Eventi




L'urgente necessità di disarmo e le scelte ambigue dell'Italia

75° dello Statuto Onu, impegno costituzionale di pace, rilancio del servizio civile

Gentile direttore, 

si sono appena compiuti settantacinque anni, era il 24 ottobre 1945, da quando alla fine della Seconda guerra mondiale entrò in vigore lo Statuto delle Nazioni Unite. Un impegno solenne da parte di praticamente tutti i Paesi del mondo affinché non si ripetesse più un'altra immane tragedia. Dal 24 al 30 ottobre si celebra ovunque la Settimana internazionale per il Disarmo, indetta nel 1978 dell'Onu per promuovere la riduzione di eserciti e armamenti nel mondo. Mi rammarica constatare che l'Italia abbia inserito programmi volti all'ampliamento dell'industria bellica nei progetti presentati all'Unione Europea per il Recovery Fund. Nonostante l'indicazione dell'Europa fosse quella di impiegare i capitali del fondo europeo in sanità, digitale e politiche ambientali, l'Italia è riuscita a camuffare sotto il termine «industria sostenibile» una grande richiesta di finanziamenti per potenziare la «filiera industriale aerospaziale e della difesa».

Questo atteggiamento si presenta come un'ulteriore beffa al popolo italiano che ha visto, nel momento di fatica che abbiamo vissuto con il lockdown, le industrie belliche continuare a lavorare in quanto ritenute «essenziali». Industrie che non hanno nemmeno chiuso quando si sono verificati casi di contagio tra i lavoratori. Il governo italiano torni sui propri passi, dando priorità piuttosto all'educazione e alla salute. Si impegni a rispettare l'articolo 11 della Costituzione e faccia rispettare la legge 185/90 che vieta la vendita di armi a Paesi in conflitto o che non rispettano i diritti umani. Non intendiamo essere corresponsabili nell'alimentare focolai di guerra. Ben venga lo stanziamento nei giorni scorsi di fondi aggiuntivi sul Servizio civile. Una scelta che va nella giusta direzione per promuovere la difesa civile nonviolenta, alternativa a quella militare. Il prossimo passo, ci auguriamo, sarà quello di stabilizzare il contingente annuo per gli anni a venire, per far sì che il servizio civile diventi veramente universale. Affinché i nostri giovani, raccogliendo il testimone dei padri costituenti, imparino a ripudiare la guerra. 

Fonte: Avvenire, 27 Ottobre 2020



Giovanni Paolo Ramonda, Presidente Comunità Papa Giovanni XXIII
28/10/2020
TAG: Pace / Ramonda

Ultime news
  • Il regalo di Natale più bello? C..
    Sono arrivati i nuovi regali solidali di Apg23: regali che contano davvero perché dietro ogni dono c’è la storia di un...
    Leggi tutto
    26 Novembre 2020
  • Giornata violenza donne
    Secondo i dati della Commissione europeamì, tra il 2010 e il 2016 le donne e le ragazze cinesi hanno costituito il terzo p...
    Leggi tutto
    25 Novembre 2020
  • Stato di Palestina: per una pace ..
    Riconoscere lo Stato di Palestina per la pace giusta tra Palestina ed Israele
    Leggi tutto
    24 Novembre 2020
  • Rivivi The Economy of Francesco
    Tre giorni per iniziare un processo di cambiamento globale, nello spirito di San Francesco.
    Leggi tutto
    18 Novembre 2020
  • Giornata contro gli abusi
    In occasione della Giornata Europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e la violenza sessuale, Azione Cat...
    Leggi tutto
    17 Novembre 2020
  • Right Way 2020
    Quali opportunità e quali sfide per l'integrazione delle vittime di tratta a fini sessuali? Il 19 novembre, alle ore 17,...
    Leggi tutto
    13 Novembre 2020
  • Terzo Open Day delle Comunità Te..
    Gli eventi organizzati dal Tavolo Ecclesiale Dipendenze: sabato 14 novembre dalle ore 17.30 alle 19.00 e sabato 21 novembr...
    Leggi tutto
    12 Novembre 2020
  • Verso The Economy of Francesco: i..
    Apg23 lancia il suo il manifesto dell’Economia di Condivisione. I giovani presentano i 10 princìpi.
    Leggi tutto
    09 Novembre 2020
  • Neonato abbandonato
    «Siamo disponibili ad accogliere il neonato abbandonato a Ragusa. In una delle nostre case famiglia potrà ricevere l'aff...
    Leggi tutto
    06 Novembre 2020
  • Scuola di pace
    Cosa vuol dire fare pace; come fare pace; perchè fare pace: tre webinar online con gli esperti.
    Leggi tutto
    06 Novembre 2020
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…