Il messalino di Pane Quotidiano con il commento alla parola di Dio del prete di strada riminese Don Oreste Benzi. Qui nella sua Cappellina a Canazei.

Messalino di Don Benzi: il Vangelo del giorno anche in ebook

Dove trovare ogni giorno il commento alle Letture per il 2018

Il messalino di Pane Quotidiano è un libretto bimestrale semplice, online o cartaceo. Propone letture, Vangelo del giorno e commento ed è basato sulle meditazioni di Don Oreste Benzi. Nella versione libretto ha un formato tascabile, pensato per la borsetta o la tasca dei pantaloni. Puoi averlo anche nel tuo telefonino come messalino online, scaricando l'ebook ad un prezzo simbolico: un modo unico per non perdere mai l’appuntamento con la Parola di Dio. 

Il numero di gennaio apre il 2018: dal ricordo della Santa Madre di Dio accompagna fino alla festa della vita e a tutto il mese di febbraio. La prefazione di questo numero è a cura del Vescovo di Rimini Francesco Lambiasi.
 

Messalino online di Don Oreste Benzi: come abbonarsi

Pane Quotidiano è messalino quotidiano bimestrale. Puoi averlo in tre modi:

  1. Puoi telefonare al numero 0442.626738 dalle 9.30 alle 13.30 per riceverlo a casa in abbonamento. 

  2. Puoi abbonarti online per un anno, nell'ecommerce di Pane Quotidiano. Alla scadenza potrai decidere tu se rinnovarlo.

  3. Puoi scaricare l'ebook di Pane Quotidiano da tutte le librerie e gli store online:

 

#FOTOGALLERY:donoreste#

foto di Riccardo Ghinelli

 

Il Vangelo del giorno con commento, come pregare?

Nella meditazione del Vangelo del giorno un aspetto fondamentale è quello della continuità: per pregare è consigliato scegliere un momento della giornata in cui si è più tranquilli (meglio se al mattino) e mantenerlo, fermandosi con costanza sulla parola del testo che più entra nel cuore.  Quella Parola va portata come un lume, per tutta la giornata.  Molti pregano alla sera, affidando al Signore gli incontri del giorno. Quando il testo evangelico risulta più difficile da comprendere, oppure quando si cercano chiavi di lettura che possono essere sfuggite, ecco che la spiegazione del Vangelo, con il commento curato da un maestro di vita, può aprire strade interiori nuove. 

Durante la meditazione del mattino è meglio avere con sé una matita o un evidenziatore: va segnata nel messalino la parola che più si presta a dare una chiave di lettura alla giornata; dopo pranzo o alla sera si potrà riprendere in mano il libetto per ritrovarla, trovando ogni giorno uno spunto per rileggere la propria vita secondo Gesù.

 

Il Vangelo del giorno secondo Don Oreste Benzi

Don Oreste Benzidel quale è in corso la causa di beatificazione, è noto come prete di strada. I suoi commenti al Vangelo aiutano a comprendere e gustare la Parola, e a tradurla in scelte operative, che possono aiutare i fedeli nel costruire davvero un mondo vitale nuovo. Era un amante della contemplazione silenziosa e della preghiera a Maria; consigliava di meditare così: «Dividi il tempo che doni all'adorazione in quattro parti, e porta nella preghiera alcune domande che hai nel cuore».

  1. Nel grazie della contemplazione: all'inizio chiediti "Di cosa devo ringraziarti Signore"? E per prima cosa ringrazialo per tutto il bene che compiono i tuoi fratelli e sorelle, specialmente per quelli che ti danno fastidio, quelli dei quali hai invidia, quelli che ti offendono. In una parola: chi più rifiuti. Poi ringrazia per il bene che fai tu. 
  2. Nel perdono amorevole: poi chiediti "Di cosa ti devo chiedere perdono Signore"? Comincia invocando perdono per i peccati che hai fatto fare ai tuoi fratelli e sorelle. Poi chiedi perdono per i tuoi peccati, soprattutto per tutte le volte in cui non hai perdonato chi ti ha offeso. 
  3. In dialogo fiducioso: adesso chiediti "Di cosa hai bisogno o Signore"? Prima domanda ogni bene utile ai tuoi fratelli e sorelle. Poi chiedi per te. 
  4. In relazione profonda: e infine: "Chi sei tu per me Signore, chi sono io per Te"? Inizia però chiedendoti: chi sono per te Signore i miei fratelli e sorelle, chi sei tu Signore per loro? E poi poni la domanda per te.

