Eventi




Bruxelles chiama Italia

Mons. Lemmens, vescovo ausiliare di Bruxelles, stimava molto la Comunità Papa Giovanni XXIII e già da qualche tempo aveva chiesto una presenza nella sua diocesi. Anche se mons. Lemmens ha lasciato pochi mesi fa questa terra, morendo prematuramente per una malattia, il suo desiderio fra qualche mese diventerà realtà: una casa famiglia a Diest, 50 km da Bruxelles.

Nel cuore dell’Europa dove tutto è ben organizzato, dove c’è una risposta per ogni povertà, che bisogno c’era di una casa famiglia? «I servizi sociali rispondono bene ai bisogni della popolazione locale, ma se sei straniero è molto più complicato» spiega Pierpaolo Flesia, responsabile della Zona Centro Europa, che comprende Germania, Olanda, Regno Unito, Stati Uniti e fra qualche mese anche il Belgio, appunto. «Chi si sposta, soprattutto provenendo dai paesi dell’Est, per trovare lavoro non riesce a integrarsi e spesso finisce sulla strada, cadendo nell’alcol e nella droga. Ci sono delle sacche di povertà anche in questi Paesi ricchi, il bisogno più grande è la solitudine, l’isolamento: quando tu hai tutto, il rischio è che ti isoli. Penso che la casa famiglia possa rispondere proprio a questo grande bisogno, perché crea una rete di relazioni e aiuta a uscire dall’isolamento. La condivisione di vita che viviamo nella casa famiglia stravolge la mentalità del servizio, perché i poveri te li porti in casa tua e vivi insieme a loro: erogare un servizio è molto diverso dalla condivisione di vita».

Bruxelles chiama, l’Italia risponde. In questo caso è stata la famiglia di Alessandra Frison e Andrea Ruffato di Castello Roganzuolo, frazione di San Fior (TV), sposati da 14 anni, aperti all’accoglienza come casa famiglia "Madre dei Poveri" dal 2005. «Partiremo per il Belgio a luglio 2018, per dare la possibilità ai nostri figli di terminare questo anno scolastico già iniziato» dice Alessandra, che insieme al marito e ai loro 6 figli (naturali e rigenerati nell’amore, più uno in arrivo, visto che Alessandra deve partorire a breve) hanno detto sì alla missione.

Alessandra e Andrea Ruffato con la loro famiglia, in partenza per Bruxelles

Nel frattempo vanno avanti i preparativi per la partenza: «A luglio scorso siamo andati in Belgio per visitare la parrocchia che ci ospiterà» spiega Alessandra. «Dovevamo tornarci per definire alcuni particolari e preparare alcuni documenti, ma siccome sono al termine della gravidanza, hanno deciso di venire loro a trovarci, per poter conoscerci meglio». E così nei giorni scorsi (dal 25 al 28 novembre) una piccola delegazione belga è arrivata nel trevigiano per conoscere meglio Alessandra, Andrea e tutta la “banda” e per capire un po’ meglio che cosa sia la Comunità Papa Giovanni XXIII.
«Sono venuti a trovarci il parroco che ci ospiterà e altre 2 persone della parrocchia dove andremo ad abitare, il vicario, più altre 2 persone che lavorano in diocesi» racconta Alessandra.
La piccola delegazione belga ha visitato la cooperativa sociale di Carmignano e la pronta accoglienza di Valdagno. Ha potuto incontrare il vescovo di Vittorio Veneto, mons. Corrado Pizziol e anche Mario Frighetto, missionario in Cile della Papa Giovanni XXIII. E hanno chiesto di visitare Sant’Antonio a Padova prima di ripartire.

«La cosa li ha colpiti di più?» continua Andrea. «Sicuramente la condivisione diretta. Aiutare i poveri loro lo fanno come lavoro, all’interno della Caritas diocesana. Qui hanno visto la differenza tra fare un servizio e vivere con gli ultimi! Nella semplicità e nella verità, con le fatiche e le gioie, hanno sperimentato il senso di essere insieme agli ultimi. Hanno fatto domande molto concrete sulla condivisione: perché scegliete di vivere con loro, quali sono le difficoltà che incontrate, dove sono le famiglie di origine, come vi sostenete... era un aspetto che avevano bisogno di capire». 



Chiara Bonetto
06/12/2017
NOTIZIE CORRELATE

Ultime news
  • Progetto Safe 2020
    Come si lavora per prevenire gli abusi sui minori? Quali strumenti per aumentarne la consapevolezza? Come si struttura la ...
    Leggi tutto
    29 Settembre 2020
  • Un Pasto al Giorno: ripartiamo da..
    Un pasto sospeso pronto ogni giorno sulle nostre tavole, per contrastare, insieme, le nuove povertà.
    Leggi tutto
    28 Settembre 2020
  • Il Servizio Civile Universale aff..
    La Comunità Papa Giovanni XXIII ha appreso con rammarico che non ci saranno fondi aggiuntivi per il bando volontari che sa...
    Leggi tutto
    28 Settembre 2020
  • Rompiamo l'isolamento: performanc..
    Sabato 26 settembre alle ore 17 prenderà forma la performance teatrale del Centro diurno socio riabilitativo per persone c...
    Leggi tutto
    24 Settembre 2020
  • Giornata LIS 2020
    «L'Italia è rimasta uno dei pochi paesi a non riconoscere la Lingua dei Segni, una lingua che favorirebbe l'inclusione del...
    Leggi tutto
    23 Settembre 2020
  • Nemmeno con un fiore!
    Violenze invisibili e industria della prostituzione: dopo gli incontri dei mesi scorsi realizzati all'interno del progetto...
    Leggi tutto
    22 Settembre 2020
  • La nuova Rete Italiana Pace e Dis..
    Abbiamo scelto la data del 21 settembre 2020, giornata internazionale per la Pace, per annunciare la nascita di Rete Itali...
    Leggi tutto
    21 Settembre 2020
  • Mattarella incontra Ciccio
    Continua la relazione epistolare e di persona fra il protagonista di Solo Cose Belle e il Presidente della Repubblica
    Leggi tutto
    17 Settembre 2020
  • Don Federico Pedrana amico del sa..
    Come Comunità Papa Giovanni XXIII ci stringiamo al dolore della Diocesi di Como e del Vescovo per l'assassinio di don Robe...
    Leggi tutto
    16 Settembre 2020
  • Curare la terra produce vita, dig..
    Vivere a contatto con la natura favorisce percorsi educativi, formativi, curativi e spirituali. Ce lo racconta Francesco, ...
    Leggi tutto
    16 Settembre 2020
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…