Eventi




Giubileo anche per i carcerati

Don Benzi diceva: «L'uomo non è il suo errore»

L'Anno Giubilare della Misericordia volge ormai al termine, e la mattina del 6 novembre Papa Francesco ha celebrato la S. Messa per il Giubileo dei Carcerati. Anche la Comunità Papa Giovanni XXIII ha partecipato a questo evento con una rappresentanza di detenuti che scontano una pena alternativa al carcere.

Di seguito potete leggere una lettera speciale: era stata pensata come una testimonianza da leggere durante l’incontro col Papa, che per motivi organizzativi non è stato fatto. La scrive Antonio Bacassino, membro della Comunità Papa Giovanni, attualmente missionario a Bagdad, in Iraq.

La lunga strada dell'espiazione

Salve sono Antonio,

un quasi 50enne, che ha trascorso vent'anni della sua vita in carcere e ancor di più nel delinquere, per reati quali rapine, mancato omicidio, omicidio, ecc.

La “via” della devianza sopperiva apparentemente a tutti i vuoti che mi rodevano dentro, come l'assenza di figure forti, importanti all’interno del nucleo familiare. Questa privazione mi portava a cercare fuori, “per la strada”, era l'unica cosa che riusciva a colmare la rabbia, l’insoddisfazione che provavo.

Ho sempre avvertito l’esigenza di comprendere il perché la mia vita fosse andata così. Durante il periodo della lunga detenzione dal 1984 al 1986, dal 1987 ininterrottamente fino al 2006, mi sono perfino iscritto alla facoltà di Pedagogia, sperando di trovare risposte, ma non ne ho trovate di soddisfacenti. Scontata la pena, avevo trentasette anni, laureato, ma allo sbando – sarei disonesto dire che non mi siano state offerte opportunità – ,purtroppo, troppo attratto da quella cultura da strada, anzi subcultura che era il mio credo, il mio punto fermo.

Verso i 38, 40 anni la perdita di una persona cara e le sue parole, che ancora mi rimbombano in testa, mi fecero assaporare, e forse per la prima volta guardare, alla mia vera famiglia con altri occhi. Non ne vado certo fiero, ma fino a quel momento alla vita umana altrui e mia, non avevo mai dato alcun tipo di valore. Iniziava in me un minimo di coscienza. Da adulto conobbi la droga in prima persona, l’unica cosa che mi concedesse apparente sollievo a quei vuoti, ma non c'erano ancora rimorsi, quelli arriveranno più avanti.

Conosco la Comunità Terapeutica della Comunità Papa Giovanni XXIII e scopro un altro mondo opposto al mio, che nemmeno pensavo potesse esistere. Aiutato, riesco a trovare delle risposte. Un pretino, a cui non finirò mai di dire grazie, mi aiutò a prender atto del male causato. Era doloroso il prender coscienza dei propri fallimenti come essere umano: la mia autostima era meno di zero. Un giorno il sacerdote mi gridò in faccia, senza mezzi termini: «Non spetta a te giudicarti». Il Cristo che non conoscevo iniziava a incuriosirmi, avevo bisogno di capire. Provai a conoscerlo e a pregarlo affinché mi concedesse la grazia di un po’ di pace e serenità. Chiesi di fare un'esperienza in terra di missione da volontario: ero conscio che il dolore che mi portavo dentro era pazzesco e che per provare a placarlo avevo bisogno di esperienze altrettanto forti, ma positive. Finii ad Haiti. Iniziai con il vivere l’esperienza di missione per espiare e mi ci vorrà qualche anno per prendere consapevolezza, che cosi prevale il proprio io, l'egoismo. Paghi …ma non ami.

Imparare ad amare e amarmi, a volermi bene è stato il passo più ostico. Non ci sono ancora riuscito in pieno, ma spero di essere sulla buona strada.   Ora sono 15 mesi che mi trovo come volontario a Baghdad. Sempre in ricerca, mi chiedo se sto imparando a conoscerlo e amarlo, fino a che punto? Spero di sì. Sto imparando a non dimenticare mai che Lui mi è accanto. Ad accettarmi per come sono e a prender sempre più maggior consapevolezza che Lui mi ama e senza di Lui son niente.

Mi par d'iniziare a intravedere che quella grazia di un po' di pace e serenità, che tante volte ho chiesto di concedermi, per certi aspetti inizi a prender forma. Che posto strano per trovarla.

Baghdad /06/09/2016

 

 



Chiara Bonetto
06/11/2016
TAG: Carcere / Chiesa
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

 
Ultime news
  • La consulta salva la Legge Merlin
    «Le motivazioni della Consulta mettono una pietra tombale su ogni proposta di regolamentazione della prostituzione in Ital...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2019
  • Società civile mobilitata fermar..
    Quello che segue è il comunicato stampa congiunto diramato da Amnesty International Italia, Comitato per la riconversione ...
    Leggi tutto
    29 Maggio 2019
  • Premio Don Benzi 2019
    «Sono commosso — ha detto Padre Fabrizio Valletti (foto di Riccardo Ghinelli) alle mamme ed ai papà delle case famiglia ...
    Leggi tutto
    25 Maggio 2019
  • In memoria dei bimbi non nati
    La lapide per i bimbi mai nati vuole essere ricordo e segno di tenerezza per i bambini che non hanno potuto gioire della v...
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • La 3 giorni 2019
    A Forlì oltre 2000 persone accorse per l'assemblea generale della Comunità di Don Benzi
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • In marcia per la vita
    A Roma più di 15mila persone in difesa dei nascituri
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • L'Inizio Ramadan
    Il Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda, nello spirito del "Documento sulla fratellanza u...
    Leggi tutto
    06 Maggio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…