Dopo la meditazione lo spirito è pronto per una lettura interiore di Vangelo del giorno e commento.

La spiritualità del povero

La riflessione di Don Benzi trova fondamento nella spiritualità del povero: l'accoglienza, la carità, l'essere comunità cristiana, sono modi sicuri per arrivare a Gesù. Durante le meditazioni tenute nei suoi incontri di spiritualità Don Oreste insegnava la liberazione dal denaro:

«I cristiani devono farsi poveri, condividendo la vita del povero; accogliere Dio, accogliendo il povero. A noi non basta lottare per la giustizia più distributiva e giusta; c’è qualcosa di più per chi vuole risolvere il problema dei poveri. Dobbiamo stare con il povero per stare con Dio, il quale ascolta il grido degli afflitti (Salmo 9), ha cura dei poveri (Salmo 40): Egli è il Padre dei poveri e difensore delle vedove (Salmo 68) e di tutte le persone umili, indifese (Salmo 146). Il Signore salva tutti i poveri ed i miseri che si rivolgono a Lui, infatti i poveri si abbandonano a Lui (Salmo 9, 35), per trovare sostentamento, sostegno, libertà, protezione (Salmi 22, 27; 132, 15). I poveri si abbandonano in Lui (Salmo 70, 6; 74, 21). I poveri non si sentono abbandonati da Lui (Salmo 10, 14 ; 70, 6), ma si sentono ammaestrati dallo Spirito Santo (Salmo 12, 6)». Ogni giorno nel messalino di Pane Quotidiano i suoi insegnamenti accompagnano in quella che lui chiamava "costruzione di cieli nuovi e di una Terra nuova".

Un incontro simpatico con Cristo

Diceva Don Oreste: «Il bisogno elementare, semplice, presente in tutti gli impulsi umani è il bisogno della felicità, di stare bene sempre, ovunque, con chiunque; bisogno di serenità, di pace, di gioia. Un uomo è salvo solo se incontra Qualcuno, e se in questa relazione sviluppa la pienezza di sé, se scopre di avere un senso nel mondo. Allora la persona acquisisce un futuro e, soprattutto, si rende conto di far parte di un movimento più vasto: quello dei cristiani, uniti nella costruzione dei cieli nuovi e della Terra nuova in cui regna la giustizia di Dio».

Don Oreste si preoccupava sempre di attrarre a sé i giovani: «Le masse giovanili non le avremo mai più con noi, se non ci mettiamo con loro per rivoluzionare il mondo. Ma il vento è favorevole, perché il cuore dei giovani oggi batte per Cristo. Ci vuole chi senta quel battito, chi li organizzi e li porti avanti in una maniera meravigliosa.  Un incontro simpatico con Cristo vuol dire che quel che è in Gesù risuona in noi. Non perdo più tempo: simpatico deriva da sentire insieme, vuol dire coincidere nel sentimento, coincidere l’uno nell’altro. L'incontro con Gesù toglie dalla solitudine».

Ecco perchè Don Oreste Benzi parlava di un incontro simpatico con Cristo: la forte volontà dei fedeli di uniformare la propria vita a quella di Gesù, di vivere le scelte di ogni giorno nel Suo nome e di cercare di abbandonarsi alla Sua volontà.

«I nostri ragazzi, i nostri barboni, li andiamo a prendere tutte le sere alla stazione. Sono i soggetti attivi e creativi di umanità.  Anche il povero ti diventa simpatico, anche quando ti sputa. Se senti il cuore di Cristo che batte in te, tu diventi simpatico. È qui il punto centrale».

Essere Chiesa

Quello proposto è un percorso di crescita interiore  difficile da essere affontato in solitudine: va cercato un gruppo di confronto, una comunità, un percorso di discernimento, in cui rileggere la propria vita alla luce del Vangelo, ogni giorno. La conversione va vissuta in un contesto di confronto fraterno all'interno della propria Chiesa locale. «Ricordatevi che ci si salva insieme», amava ripetere Don Oreste.

