Eventi




I canali umanitari hanno voce al Consiglio dei Diritti Umani

31 sessione HRC – ICMC Oral statement on Migration.

La settimana scorsa durante la 31° sessione regolare del Consiglio dei Diritti Umani si è svolto il tradizionale dialogo con l’Alto Commissario per i Diritti Umani – il principe giordano Zeid Ra’ad al Hussein.

Durante il dialogo con gli Stati la delegazione italiana è intervenuta nel dibattito (scarica l'intervento) chiedendo con forza un approccio al fenomeno migratorio basato sulla solidarietà e sulla condivisione delle responsabilità e promuovendo – suggerendoli come buona pratica - i canali umanitari “humanitarian corridors” recentemente creati tra l’Italia ed il Libano che hanno già permesso ai profughi siriani di viaggiare in maniera sicura ottenendo, già prima della partenza, un permesso in base all’art. 25 della Visa Code dell’Unione Europea.

Il giorno successivo venerdì 11 marzo sempre nella sala XX del Palazzo dell’ONU di Ginevra è stato presentato dall’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani il report A/HRC/31/35 focalizzato sulla situazione dei migranti in transito, un documento molto preciso che fotografa la situazione dei migranti in transito e le innumerevoli violazioni di diritti umani che subiscono nei paesi di transito e destinazione.

Nel dialogo interattivo che ne è seguito, l’ICMC (International Catholic Migration Commission – NGO specializzata nell’assistenza ai migranti e rifugiati) ha preso la parola proprio per promuovere il modello dei canali umanitari creati tra il Libano e l’Italia come un esempio attuale di soluzione possibile al dramma dei migranti. L’ICMC ha citato direttamente la Comunità Papa Giovanni XXIII che ha collaborato in questa importante iniziativa dei corridori umanitari.

Precisando come occorre rafforzare la protezione delle persone e non i confini o le barriere, l’ICMC ha ribadito come il diritto a richiedere asilo, il principio di non-refoulement ed il divieto di espulsioni collettive sono principi cardine del diritto internazionale e del sistema dei diritti umani, anche a livello europeo.
Considerato poi il fallimento delle attuali politiche migratorie, l’ICMC ha suggerito di valutare nuove soluzioni che partano da un approccio condiviso che veda Stati, Agenzie internazionali e la società civile coinvolte insieme.
Già lo è stato fatto nel passato quando, negli anni ’80 e ’90, un “Comprehensive Plan of Action” aveva permesso a 2,5 milioni di rifugiati della regione Indocina di migrare in modo sicuro e legale. 
Lo si può fare anche oggi aprendo canali umanitari così come è stato fatto tra l’Italia ed il Libano con un esempio di concreta scelta migratoria che rispetta la dignità delle persone che migrano e che potrebbe tranquillamente essere replicata anche da altri paese europei.

L’intervento dell’ICMC è stato preparato anche grazie al lavoro di Anna e Beatrice due “Caschi Bianchi” che stanno svolgendo il loro Servizio Civile Internazionale a Ginevra, proprio negli uffici dell’ICMC.

Piu informazioni sulla presenza dell'APG23 a Ginevra in questa pagina



Apg23@Ginevra
15/03/2016

 

 

Ultime news
  • Leva obbligatoria, storia passata
    Alcune domande sul ddl "Istituzione del servizio militare e civile universale territoriale e delega al governo per la sua ...
    Leggi tutto
    24 Maggio 2024
  • Assemblea della Comunità di don ..
    «Siamo emozionati perché finalmente, dopo la pandemia e l'alluvione dello scorso anno in Romagna torniamo all'usuale rad...
    Leggi tutto
    24 Maggio 2024
  • Chiara Griffini per la tutela min..
    È una novità senza precedenti che ha anche comportato una revisione dello statuto. Sarà Chiara Griffini, 47 anni, originar...
    Leggi tutto
    24 Maggio 2024
  • Alluvione in Romagna
    I protagonisti di quelle ore drammatiche raccontano i danni materiali e le conseguenze psicologiche dell'alluvione.
    Leggi tutto
    16 Maggio 2024
  • Sandra Sabattini, il ricordo
    I nove giorni che precedono l'evento, dal 25 aprile al 3 maggio, alle ore 18:30 presso la Chiesa parrocchiale di San Girol...
    Leggi tutto
    02 Maggio 2024
  • Elezioni europee
    «Il nostro modello di società cui ci ispiriamo è quella che don Benzi chiamava la Società del gratuito. In essa, ognun...
    Leggi tutto
    24 Aprile 2024
  • L’8X1000 aiuta anche noi
    Tutto il bene che la nostra Comunità riesce a realizzare è il frutto di gesti d’amore, di scelte coraggiose, di amicizie c...
    Leggi tutto
    24 Aprile 2024
  • Energia fossile e guerra
    🇪🇺 Nell’anniversario del Trattato che Il 18 aprile 1951 segnò il primo passo verso l'Europa unendo Francia, Italia, ...
    Leggi tutto
    20 Aprile 2024
  • «Siamo noi a liberare le donne»
    Il presidente dell'associazione fondata da don Oreste Benzi contro la risoluzione che oltre a chiedere il "diritto all'abo...
    Leggi tutto
    12 Aprile 2024
  • Case famiglia, il libro
    È uscito in libreria “Casa Famiglia. Le verità nascoste dietro un termine frainteso”, una documentata analisi del mo...
    Leggi tutto
    11 Aprile 2024
Iscriviti alla Newsletter IOCON
Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai le nostre storie e le notizie dalle Case Famiglia e dal mondo della Comunità Papa Giovanni XXIII
iscriviti adesso

Loading…