«La mia scuola è senza voti»

Lettera aperta di Lucia Bolcato, maestra alle scuole primarie da 28 anni, che ha scelto di mettere in atto i principi della Scuola del Gratuito

Per alcuni la scuola è finita, altri sono in attesa di interrogazioni o esami di maturità. Una corsa alle ultime correzioni, una letta alla “tesina”, un ripasso degli argomenti… in molte scuole italiane tantissimi studenti sono alla prese con  prove da sostenere, prove di prestazione che generano preoccupazione e ansia. «Che voto prenderò? Sarà piaciuta? Mi premieranno per il mio sforzo?»… sono le tante domande che echeggiano tra i corridoi e riempiono l'aria di apprensione e trepidazione. Me li vedo che passeggiano nervosi nei corridoi, qualcuno esce a fumare una sigaretta, altri leggono e rileggono i loro appunti come se non ricordassero più niente... Come se da quel risultato dipendesse tutto il loro futuro.

Anche per me la scuola è finita: sono arrivata in quinta, scuola primaria, con la gioia e la serenità di aver fatto un bellissimo percorso insieme ai miei alunni. Sì, insieme alla mia classe sono cresciuta anch'io, cercando di capire i loro stati d'animo, accogliendoli nelle difficoltà, esortandoli a provare, gratificando anche i loro errori, credendo in loro stessi, nelle loro potenzialità che pian piano si sono trasformate in capacità. Sono cresciuti in responsabilità e autonomia, persone in grado di esprimere il loro pensiero senza ferire l'altro, capaci di organizzare un lavoro di gruppo, di gioire dei successi di un compagno, di condividere, di accettare i propri sbagli, di essere ironici, di accogliere.

È iniziato tutto cinque anni fa, in classe 1ª, proponendo ai genitori il Progetto della Scuola del Gratuito, un progetto pedagogico voluto fortemente da don Oreste Benzi della comunità Papa Giovanni XXIII. Egli fu profetico: per costruire la società del gratuito, era necessario partire dalla scuola. E così fece: radunò tanti insegnanti che stesero un progetto, ovvero il Manifesto della Scuola del Gratuito, che contiene al suo interno le linee guida per la sua realizzazione.

Cos'è la Scuola del Gratuito? È un modo diverso di vivere la scuola, dove ciò che conta è la persona in tutti i suoi aspetti, dove la didattica è attiva, dove si fa ricerca, dove si lavora insieme, dove il voto, mero risultato di una prestazione, viene eliminato per far posto ad una valutazione dialogica che coglie più in profondità lo studente, accompagnata da un'efficace autovalutazione. Autovalutazione emersa casualmente all'inizio della classe terza, quando Marco, serafico, a voce alta disse: «Lucy ho fatto un macello!». Questa fu l'occasione per iniziare un percorso di autovalutazione che ha portato i miei alunni a riflettere sui propri risultati, sui propri successi e insuccessi e di vivere le piccole sconfitte quotidiane come opportunità di miglioramento. Da allora, dopo un lavoro di gruppo, dopo un compito, ognuno scrive la sua valutazione in modo dialogico. E insieme al non-voto è cresciuta la curiosità, la voglia di conoscere, il desiderio di non fermarsi a ciò che appare, ma di approfondire gli argomenti, utilizzando materiali diversi e i loro stessi libri. È cresciuta l'autostima e anche la consapevolezza che per arrivare ad un obiettivo esiste la fatica, l'impegno e la determinazione.

Certo è che tutto ciò “cozza” contro la società in cui viviamo, dove emergono i risultati delle prestazioni, prevale l'individualismo, la competitività la fa da padrone e se uno che è “bravo” riesce a stare a galla in questo mare di nozioni, pensate a chi non riesce, pensate a coloro che sono più deboli, a quelli che vengono schiacciati da questo sistema e ai quali è preclusa ogni possibilità... che tristezza!

Ma la Scuola del Gratuito non si può ridurre ad una pedagogia per includere i più deboli: è in realtà un ribaltamento del modo di fare scuola che apre le menti racchiuse nello stretto recinto della competizione e del voto, che crea legami, rispetta le individualità, esalta i talenti di ciascuno, rende più autonomi e liberi. È una pedagogia che mette il sapere e la conoscenza al centro, non la misurazione del profitto. Nella Scuola del Gratuito non c'è differenza tra i “migliori” e i “peggiori”: ogni individualità è accresciuta al massimo, non esiste un vantaggio di partenza per quei ragazzi più adatti ad una scuola che privilegia solo alcuni saperi o capacità.