 

Il Vangelo del giorno con commento secondo l'Arcivescovo Bruno Forte

Monsignor Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti-Vasto ha scritto nella prefazione del 2017 al messalino Pane Quoditiano«Solo l'amore divino può appagare il nostro cuore inquieto, assicurandoci che non siamo soli in questo mondo e che la nostra casa è presso di Lui, nella città celeste, dove non ci sarà più né dolore né morte. "Da quella città — scrive Agostino — il Padre nostro ci ha inviato delle lettere, ci ha fatto pervenire le Scritture, onde accendere in noi il desiderio di tornare a casa" (Commento ai Salmi, 64,2-3)».

«La Bibbia è questa "lettera di Dio", che parla al nostro cuore, e ci chiede di essere avvicinata con il desiderio tiepido con cui un innamorato legge le parole della persona amata. Imparare ad ascoltare la voce divina che ci parla nelle Sacre Scritture è imparare ad amare: proprio così, la Parola di Dio è sorgente di patti di pace, di legami d'amore, buona novella contro ogni solitudine»!

E poi Mons. Forte entra nel vivo, parlando della lettura di Vangelo e commento del giorno: «Attaverso la Parola, Dio stesso ci raggiunge e ci accoglie nel suo cuore divino. Ascoltando, leggendo, meditando la Parola, Dio in persona ci visita e ci trasforma, rendendoci capaci d'amare. Avviene così che chi si lascia quotidianamente illuminare dalla Parola, scopre sempre più che il senso vero della vita non sta nel ripiegarsi su se stessi, ma in quell'esodo da sé senza ritorno, che è l'amore. Prova allora a meditare la Parola poggiando il tuo capo sul petto del Signore, come il discepolo amato dell'Ultima Cena, e ascolta le sue parole di vita, lasciando che il suo cuore parli al tuo».

 

Meditare il Vangelo del giorno con Sant'Ambrogio

Scrive il Santo Vescovo nel trattato "Caino e Abele":

Il Signore Gesù ha raccomandato di pregare intensamente e frequentemente, non perché la nostra preghiera si prolunghi fino al tedio, ma piuttosto ritorni a scadenze brevi e regolari. Infatti la preghiera troppo prolissa spesso diventa meccanica e d'altra parte l'eccessivo distanziamento porta alla negligenza.   

Quando domandi perdono per te, allora è proprio quello il momento di ricordarti che devi concederlo agli altri.

L'Apostolo insegna che si deve pregare senza ira e senza contese perché la preghiera non venga turbata e falsata. Insegna anche che si deve pregare in ogni luogo. Dove il Salvatore dice: «Entra nella tua camera» intendi non una camera delimitata da pareti dove venga chiusa la tua persona, ma la cella che è dentro di te, dove sono racchiusi i tuoi pensieri, dove risiedono i tuoi sentimenti. Questa camera della tua preghiera è con te dappertutto, è segreta dovunque ti rechi, e in essa non c'è altro giudice se non Dio solo. 

Se preghi soltanto per te, pregherai per te, ma da solo. Se invece preghi per tutti, tutti pregheranno per te, perché nella totalità ci sei anche tu. La ricompensa è maggiore perché le preghiere dei singoli messe insieme ottengono a ognuno quanto chiede tutto intero il popolo. In questo non vi è alcuna presunzione, ma maggiore umiltà e frutto più abbondante.

 

Il Vangelo del giorno risponde alle nostre domande?

Ci si chiede: per essere ascoltato è meglio per me pregare in un dialogo spontaneo con il Signore o è meglio se recito delle preghiere a memoria? Mi è utile la meditazione del vangelo di oggi? E come faccio a pregare senza distrazioni o turbamenti? 

È bene sapere che non dobbiamo mai considerare la preghiera come qualcosa di rigido o di predefinito; ognuno si deve poter sentire libero di dialogare con Dio come dettato dal proprio cuore, anche senza recitare nessuna preghiera preconfezionata. Se aiuta, si può iniziare la propria preghiera rivolgendosi a Gesù con l'appellativo Mio Signore; alcuni preferiscono rivolgersi alla Madonna, nostra madre Maria.  La certezza per tutti è che comunque Dio ascolterà. 

