Eventi




Natale: festa per tutti!

Il Natale della Comunità è unico e raccoglie le piccole tradizioni delle persone che ne fanno parte e dei Paesi che ospitano le sue missioni

L’attesa è finita, è arrivato il momento più bello dell’anno: il Natale, con i doni e la tavola imbandita, che si allunga per far posto ai parenti, agli amici, alle persone più care. È una festa grande, e se è vero che più si è meglio è, allora la festa di APG23 è grandissima, perché gli invitati sono più di 41.000 nei cinque continenti. C’è posto per tutti e, soprattutto in questo tempo, è una gioia far parte di questa famiglia variegata e variopinta, che gode della ricchezza più grande: la condivisione.

Il Natale nelle case della Comunità non ha una tradizione propria, ma raccoglie quelle delle persone che ne fanno parte e dei Paesi che ospitano le sue missioni.

In Sud America è una festa nella festa. Il Cile canta e balla, cucina l’agnello e aspetta l’arrivo del Viejito Pascuero, il Vecchio Uomo di Natale; i bambini dell'Escuelita sono in vacanza, ma l’ultimo giorno di scuola hanno ricevuto un regalo ciascuno, avvolto nella carta luccicante: Felipe e Carolina sono corsi a casa eccitati e la madre Patricia ha rivolto al cielo una muta preghiera, perché non avrebbe davvero potuto comprar loro qualcosa. In Brasile non si usa fare l’albero di Natale bensì il Presepe; nelle case famiglia ce ne sono di bellissimi, con le statuine di terracotta che arrivano dell’Italia mescolate alle figure della tradizione locale: i bambini accolti da Anna e Reno dicono che è proprio la fotografia della loro famiglia.

In Africa il Natale è qualcosa di molto diverso: niente luminarie né alberi addobbati, con l’unica eccezione delle capitali, nessuna tradizione culinaria, in alcuni Paesi non è nemmeno un giorno festivo. Sono i credenti quelli che lo celebrano, ed è un Natale essenziale e senza fronzoli. Ci si avvicina al 25 dicembre con il ritmo pacato che scandisce ogni giorno dell'anno, ma nel contempo sentendo crescere l'attesa per l'arrivo di Gesù bambino. A Ndola, in Zambia i bambini e i ragazzi di Cicetekelo Youth Project partecipano alla messa celebrata sotto l’insaka del progetto e poi si scatenano in una caccia al tesoro i cui premi sono matite, quaderni, ma anche cinture e cappelli che arrivano dall’Italia con il container, mentre in Tanzania ci si ritrova tutti a Iringa e per cucinare le lasagne e il riso speziato pilau, entrambi piatti tipici della festa.

In Russia è davvero un bianco Natale e dietro i vetri appannati della casa famiglia Padre Fernandez si intravedono Andrei e Denis ballare intorno all’albero.
In Italia è come lo conosciamo, ma moltiplicato per tante quante solo le persone accolte nelle diverse realtà: basti pensare che il regalo tipico a parenti e amici è un “ritratto di famiglia”, perché ogni anno si aggiunge qualcuno in più – al Monte Tabor hanno scattato una foto a dodici mani, la più piccola è quella mulatta di Theodore, vicino a quella nerissima di Janet e quella con le unghie rosicchiate di David.

E poi c’è il Natale portato a quelli che forse nemmeno sanno che è arrivato. I senza fissa dimora, per cui le Unità di Strada hanno organizzano una cosa piccola ma speciale, i canti intonati al suono della chitarra, o le candele rosse accese per rompere il buio della notte e illuminare, per una volta, gli anfratti dove dormono. Le donne costrette a prostituirsi, che forse per la prima volta assaggiano il panettone con i canditi. I bambini di Matasari, che aspettano il ritorno dei volontari per dare vita il “mare cercul”, il girotondo che diventa più grande man mano che altri arrivano correndo.

Natale è la loro festa, la festa dei piccoli, dei poveri e degli scartati, perché se Gesù bambino è nato in una mangiatoia, a metà di un cammino e lontano da tutti, per portare la salvezza nel mondo, allora sono proprio le persone che il mondo dimentica quelle che bisogna custodire come dei tesori. Ed è quello che succede in casa Apg23, non solo il 25 dicembre ma tutti i giorni dell’anno, perché o è Natale sempre o non è Natale mai.



Ufficio Fund Raising
23/12/2016
TAG: Natale
NOTIZIE CORRELATE

Ultime news
  • Preghiera ecumenica
    Una preghiera ecumenica per ritrovare l’unità perduta nel corso dei millenni si terrà domani 21 Gennaio alle ore 18:00 in ...
    Leggi tutto
    20 Gennaio 2021
  • Dialoghi per un'agricoltura inclu..
    Continua la riflessione sull'economia di condivisione: il 22 gennaio 2021 ore 18.00 il prossimo appuntamento online.
    Leggi tutto
    15 Gennaio 2021
  • Papa Francesco: il doc
    Era il 12 Agosto 2016. Papa Francesco bussa alla porta della casa famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII a Roma. Le o...
    Leggi tutto
    12 Gennaio 2021
  • Formazione all'affido
    Il Forum delle Associazioni Familiari propone in tutta Italia, in collaborazione con la Comunità Papa Giovanni XXIII e alt...
    Leggi tutto
    11 Gennaio 2021
  • Vaccino ai disabili
    «Chiediamo che le persone con disabilità siano inserite fra le categorie prioritarie a cui somministrare il vaccino anti-c...
    Leggi tutto
    08 Gennaio 2021
  • Volontariato all'estero
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    07 Gennaio 2021
  • Santi Innocenti 2020
    28 dicembre, preghiera per la vita nascente
    Leggi tutto
    28 Dicembre 2020
  • Il messaggio di Natale della Comu..
    Gli auguri del nostro responsabile generale Giovanni Ramonda
    Leggi tutto
    24 Dicembre 2020
  • Servizio Civile: pubblicato il Ba..
    Dopo tanta attesa, ecco il bando di servizio civile universale 2020: con la Comunità Papa Giovanni XXIII 293 posti in Ital...
    Leggi tutto
    22 Dicembre 2020
  • Istituita la giornata del Servizi..
    Oggi è un giorno importante per il Servizio Civile Universale, perchè con direttiva del Presidente del Consiglio dei Minis...
    Leggi tutto
    15 Dicembre 2020
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…