Eventi




Vent'anni di casa famiglia a Russi

In questi anni la casa "Angeli Custodi" ha ospitato oltre 130 persone

Sabato 1 ottobre, in occasione dei 20 anni della Casa Famiglia Ss. Angeli Custodi a Russi (RA), la Comunità Papa Giovanni XXIII ha organizzato un momento di festa, di preghiera e di incontro. La Casa Famiglia aperta da Elisa Coralli nel 1996 e portata avanti insieme al suo sposo Marco Pirini e i loro 3 figli ha ospitato in questi venti anni oltre 130 persone divenendo famiglia per chi non l'ha o per chi si trova ad essere lontano dalla propria.

Per l'occasione, l'artista Daniele Cristofori ha realizzato un'opera per immortalare questo momento: «C'è un amicizia con la Casa Famiglia che parte da mia sorella Carla che la frequentava con costanza» spiega l'artista. «Questo quadro è un ricordo verso di  lei scomparsa vari anni fa, per mantenere vivo il rapporto con la CF  ed esserle vicino. Inoltre in questa occasione del ventennale c'è la possibilità di unire il territorio, il suo paesaggio con la spiritualità e l'attività di questa realtà di accoglienza. Ne viene fuori un'opera piena di significati sia religiosi che laici».

Marco ed Elisa 20 anni fa

Marco Pirini ed Elisa Coralli parlano così della loro esperienza di condivisione: «Una festa non può essere chiamata tale se non è per tutti, ammoniva don Oreste Benzi. Allo stesso modo in questi 20 anni di Casa Famiglia abbiamo sperimentato che la famiglia non è tale se qualcuno viene escluso da essa. Non è questione di essere bravi, volenterosi, generosi, parliamo di giustizia. Se a casa ho un letto vuoto e vedo qualcuno che dorme in strada, sono responsabile anch'io del suo stare in strada. Se io vivo nel lusso (utilizzando risorse in eccesso a quelle che mi servono) e vedo qualcuno che non ha lo stretto necessario,  sono responsabile anch'io della sua indigenza. Se ho lavoro, più di quello che mi serve e vedo qualcuno che non ha lavoro, sono responsabile anch'io della sua disoccupazione, ecc. ecc. La società odierna ci ha portato a credere che siamo noi i proprietari di noi stessi, del nostro tempo dei nostri beni. Invece ne siamo solo amministratori, tutto ciò che veniamo ad avere ci è stato dato si per noi ma per un noi che comprende tutti noi. Non vi è nulla di mio ma tutto è nostro. Allora mi sento in pace e sono nella gioia quando condivido il mio tempo con chi è nel bisogno, quando condivido il mio pasto con chi non ha famiglia, quando condivido le risorse con chi non ha risorse».

Marco fa un esempio concreto: «L'accoglienza del piccolo Marchino in Casa Famiglia 7 anni fa, ha stravolto per anni le nostre abitudini, con notti insonni, giorni frenetici, ospedalizzazioni continue. È venuto spesso il pensiero di non farcela e lo abbiamo affidato a Lui in cappellina. Ogni volta è arrivato l'aiuto il sostegno necessario da amici, volontari, parenti, sconosciuti. Sperimenti che pur nella fatica, con la presenza di questo piccolo, hai ricevuto un dono che non ha prezzo, nella sua totale infermità è diventato maestro per noi, per i nostri figli generati e rigenerati nell'amore e per tutti quelli che hanno la fortuna di essergli vicino.

Marco ed Elisa, due sposi con una chiamata precisa, che non si sentono supereroi: «Chiediamo perdono per le nostre incoerenze, per le nostre chiusure, per le nostre pigrizie, che possono aver scandalizzato e allontanato chi le ha vissute. Per noi vivere questi 20 anni è stata una grande opportunità di incontrare Gesù, nelle piccole fatiche e gioie di ogni giorno. Affidiamo alle vostre preghiere tutti noi e tutti quelli che si affidano a noi. Preghiamo e vi auguriamo di sentirvi sempre buoni amministratori della vostra vita affinché ogni persona che viene a Russi possa sentirsi sempre a casa sua in una festa per tutti». 



Chiara Bonetto

 

 

 

 
Ultime news
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    19 Aprile 2019
  • Campi di volontariato
    Campi fuori le mura: a Reggio Calabria fra i profughi, negli orfanotrofi in Romania, o in tutta Italia con gli homeless e ...
    Leggi tutto
    17 Aprile 2019
  • In sella per far del bene
    La manifestazione ciclistica “2x bene” ha destinato una donazione di 6mila alla Comunità di don Benzi
    Leggi tutto
    16 Aprile 2019
  • Sinodo dei Giovani, gran finale
    Le porte del Sinodo sui giovani celebrato a ottobre 2018 si sono chiuse. È arrivato quindi il tempo di buttarsi tutto ...
    Leggi tutto
    12 Aprile 2019
  • Il messaggio del Papa per i giovani
    Scopri i contenuti della nuova esortazione apostolica di Papa Francesco rivolta ai giovani. Dopo l'esperienza coinvolgente...
    Leggi tutto
    10 Aprile 2019
  • Lingua dei segni
    Cos'è il inguaggio dei segni? Una vera e propria lingua, con un suo alfabeto ed una sua grammatica. Ecco i riferimenti pe...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • «Non identifichiamo la cultura r..
    "In dialogo con il popolo rom", era il titolo del secondo dei 3 seminari previsti per il 2019 sulla cultura rom e sinta, o...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • Partire per la missione: la forma..
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2019
  • La mostra del Centro Diurno "Don ..
    A Cesena saranno esposte le opere artistiche degli ospiti del Centro Diurno "Don Oreste Benzi" nella 13a edizione di Diver...
    Leggi tutto
    04 Aprile 2019
  • Solo cose belle
    È in arrivo nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    31 Marzo 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…