Nella meditazione biblica del giorno dobbiamo tenere in considerazione che il Padre non risponderà mai alle nostre preghiere in maniera umana, come ci potremmo aspettare noi; la Preghiera è uno strumento essenziale per noi uomini per arrivare ad affidarci alla volontà di Dio, piuttosto che un modo per veder realizzate le nostre piccola vanità qui sulla Terra. Allo stesso modo, trovare nella lettura del Vangelo del giorno la risposta alle proprie domande non è scontato: la Parola è una torcia che illumina d'amore la vita che stiamo conducendo, richiamandoci ad una conversione continua alla volontà di Dio.

Avvengono a volte guarigioni inspiegabili; la preghiera può aprire strade inaspettate. La maggior parte delle volte però la risposta del Signore ci sorprenderà, e non andrà nella direzione che noi avevamo sperato. Il Signore ci porterà sempre nella direzione di ciò che è veramente il bene per noi, piuttosto di quel che è il bene secondo noi

 

Messalino Pane Quotidiano

Il messalino quotidiano tascabile Pane Quotidiano è un libricino prezioso e ricco da portare sempre con sé, per meditare Letture e Vangelo del giorno, guidati da un maestro di concretezza della fede quale era Don Oreste Benzi.  Si caratterizza per la sua essenzialità: non aggiunge postille, fronzoli colori e pubblicità, ma contiene solamente la Prima Lettura, il Salmo e la Seconda Lettura della Messa, seguite dal Vangelo. Ad ogni testo segue il commento al brano, raccolto durante le innumerevoli meditazioni pubbliche del sacerdote riminese. Nato nel 2001, oggi il messalino ha una tiratura di circa 40.000 copie, diffuse in tutta Italia. Può accompagnare nei momenti di preghiera personale e comunitaria.
 

Le foto dei lettori

Ecco alcune foto che ci mandano i lettori del messalino! Grazie!

#FOTOGALLERY:dailettori#

 

La prefazione di Giovanni Paolo Ramonda

Ecco cosa scrive Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, nell'introdurre il piccolo messale quotidiano tascabile.

Tra le mille parole umane, ogni giorno arriva una parola, la Parola, che dal cuore del Padre vuole scendere nei nostri cuori ed irrorarli, irrigarli di acqua viva, di luce, di bontà, di amore, di generosità, di condivisione, di compassione, di tenerezza. È il Verbo che si fa carne, il Figlio diletto che si commuove e viene a camminare sulle nostre strade ancora oggi. Lo fa proprio attraverso la Parola di Dio, che diventa parola del Signore per me, per noi, per la nostra conversione, per la nostra salvezza. La Parola meditata entra nel silenzio del cuore e della mente; vuole essere ascoltata, amata, vissuta, partecipata e diventare vita nella comunità per la gioia del mondo. 

Nel messalino quotidiano la Parola di Gesù ci prende per mano e, guadando alla nostra povertà, ci trasfigura per farci diventare "tutto bene senza alcun male", nella scelta di amare gratuitamente, di donarci all'amore del prossimo.

Messalino, strumento di testimonianza

Ad un incontro con i consacrati della Comunità Papa Giovanni XXIII di fine 2016, Ramonda spiega come dalla preghiera nascano le opere di carità della vita quotidiana, e come a queste segua la testimonianza: «Ognuno dia Pane Quotidiano a qualcun altro, ad un amico; anche alla gente che non crede in Dio. Ieri è venuto un personaggio della finanza, mi parlava dell’infinito e parlava, parlava... allora gli ho detto: “Ascolti qualcosa dell’infinito di Cristo!” e gli ho dato il messalino Pane Quotidiano». 

 

Nel messalino del 2 novembre 2007 la profezia della morte di Don Oreste 

Dal Libro di Giobbe: Gb 19, 1.23 «Rispondendo Giobbe prese a dire: "Oh, se le mie parole si scrivessero, si fissassero in un libro, fossero impresse con stilo di ferro e con piombo, per sempre s'incidessero sulla roccia! Io so che il mio redentore è vivo e che, ultimo, si ergerà sulla polvere! Dopo che questa mia pelle sarà strappata via, senza la mia carne, vedrò Dio. Io lo vedrò, io stesso, i miei occhi lo contempleranno e non un altro».

