso 4 novembre l’Italia, rappresentata a Ginevra da una delegazione guidata dal sottosegretario agli Aff...
    Leggi tutto
    11 Novembre 2019
  • Partire per la missione
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    09 Novembre 2019
  • Notte del Don
    Il 31 ottobre, la “notte prima dei Santi” don Oreste Benzi non perdeva mai l’appuntamento con la strada, con i suoi poveri...
    Leggi tutto
    29 Ottobre 2019
  • Servizio civile: educare alla pace
    62 volontari all'estero e 164 in Italia per il servizio civile Apg23
    Leggi tutto
    28 Ottobre 2019
  • Ribellatevi!
    Esce domani, sabato 26 Ottobre, il nuovo libro intervista di don Oreste Benzi, “Don Oreste Benzi. Ribellatevi! Intervista ...
    Leggi tutto
    25 Ottobre 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…