Eventi




Per vincere la droga, cercate l'Assoluto!

300 giovani in programma terapeutico si preparano al Natale

Il Natale… solo luci, canzoni e regali, oppure un’occasione per incontrare un Dio Bambino capace di cambiarci il cuore? Venerdì 16 dicembre don Federico Pedrana ha guidato un incontro di riflessione, dialogo, confronto e celebrazione per i 300 giovani che stanno facendo il programma terapeutico nelle Comunità Terapeutiche della Papa Giovanni XXIII.

Perché inserire un incontro di catechesi alle persone che stanno facendo il percorso riabilitativo?

Ce lo spiega Bartolomeo Barberis, operatore e accompagnatore di tanti ragazzi delle Comunità Terapeutiche: «La ricerca della presenza e della relazione con Dio è uno dei punti cardine della proposta terapeutica che la Comunità Papa Giovanni XXIII offre. Riteniamo - come don Benzi spesso ci ricordava - che la liberazione e il superamento di tutte le forme di dipendenza patologica da sostanze o da comportamenti, è pieno, è completo solo quando l’individuo si apre ad una autentica ricerca della relazione con l’Assoluto. Questo Assoluto per noi ha un nome preciso: è il Padre che Gesù ci ha rivelato».

Sempre più spesso chiedono di iniziare il programma terapeutico anche persone di religioni diverse da quella cristiana: «Certamente la proposta che noi facciamo – continua Barberis - contiene in sé l’apertura alla dimensione religiosa e ovviamente non può tradursi in forme di costrizione alla pratica religiosa Sono sempre più numerose le persone in percorsi di fede non cristiano-cattolica, ad esempio musulmani, accolti nelle Comunità Terapeutiche. Questa è una sfida non facile, ma siamo chiamati ad affrontarla conservando la nostra identità e allo stesso tempo garantendo il giusto rispetto delle diverse opinioni. Anche loro, come tutti gli altri, sono invitati ai momenti di formazione religiosa e anzi diversi di loro scelgono di venire a pregare in cappellina con noi. La proposta di valori che facciamo deve principalmente passare attraverso la testimonianza degli operatori e degli educatori che accompagnano i ragazzi. Deve passare grazie all’incontro della vita della nostra Comunità: questa è la vera proposta formativa. Come è noto, alle 3 dimensioni tradizionalmente riconosciute della persona umana (psichica, fisica, relazionale), noi insistiamo con forza che venga dato spazio anche alla dimensione religiosa. In questo senso continuiamo nella scelta voluta dal nostro fondatore don Benzi, che ha voluto che in ogni struttura di recupero sia presente la cappellina con la presenza del Signore nell’Eucarestia. Soprattutto negli ultimi anni, con l’aiuto dei sacerdoti della Comunità Papa Giovanni XXIII, in particolare don Federico Pedrana, abbiamo dato vita a momenti specifici di formazione religiosa per noi operatori, ma anche per le persone in programma terapeutico».

A proposito di cammino di recupero dalle dipendenze, a che punto è la proposta di legge per la liberalizzazione della Cannabis?

«La proposta di legge presentata alcuni mesi or sono con un’accelerazione certamente voluta dal presidente della Camera Boldrini, grazie a Dio ha avuto un insabbiamento: è ritornata in commissione parlamentare e le ultime vicende politiche fanno sì che il discorso sia rimandato. Le spinte per la legalizzazione di cannabis sono forti, non solo in Italia, ma anche a livello mondiale. Non a caso negli USA, proprio durante la recente elezione del presidente, in 8 Stati federali i cittadini sono stati chiamati ad esprimere un parere sulla legalizzazione della cannabis. In tre di questi hanno approvato l’apertura alla legalizzazione. Per quanto riguarda l’Italia, noi come Comunità Papa Giovanni XXIII siamo contrari alla proposta di legge presentata, soprattutto perché era completamente ignorata la dimensione educativa. Nella proposta di legge si parla di ipotetica diminuzione dei crimini e quindi di un minor impegno della Magistratura per perseguire lo spaccio di cannabis, si parla di ipotetici guadagni per lo Stato perché andrebbe sotto monopolio di Stato, ma non c’è nemmeno una parola sul fatto che ciò che è legale, viene percepito immediatamente dalla maggioranza come “buono” o “accettabile”. Non si considera il grave danno nel percorso educativo delle giovani generazioni. Certamente non possiamo affermare che se venisse legalizzata, tutti diventerebbero consumatori, ma possiamo dire che sarebbero più vulnerabili proprio le persone meno protette, cioè quei giovani e adolescenti che alle spalle hanno una famiglia fragile».



Chiara Bonetto
19/12/2016
NOTIZIE CORRELATE

Ultime news
  • Progetto Safe 2020
    Come si lavora per prevenire gli abusi sui minori? Quali strumenti per aumentarne la consapevolezza? Come si struttura la ...
    Leggi tutto
    29 Settembre 2020
  • Un Pasto al Giorno: ripartiamo da..
    Un pasto sospeso pronto ogni giorno sulle nostre tavole, per contrastare, insieme, le nuove povertà.
    Leggi tutto
    28 Settembre 2020
  • Il Servizio Civile Universale aff..
    La Comunità Papa Giovanni XXIII ha appreso con rammarico che non ci saranno fondi aggiuntivi per il bando volontari che sa...
    Leggi tutto
    28 Settembre 2020
  • Rompiamo l'isolamento: performanc..
    Sabato 26 settembre alle ore 17 prenderà forma la performance teatrale del Centro diurno socio riabilitativo per persone c...
    Leggi tutto
    24 Settembre 2020
  • Giornata LIS 2020
    «L'Italia è rimasta uno dei pochi paesi a non riconoscere la Lingua dei Segni, una lingua che favorirebbe l'inclusione del...
    Leggi tutto
    23 Settembre 2020
  • Nemmeno con un fiore!
    Violenze invisibili e industria della prostituzione: dopo gli incontri dei mesi scorsi realizzati all'interno del progetto...
    Leggi tutto
    22 Settembre 2020
  • La nuova Rete Italiana Pace e Dis..
    Abbiamo scelto la data del 21 settembre 2020, giornata internazionale per la Pace, per annunciare la nascita di Rete Itali...
    Leggi tutto
    21 Settembre 2020
  • Mattarella incontra Ciccio
    Continua la relazione epistolare e di persona fra il protagonista di Solo Cose Belle e il Presidente della Repubblica
    Leggi tutto
    17 Settembre 2020
  • Don Federico Pedrana amico del sa..
    Come Comunità Papa Giovanni XXIII ci stringiamo al dolore della Diocesi di Como e del Vescovo per l'assassinio di don Robe...
    Leggi tutto
    16 Settembre 2020
  • Curare la terra produce vita, dig..
    Vivere a contatto con la natura favorisce percorsi educativi, formativi, curativi e spirituali. Ce lo racconta Francesco, ...
    Leggi tutto
    16 Settembre 2020
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…