Quel 2 novembre 2007 ecco il commento alle letture che lasciò scritto Don Oreste nel messalino del giorno: «Nel momento in cui chiuderò gli occhi a questa terra, la gente che sarà vicino dirà: è morto. In realtà è una bugia. Sono morto per chi mi vede, per chi sta lì. Le mie mani saranno fredde, il mio occhio non potrà più vedere, ma in realtà la morte non esiste perché appena chiudo gli occhi a questa terra mi apro all'infinito di Dio. Noi lo vedremo, come ci dice Paolo, a faccia a faccia, così come Egli è. E si attuerà la parola che il libro della Sapienza dice al capitolo 3: Dio ha creato l'uomo immortale, per l'immortalità, secondo la sua natura l'ha creato. Dentro di noi, quindi, c'è già l'immortalità, per cui la morte non è altro che lo sbocciare per sempre della mia identità, del mio essere con Dio. La morte è il momento dell'abbraccio col Padre, atteso intensamente nel cuore di ogni uomo, nel cuore di ogni creatura». 

Quella stessa notte, alle 2 Don Oreste Benzi morì nella sua casa a Rimini nella Parrocchia della Resurrezione, all'età di 82 anni, lasciando in eredità alla Comunità Papa Giovanni XXIII il testimone della condivisione diretta della vita con gli ultimi e della rimozione delle cause che creano le ingiustizie.

 

Messalino online o in formato libretto, cosa è meglio?

La versione cartacea favorisce la concentrazione: è più facile fermarsi in meditazione rileggendo il commento al Vangelo sulla carta stampata. Si presta ad essere letto senza disturbare gli altri fedeli durante la messa della domenica. Il formato digitale del messalino invece aiuta ad avere il commento alle letture sempre in tasca con sè, nel proprio telefonino. Scegli Pane Quotidiano per portare sempre con té il commento al Vangelo e alle letture, ecco il link per abbonarsi alla versione cartacea: Messalino Pane Quotdiano.



Marco Tassinari
28/12/2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

Ultime news
  • Santa Bakhita 2018
    Giuseppina Bakhita, una Santa che ci ricorda la schiavitù della donna. Eventi l'8 febbraio in tutta Italia.
    Leggi tutto
    22 Gennaio 2018
  • Chi sono i Rom?
    Il 20 gennaio alle ore 10, presso la comunità terapeutica S. Giuseppe a Castel Maggiore, loc. Sabbiuno (BO), si terrà un s...
    Leggi tutto
    17 Gennaio 2018
  • La visita del Papa in Cile
    Dal 15 al 22 gennaio il Papa farà una visita pastorale in Cile e Perù. Gianni Casadei, romagnolo, è missionario in Cile da...
    Leggi tutto
    16 Gennaio 2018
  • Intregrare la Legge Merlin
    Nel 2018 la Legge Merlin compie 60 anni. il 2 dicembre 2017 a Modena si è tenuta una manifestazione nazionale per chieder...
    Leggi tutto
    15 Gennaio 2018
  • Sevizio civile, cerchiamo volontari
    Il 21 dicembre 2017 sono usciti due bandi per l'attuazione di progetti di Servizio Civile Nazionale e nell'ambito di Garan...
    Leggi tutto
    11 Gennaio 2018
  • Gesù Bambino è un immigrato
    Il 14 gennaio la Chiesa ricorda la giornata mondiale del migrante e del rifugiato, voluta da Papa Francesco. Ecco alcuni...
    Leggi tutto
    10 Gennaio 2018
  • Parti con SVE, il volontariato al..
    Il Servizio Volontario Europeo permette ai giovani tra i 18 e i 30 anni di partecipare ad attività di volontariato all'es...
    Leggi tutto
    05 Gennaio 2018
  • I commenti al Vangelo del giorno ..
    Messalino di Pane Quotidiano: un libretto bimestrale che di don Oreste Benzi contiene la Parola di Dio ogni giorno e i com...
    Leggi tutto
    28 Dicembre 2017
  • Giornata della vita
    Sei una donna in gravidanza e cerchi aiuto? Nella giornata della vita e durante tutto l'anno restiamo al fianco delle gest...
    Leggi tutto
    28 Dicembre 2017
  • Solidarietà: non solo durante le..
    Il 20 dicembre di ogni anno ricorre l’International Human Solidarity Day dichiarato con una risoluzione del 22 dicembre 20...
    Leggi tutto
    28 Dicembre 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…