Il viaggio di Papa Francesco in Colombia: cerca la pace difficile

Armi puntate nella foresta; uccisi almeno 52 attivisti per i diritti umani

Papa Francesco è in viaggio in Colombia, dove resterà fino all'11 settembre 2017. La sua visita ha creato attese da parte dell'80% dei cattolici del paese e da parte degli opinionisti che sono interessati al processo di pacificazione del paese sudamericano.

Il corpo di pace di Operazione Colomba, presente sul territorio, ha espresso a più riprese la sua preoccupazione per il dilagare della violenza in ColombiaAlessandra Zaghini, coordinatrice del progetto l'ha espresso ieri in un'intervista all'agenzia AciStampa: «I gruppi armati non sono, come li descrive il Governo, semplici criminali legati al narcotraffico, ma veri e propri eserciti che obbligano la popolazione alla coltivazione della coca e che intervengono nella compra vendita dei terreni». 
 
Il diritto alla terra è uno dei problemi maggiori che Papa Francesco si troverà ad affrontare durante il suo viaggio.
 
Ad inizio anno decine di contadini ed attivisti avevano occupato pacificamente per qualche tempo la sede del ministero degli interni di Bogotà: denunciavano i  «120 difensori dei diritti umani e leader sociali, in maggioranza donne, assassinati negli ultimi 14 mesi».
 
Concordano le fonti che denunciano il perdurare della situazione di tensione: 
 
Almeno 127 omicidi di leader sociali ed attivisti si sono contati nel 2016 secondo le Nazioni Unite ; e la mattanza è proseguita nel 2017: in Parlamento Angela Robledo, rappresentante alla Camera della Colombia per il partito Alianza Verde ha denunciato a marzo di quest'anno: «22 leader della società civile sociali sono stati assassinati in questi 3 mesi». Alessandra Zaghini nell'intervista cita i dati del  ‘Programa Somos Defensores’ che parla di 52 difensori dei diritti umani uccisi nei primi mesi del 2017.
 
E tutto questo nonostante gli accordi per la pace sottoscritti dal governo del presidente Juan Manuel Santos e le Farc il 25 agosto del 2016, in parte modificati dopo la bocciatura al referendum popolare del 2 ottobre 2016. Sono proseguite anche in parallelo le trattative del governo di Bogotà ed i vertici dei guerriglieri dell'Eln (Esercito di liberazione nazionale); il Presidente, insignito anche del Premio Nobel per la pace, ha difeso la portata del suo lavoro in una recente intervista su Avvenire.
 
Il timore della società civile e delle organizzazioni internazionali che lottano per la difesa dei diritti umani  è però che gli accordi di pace possano celare in realtà la spartizione dello sfruttamento del territorio.

 

La lettera a Papa Francesco scritta dagli attivisti per la Colombia

 
La Rete Italiana Colombia Vive ha scritto il 18 luglio 2017 una lettera a Papa Francesco, denunciando: «La violenza paramilitare è ogni giorno più forte in Colombia ed il Governo non fa niente per fermarla». Nel documento intestato a Sua Santità spiega:  «I gruppi paramilitari ed i suoi finanziatori stanno approfittando della smobilitazione della guerriglia delle Farc per controllare le zone rurali colombiane»; cita poi le parole del Vescovo della diocesi di Apartadò, sul cui territorio vi sono state anche ripetute incursioni di esponenti del gruppo paramilitare Agc (Autodefensas Gaetanistas de Colombia). Il Vescovo Monsignor Hugo Alberto Torres Marín a più riprese ha denunciato «la violenza paramilitare che tormenta la sua diocesi e la poca attenzione da parte dello Stato colombiano». La lettera al Papa termina con un appello: «Santo Padre, la preghiamo di incontrarsi con altre realtà della Colombia, lontane e silenziate dalla versione ufficiale del governo e degli organi statali. In tal modo, conoscendo l'altra realtà delle vittime, sia lei l'amplificatore del loro grido per la verità, riparazione e non ripetizione. Le chiediamo che includa nella sua agenda contadini, indigeni, afrodiscendenti, difensori dei diritti umani che, da decenni, stanno rischiando la loro vita per costruire e conseguire una pace con giustizia sociale, stabile e duratura».
 
Al margine degli incontri istituzionali, a parziale risposta, è previsto l'incontro del Santo Padre, Papa Francesco, con con alcuni esponenti delle comunità indigene della Colombia.
 
Sul territorio è presente anche Operazione Colomba, corpo di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, che dal 2009 realizza un progetto nonviolento di protezione della popolazione civile, all'interno della Comunità di Pace di San José de Apartadò. Più volte i volontari hanno segnalato minacce da parte di gruppi paramilitari ai danni di civili inermi. La Comunità di Pace dal 97  si è dichiarata neutrale rispetto al conflitto armato che sta spremendo la Colombia, e ha pagato questo cammino nonviolento subendo l'uccisione di 300 suoi membri. Il timore è che l'acuirsi della tensione possa portare all'espulsione dal paese degli attivisti per i diritti umani stranieri presenti nell'area.
 
Monica Puto, volontaria in Colombia, ha raccontato la sua esperienza in questa recente intervista radiofonica andata in onda su una radio locale.



Marco Tassinari
05 Settembre 2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

Ultime news
  • Carcere: una pena alternativa
    Il 15 settembre a Vasto (CH) è stata inaugurata la casa Santi Pietro e Paolo. Si tratta della 6ª casa del progetto CEC (Co...
    Leggi tutto
    21 Settembre 2017
  • Sabato e Domenica, Un Pasto al Gi..
    3.000 volontari per due giorni in mille piazze d’Italia. Ma il cuore dell’evento sono le persone per cui è stato pensato
    Leggi tutto
    21 Settembre 2017
  • Scuola senza voti: la Scuola del ..
    Fervono i preparativi per il prossimo convegno di sabato 30 settembre (dalle 14 alle 21) e domenica 1 ottobre (dalle 9 all...
    Leggi tutto
    20 Settembre 2017
  • A Torino il Congrosso dell'estate..
    Circa 200 ragazzi si sono dati appuntamento il 9 e il 10 settembre a Torino al Congrosso, che ha concluso le attiviità ...
    Leggi tutto
    13 Settembre 2017
  • Arriva #IOSPRECOZERO, per restitu..
    Il 23 e 24 settembre, nelle piazze d’Italia, i volontari di Un Pasto al Giorno consegneranno in cambio di una donazione ...
    Leggi tutto
    11 Settembre 2017
  • Volontariato in missione: la form..
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una esperienza i...
    Leggi tutto
    10 Settembre 2017
  • Buon compleanno don Oreste!
    «È possibile rifare la storia, ricostruirla. Quando vedi l'ingiustizia bruci nel tuo cuore! E allora vai a rimuoverne le c...
    Leggi tutto
    07 Settembre 2017
  • Papa Francesco visita la Colombia
    Papa Francesco Colombia: troverà armi puntate nella foresta; sono stati uccisi almeno 52 attivisti per i diritti umani. P...
    Leggi tutto
    05 Settembre 2017
  • Cosa succede in Colombia?
    Nonostante il 24 novembre scorso sia stato firmato un nuovo Accordo di Pace tra il Governo colombiano e la guerriglia dell...
    Leggi tutto
    29 Agosto 2017
  • Terremoto Ischia: bimbo in comuni..
    Un bimbo di un anno è accolto ad Ischia dopo in terremoto nella comunità di recupero per le persone vittime di dipendenz...
    Leggi tutto
    25 Agosto 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…