Eventi




Non solo mimose

Multe ai clienti perché la dignità della donna sia rispettata tutti i giorni

Buone notizie da numerosi comuni italiani, tra gli ultimi Piacenza e Sarzana, città in cui l'amministrazione comunale ha approvato ordinanze antiprostituzione che prevedono la sanzione del cliente (fino a 400 €) per motivi legati alla sicurezza stradale e all'aumento del degrado cittadino e del disturbo agli abitanti nelle ore notturne come avviene in più di trenta comuni italiani. Proprio in queste città - come anche a Verona dove l'ordinanza esiste già e a Ferrara (dove è in corso di approvazione la sanzione ai clienti nel Regolamento comunale) - la Comunità Papa Giovanni XXIII aveva manifestato pubblicamente scendendo in strada con fiaccolate cittadine a favore di interventi volti a fermare la domanda, in quanto, diceva don Oreste Benzi, «se non ci fosse la domanda, non ci sarebbe nemmeno la risposta».

In occasione della Festa della donna, la Comunità Papa Giovanni XXIII e le centinaia di minori e di donne nigeriane, rumene, albanesi accolte nelle strutture di accoglienza per vittime di tratta, case famiglia e famiglie affidatarie faranno festa anche per questi strumenti adottati nei territori come deterrenti, per scoraggiare la domanda di prestazioni sessuali a pagamento, in attesa dell'approvazione della proposta di legge presentata a luglio 2016 dall'onorevole Bini alla Camera. La proposta di legge, che segue il "modello nordico", aggiunge all'art. 3 della Legge Merlin la possibilità di sanzionare chi acquista prestazioni sessuali e di avviarlo a percorsi socio-rieducativi.

«La prostituzione è una forma di violenza di genere, abuso ed esercizio del potere dell’uomo nei confronti della donna» afferma Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, che a sostegno dell’introduzione in Italia del modello nordico ha promosso la Campagna "Questo è il mio corpo”.

Nei giorni scorsi tale modello di intervento per il contrasto della disparità di genere e della tratta a fini sessuali è stato adottato anche in Irlanda, che entra così nel novero dei paesi neo-proibizionisti accanto alla Svezia, alla Norvegia, all'Islanda, all'Irlanda del Nord e alla Francia.

Nella notte dedicata, in memoria delle operaie morte in una fabbrica di New York, ad affermare i diritti delle donne e le ingiustizia nei confronti delle lavoratrici, gli operatori e le operatrici della Comunità Papa Giovanni XXIII impegnati tutti i giorni nel recupero della dignità della donna attraverso il primo contatto e l'accoglienza di chi è vittima di sfruttamento, scenderanno in strada dal nord al sud Italia per non lasciare sole nemmeno l'8 marzo le persone più vulnerabili delle nostre città, perché costrette ogni notte per 6-7 ore continuative a subire violenza, vendendo il proprio corpo, per i guadagni di trafficanti e sfruttatori.

Oltre alle mimose, operatori e volontari consegneranno, come avviene ad ogni uscita, i numeri telefonici per contattare la Comunità di don Benzi e chiedere aiuto. Un'ulteriore occasione, questa notte, per ricevere la proposta di fuoriuscita dal racket.

Nel Rapporto 2016 sulle vittime di tratta nell'ambito dei flussi migratori dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni si denuncia la condizione di numerosi minori “invisibili", che anche tramite il flusso dei profughi approdano nelle nostre città perché destinati alla tratta a fini sessuali o di accattonaggio. In particolare è in aumento esponenziale il numero delle adolescenti provenienti dalla Nigeria o dal Ghana o dalla Costa d'Avorio. Per quanto riguarda le vittime minorenni di genere femminile, si tratta anche di ragazzine di origine rumena o rom vendute di frequente da figure appartenenti alla rete parentale.



Irene Ciambezi
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    19 Aprile 2019
  • Campi di volontariato
    Campi fuori le mura: a Reggio Calabria fra i profughi, negli orfanotrofi in Romania, o in tutta Italia con gli homeless e ...
    Leggi tutto
    17 Aprile 2019
  • In sella per far del bene
    La manifestazione ciclistica “2x bene” ha destinato una donazione di 6mila alla Comunità di don Benzi
    Leggi tutto
    16 Aprile 2019
  • Sinodo dei Giovani, gran finale
    Le porte del Sinodo sui giovani celebrato a ottobre 2018 si sono chiuse. È arrivato quindi il tempo di buttarsi tutto ...
    Leggi tutto
    12 Aprile 2019
  • Il messaggio del Papa per i giovani
    Scopri i contenuti della nuova esortazione apostolica di Papa Francesco rivolta ai giovani. Dopo l'esperienza coinvolgente...
    Leggi tutto
    10 Aprile 2019
  • Lingua dei segni
    Cos'è il inguaggio dei segni? Una vera e propria lingua, con un suo alfabeto ed una sua grammatica. Ecco i riferimenti pe...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • «Non identifichiamo la cultura r..
    "In dialogo con il popolo rom", era il titolo del secondo dei 3 seminari previsti per il 2019 sulla cultura rom e sinta, o...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • Partire per la missione: la forma..
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • La mostra del Centro Diurno "Don ..
    A Cesena saranno esposte le opere artistiche degli ospiti del Centro Diurno "Don Oreste Benzi" nella 13a edizione di Diver...
    Leggi tutto
    04 Aprile 2019
  • Solo cose belle
    È in arrivo nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    31 Marzo 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…