Eventi




Costruttori di opere di misericordia

«Abbiamo il cuore gonfio di gratitudine, perché quello che è stato realizzato in questi 3 anni non avremmo mai potuto farlo senza l’aiuto dell’Associazione Universitari Costruttori» dice Elio Angione, corresponsabile insieme a Lucia Ruscio della Casa di accoglienza a Morolo (FR).

«La collaborazione con gli Universitari Costruttori (visita la pagina Facebook) è partita 3 anni fa e questa è la terza estate che una trentina di volontari sono venuti ad aiutarci, dedicando due settimane delle loro vacanze alla ristrutturazione della Casa di fraternità e accoglienza Madonna del Rosario» spiega Lucia Ruscio.

#FOTOGALLERY:uc#

Attualmente Lucia ed Elio, entrambi membri della Comunità Papa Giovanni XXIII, vivono nell’alloggio al piano di sopra della struttura che è stata donata in comodato gratuito da parte della parrocchia di Morolo (FR). Per ora hanno solo una stanza che può ospitare due persone accolte, ma quando i lavori di ristrutturazione saranno finiti, ci saranno 10-12 posti per altrettante persone in difficoltà.

Dal 24 luglio al 7 agosto a Morolo si sono succeduti due campi estivi, durante i quali giovani e adulti, studenti ma anche professionisti come architetti, ingegneri e muratori, provenienti da tutta Italia si sono messi in gioco con cemento e cazzuola.

L’associazione Universitari Costruttori è stata fondata 50 anni fa da padre Mario Ciman, un gesuita professore universitario, che ha coinvolto alcuni studenti in questa proposta di solidarietà.

 
«Alcuni partecipanti ai campi estivi ci conoscevano già ed era la terza estate che venivano ad aiutarci, altri erano nuovi» racconta Lucia Ruscio. «La loro giornata iniziava alle 7 di mattina, proprio come in un cantiere edilizio, e terminava alle 17,30. Oltre al lavoro ci sono momenti di fraternità e in questi anni sono nate delle belle amicizie con alcuni dei volontari. Tutti loro hanno avuto modo di vedere “dal vivo” la condivisione diretta, la nostra vita quotidiana e tutto ciò che la Papa Giovanni XXIII porta avanti. Ad esempio io esco 2-3 volte alla settimana con l’unità di strada per incontrare le ragazze costrette a prostituirsi e alcuni di loro sono venuti con me per conoscere questa realtà».

In tanti hanno contribuito alla ristrutturazione della Casa: una ditta ha procurato gratuitamente l’impalcatura necessaria per la facciata, un’altra ha donato le vernici di cui c’era bisogno, un negozio ha fornito materiali di ferramenta ad un prezzo vantaggioso. Alcuni dei volontari sono diventati amici e più volte all’anno ritornano a Morolo per continuare il lavoro iniziato insieme.

Come diceva una canzone di qualche anno fa: «una pietra dopo l’altra, in alto arriverai…».



Chiara Bonetto
20/08/2016
NOTIZIE CORRELATE

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

 

Ultime news
  • Si è spenta il 29 giugno una voc..
    Le condoglianze del Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda
    Leggi tutto
    30 Giugno 2022
  • Addio Suor Luisa Dell'Orto
    «Siamo vicini — così Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII — con la preghiera al popolo ha...
    Leggi tutto
    28 Giugno 2022
  • Giornate dell'interdipendenza 2022
    La città di Bologna offre una serie di eventi per celebrare la giornata della lotta all'abuso e al traffico illecito di d...
    Leggi tutto
    21 Giugno 2022
  • L'Italia non diserti vienna
    Il rischio della guerra nucleare è più vicino che mai. È difficile comprendere perciò la scelta dell’Italia di non parteci...
    Leggi tutto
    18 Giugno 2022
  • 5X1000, un piccolo gesto che può..
    Con una semplice firma nella tua dichiarazione dei redditi, puoi cambiare la vita delle persone che incontriamo e accoglia...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Laura Milani presidente Cnesc
    «Siamo felici di contribuire con la presenza significativa di Laura Milani allo sviluppo sempre più adeguato del Servizio ...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Missionari in Cile, il racconto
    Da Rovereto al Cile per stare accanto ai Mapuche. Così Fabrizio e Francesca Bettini hanno cambiato vita, con loro i tre fi...
    Leggi tutto
    06 Giugno 2022
  • Bologna per la Pace
    I pacifisti tornano in piazza a Bologna mercoledì 1 giugno per chiedere di fermare il conflitto in Ucraina. La nuova manif...
    Leggi tutto
    01 Giugno 2022
  • Basta bimbi in carcere
    «È un primo passo fondamentale perché viene riconosciuta la dignità del bambino, che insieme alla sua mamma, che evidentem...
    Leggi tutto
    31 Maggio 2022
  • Le famiglie ucraine nelle nostre ..
    “Alla follia della guerra rispondiamo preparandoci ad accogliere i profughi ucraini nelle nostre case famiglia, famiglie...
    Leggi tutto
    16 Maggio 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…