Per noi, noi della Scuola del Gratuito, noi che abbiamo lavorato insieme abbiamo visto che cambiare è possibile, come è possibile uscire dai cancelli di un cortile e aprirsi ad un mondo che è pieno di risorse, di incontri, di sguardi, di conoscenza. In questi anni, durante l'estate ho incontrato i miei alunni, insieme abbiamo letto dei libri, verificato qualche esercizio e soprattutto giocato insieme. Con le famiglie durante l'anno scolastico ci sono stati diversi appuntamenti, per noi non esisteva la cena di fine d'anno, ma le cene in corso d'anno. Non mi sono mai sentita prevaricata, il mio ruolo non è mai stato minacciato (sono le obiezioni che sento maggiormente): no, era chiaro per tutti chi ero io. Ma chi ero io? Semplicemente una persona che li ha accompagnati, non una che pensa di possedere il sapere, ma qualcuno che ha fatto con loro un pezzo di strada, un cammino lungo il sentiero della vita.

gioco in classe

E proprio per questo, anche se nel mio registro dovevo scrivere un voto, ad ognuno di loro, alla fine del I° e del II° quadrimestre, scrivevo una lettera, nella quale esaltavo i punti di forza, mettevo in risalto i risultati e anche i limiti, così in modo semplice in modo dialogico, senza il giudizio, puntando sempre sul positivo, dimostrando che cambiare è possibile. Per loro la lettera era la vera scheda di valutazione, non quella ufficiale e l'aspettavano con gioia.

E l'aula? Un grande laboratorio mobile, con i banchi disposti ad isola per facilitare le attività e il dialogo, ma anche appoggiati alle pareti per lasciare lo spazio al movimento, alla musica, a guardare filmati. Banchi e sedie che magicamente tornavano ad isola dopo ogni attività, aule ordinate per andare incontro alla nostra collaboratrice. E la scuola? Lo stesso!! Corridoi, pareti, atrio, cortile... tutte occasioni di conoscenza. Del resto le linee guida per la certificazione delle competenze con la circolare ministeriale n.3 del 2 febbraio 2015, evidenziano la necessità di ripensare il modo di “fare scuola” integrando la didattica dei contenuti e dei saperi con modalità interattive e costruttive di apprendimento che consentano di “imparare facendo”.

Il mio sogno? Avere la libertà di fare scuola in modo libero, dando a tutti le stesse opportunità, che non significa essere tutti uguali, ma permettere ad ognuno di scoprire le proprie potenzialità e di metterle in pratica secondo le modalità congeniali di ognuno. Insegnare a “volare in alto”, perché... «non importa che si sappiano le stesse cose, che si abbiano le stesse regole, ma che ognuno riceva ciò che è necessario per fare emergere l’unicità della sua persona, per vivere bene con se stesso e con gli altri» (dal libro A scuola senza profitto).

Per saperne di più sulla Scuola del Gratuito,visitate  la pagina FB

Scarica il Manifesto della Scuola del Gratuito



Lucia Bolcato
TAG: Scuola
30 Giugno 2016
NOTIZIE CORRELATE

Noi ci mettiamo la nostra vita, tu mettici il tuo 5xmille Codice fiscale 00310810221 #Cimettolamiavita

 

 

Ultime news
  • In partenza: giovani in missione
    Dal 17 al 19 marzo si è svolto il Corso Missioni rivolto a tutti i giovani interessati a fare un’esperienza in una delle r...
    Leggi tutto
    20 Marzo 2017
  • La voce dei profughi siriani all'..
    Il 14 marzo 2017, alla 34a sessione del Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra si è svolto il dialogo interattivo con la C...
    Leggi tutto
    16 Marzo 2017
  • Anche Ferrara sanziona i clienti
    È stato approvato lunedì 13 marzo il nuovo Regolamento di Polizia urbana con la maggioranza Pd pressochè compatta, che pre...
    Leggi tutto
    15 Marzo 2017
  • La sfida cristiana nel cuore dell..
    Testimoni della misericordia di Dio verso i più poveri e gli emarginati. Ecco la sfida di oggi, soprattutto per noi cristi...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • «Vi scrivo dal Bangladesh»
    La zona Asia (che riunisce i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII che vivono in Bangladesh, Sri Lanka, India, Cina) s...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • Un concerto contro la tratta
    Il Teatro “Magda Olivero” di Saluzzo (CN) era gremito e la gente che non è riuscita a trovare un posto a sedere, ha g...
    Leggi tutto
    13 Marzo 2017
  • Su Rai Due le donne invisibili
    Abbiamo appena finito di festeggiare la dignità delle donne, di tutte le donne con la ricorrenza dell’8  marzo. Eppure è s...
    Leggi tutto
    10 Marzo 2017
  • Villa confiscata diventa Casa Fam..
    A Sarzana, in provincia de La Spezia, un immobile ed un terreno confiscati alle organizzazioni criminali accoglieranno un...
    Leggi tutto
    09 Marzo 2017
  • Non solo mimose
    Buone notizie da numerosi comuni italiani, tra gli ultimi Piacenza e Sarzana, città in cui l'amministrazione comunale ha ...
    Leggi tutto
    08 Marzo 2017
  • Una via dedicata a don Benzi
    «Grazie per aver dedicato questa strada a don Oreste Benzi, prete di strada» Così Giovanni Paolo Ramonda si è rivolto ...
    Leggi tutto
    06 Marzo 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…