Eventi




«Grazie ai miei genitori affidatari»

La campagna #Dónàti promuove l'affido, l'adozione e la prossimità familiare

Sabato 26 gennaio hanno vinto l’accoglienza e la collaborazione, hanno vinto le famiglie.
L’evento #Dónàti è stato promosso nella stessa giornata in tutta Italia dal Forum Nazionale per le Associazioni Familiari per parlare di prossimità familiare, affidamento diurno e residenziale e adozione.

Verona ha visto la sala gremita al Palazzo della Gran Guardia e la partecipazione di diverse autorità: dal Senatore Stefano Bertacco, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Verona, al dottor Raffaele Grottola, Direttore dei Servizi Sociali dell'Ulss 9, a Mons. Giancarlo Grandis vicario del vescovo, a don Francesco Pilloni, Direttore del Centro di pastorale familiare di Verona oltre all'assistente sociale Valeria Colosi che coordina il Casf di Legnago.

Al centro dell’evento ci sono state le testimonianze delle famiglie che vivono questa esperienza: mamme, papà, figli naturali di una famiglia accogliente, i ragazzi che sono stati accolti in affidamento. Organizzata e coordinata dai presidenti del Forum Veneto delle associazioni Maria Alessandra Donà e Marco Scarmagnani, entrambi membri della Comunità di don Benzi, la giornata è stata un successo anche perché ha visto la collaborazione tra le varie associazioni che da anni sono impegnate a fianco di bambini e ragazzi in difficoltà.
La Comunità Papa Giovanni XXIII è impegnata da sempre nell’affido e segue molte famiglie affidatarie in tutta Italia, per chi volesse più informazioni può rivolgersi a: minori@apg23.org

Le testimonianze dei protagonisti: l’affido e l’adozione

Massimo Cecchetti, coordinatore veneto di AIBI amici dei bambini, padre adottivo parla col cuore in mano del momento in cui lui e sua moglie sono andati ad incontrare la bambina che sarebbe diventata loro figlia; accanto a lei un'altra diceva: «Perché non portate anche me con voi?». Questo grido che proviene dai bambini in istituto senza una famiglia ha spinto Massimo e Maria Luisa a generare nell'amore ben 3 figlie adottive.

Elia ed Elena hanno scelto un affido residenziale nel Movimento per l'affido e l'adozione, ossia di accogliere 24 ore su 24 una bambina di 7 anni alcune difficoltà di tipo evolutivo. Sono felici a vederla felice, progredire e superare le sue difficoltà.

Andrea ed Elena, dell'Associazione Famiglie per l'accoglienza, 3 figli naturali, hanno accolto nella loro famiglia in affido diurno due bambini di 6 e 8 anni. Affido diurno significa dare un appoggio a questi bambini nei compiti, nel gioco, nell'attività sportiva, dal pomeriggio fino a sera.

Affido familiare: parlano i figli

Elena, figlia naturale di una famiglia aperta all'affidamento dell'Associazione Una famiglia in più, ha scelto di fare un'esperienza di prossimità familiare dando cioè una mano a una ragazzina con problemi di disabilità nel momento di necessità.

Nicola, un bel ragazzotto di 28 anni, ha raccontato senza peli sulla lingua della sua difficoltà a “subire” la scelta dei suoi genitori di accogliere in affidamento diurno per ben 10 anni un ragazzo con ritardo mentale. E ha raccontato come sia passato dall’evitamento al riconoscimento dell’importanza dell’accoglienza in un percorso di maturazione personale.

Asia ha portato la sua esperienza di ragazzina accolta in affidamento ha sottolineato con commozione che per lei è stato un grande dono essere accolta in una famiglia, quella di Jimmy Garbujo, presidente Famiglie per l'accoglienza del Veneto, con figli di diverse età, questa diversità le ha dato tanta armonia.

Alla fine c'è stato un fuori programma: dalla platea Elisa di 29 anni ha chiesto la parola per poter esprimere un grazie ai genitori affidatari, gli attuali presidenti del forum Veneto che fanno parte della Comunità Papa Giovanni XXIII, per la sua esperienza di figlia affidataria vissuta nella loro famiglia quando aveva 9 anni; ha voluto sottolineare la differenza tra ciò che ha vissuto in istituto e l'esperienza della famiglia affidataria: l'importanza di avere una mamma che ti incoraggia, ti stimola alle relazioni con gli altri, che ti accarezza i capelli la sera.
Nell'affidamento ha vissuto la possibilità di essere pienamente figlia, sorella, nipote.



Chiara Bonetto
28/01/2019
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • Premio Don Oreste Benzi
      Il premio internazionale “Don Oreste Benzi”, il fondatore delle case famiglia e della Papa Giovanni XXIII, è stato as...
    Leggi tutto
    18 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • L'Inizio Ramadan
    Il Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda, nello spirito del "Documento sulla fratellanza u...
    Leggi tutto
    06 Maggio 2019
  • 120 km contro la prostituzione
    Anche quest’anno da Firenze a Viareggio si marcia contro la prostituzione, il 3 e 4 maggio, per sensibilizzare l’opini...
    Leggi tutto
    02 Maggio 2019
  • «Con i disabili ho riscoperto la..
    Mi chiamo Lorenzo, ho 32 anni. Ecco la mia storia, ecco come ho riscoperto la mia fede, grazie alla scoperta che la disabi...
    Leggi tutto
    30 Aprile 2019
  • Sandra Sabattini diventerà beata
    Il 2 maggio alla parrocchia San Girolamo di Rimini si ricorda Sandra Sabattini. Intervista al vescovo mons. Francesco Lam...
    Leggi tutto
    30 Aprile 2019
  • Europa Sociale 2019
    Come votare? Scarica la guida per le elezioni europee del 26 maggio, con le richieste ai politici per un'Europa di uguagli...
    Leggi tutto
    24 Aprile 2019
  • Un pranzo pasquale per i poveri
    Anche quest’anno per la domenica di Pasqua l'Apg23 in Albania apre le porte ai più emarginati
    Leggi tutto
    24 Aprile 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…