Eventi




I canali umanitari hanno voce al Consiglio dei Diritti Umani

31 sessione HRC – ICMC Oral statement on Migration.

La settimana scorsa durante la 31° sessione regolare del Consiglio dei Diritti Umani si è svolto il tradizionale dialogo con l’Alto Commissario per i Diritti Umani – il principe giordano Zeid Ra’ad al Hussein.

Durante il dialogo con gli Stati la delegazione italiana è intervenuta nel dibattito (scarica l'intervento) chiedendo con forza un approccio al fenomeno migratorio basato sulla solidarietà e sulla condivisione delle responsabilità e promuovendo – suggerendoli come buona pratica - i canali umanitari “humanitarian corridors” recentemente creati tra l’Italia ed il Libano che hanno già permesso ai profughi siriani di viaggiare in maniera sicura ottenendo, già prima della partenza, un permesso in base all’art. 25 della Visa Code dell’Unione Europea.

Il giorno successivo venerdì 11 marzo sempre nella sala XX del Palazzo dell’ONU di Ginevra è stato presentato dall’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani il report A/HRC/31/35 focalizzato sulla situazione dei migranti in transito, un documento molto preciso che fotografa la situazione dei migranti in transito e le innumerevoli violazioni di diritti umani che subiscono nei paesi di transito e destinazione.

Nel dialogo interattivo che ne è seguito, l’ICMC (International Catholic Migration Commission – NGO specializzata nell’assistenza ai migranti e rifugiati) ha preso la parola proprio per promuovere il modello dei canali umanitari creati tra il Libano e l’Italia come un esempio attuale di soluzione possibile al dramma dei migranti. L’ICMC ha citato direttamente la Comunità Papa Giovanni XXIII che ha collaborato in questa importante iniziativa dei corridori umanitari.

Precisando come occorre rafforzare la protezione delle persone e non i confini o le barriere, l’ICMC ha ribadito come il diritto a richiedere asilo, il principio di non-refoulement ed il divieto di espulsioni collettive sono principi cardine del diritto internazionale e del sistema dei diritti umani, anche a livello europeo.
Considerato poi il fallimento delle attuali politiche migratorie, l’ICMC ha suggerito di valutare nuove soluzioni che partano da un approccio condiviso che veda Stati, Agenzie internazionali e la società civile coinvolte insieme.
Già lo è stato fatto nel passato quando, negli anni ’80 e ’90, un “Comprehensive Plan of Action” aveva permesso a 2,5 milioni di rifugiati della regione Indocina di migrare in modo sicuro e legale. 
Lo si può fare anche oggi aprendo canali umanitari così come è stato fatto tra l’Italia ed il Libano con un esempio di concreta scelta migratoria che rispetta la dignità delle persone che migrano e che potrebbe tranquillamente essere replicata anche da altri paese europei.

L’intervento dell’ICMC è stato preparato anche grazie al lavoro di Anna e Beatrice due “Caschi Bianchi” che stanno svolgendo il loro Servizio Civile Internazionale a Ginevra, proprio negli uffici dell’ICMC.

Piu informazioni sulla presenza dell'APG23 a Ginevra in questa pagina



Apg23@Ginevra
15/03/2016

 

 

 

 
Ultime news
  • Premio Don Oreste Benzi
      Il premio internazionale “Don Oreste Benzi”, il fondatore delle case famiglia e della Papa Giovanni XXIII, è stato as...
    Leggi tutto
    18 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • L'Inizio Ramadan
    Il Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda, nello spirito del "Documento sulla fratellanza u...
    Leggi tutto
    06 Maggio 2019
  • 120 km contro la prostituzione
    Anche quest’anno da Firenze a Viareggio si marcia contro la prostituzione, il 3 e 4 maggio, per sensibilizzare l’opini...
    Leggi tutto
    02 Maggio 2019
  • «Con i disabili ho riscoperto la..
    Mi chiamo Lorenzo, ho 32 anni. Ecco la mia storia, ecco come ho riscoperto la mia fede, grazie alla scoperta che la disabi...
    Leggi tutto
    30 Aprile 2019
  • Sandra Sabattini diventerà beata
    Il 2 maggio alla parrocchia San Girolamo di Rimini si ricorda Sandra Sabattini. Intervista al vescovo mons. Francesco Lam...
    Leggi tutto
    30 Aprile 2019
  • Europa Sociale 2019
    Come votare? Scarica la guida per le elezioni europee del 26 maggio, con le richieste ai politici per un'Europa di uguagli...
    Leggi tutto
    24 Aprile 2019
  • Un pranzo pasquale per i poveri
    Anche quest’anno per la domenica di Pasqua l'Apg23 in Albania apre le porte ai più emarginati
    Leggi tutto
    24 Aprile 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…