Eventi




Trovare ristoro all’ombra della croce

In vacanza con don Oreste

Che cosa leggere quest’anno all’ombra del fresco abete della vallata alpina o sotto l’ombrellone della “stessa spiaggia stesso mare”? L’ultimo di Harry Potter? Un giallo-poliziesco italiano? Un’analisi politica di Travaglio o di Vespa? Un saggio sul mio tema preferito?

Perché non pensare invece ad una scelta trasgressiva? Un libro che abbia in copertina una delle parole più tabù che si possano sentire… no, non “sesso”, quella non è più tabù; nemmeno “casta” ha più una grande portata sensazionalistica, inflazionata come tutti i neologismi che finivano con “-poli”, tangentopoli, parentopoli, affittopoli.

La parola è “croce”, scandalo inossidabile degli ultimi 2000 anni.

La sua croce, la nostra guarigione è l’ottavo libro che chiude il cerchio della collana di spiritualità di don Oreste Benzi edita negli ultimi due anni da Sempre Comunicazione. Chiude non a caso con questa piccola perla. Sottotitolo: Il mistero dell’espiazione, un tema diventato via via sempre più presente nelle meditazioni di don Oreste Benzi.

Espiazione: una parola scomoda e fastidiosa talvolta anche per i credenti, che in queste pagine viene ricollocata al centro dell’esperienza cristiana, nella sua funzione più piena di partecipazione alla vita di Gesù, che chiama alla gioia di un amore infinito.

Non è un libro per bigotto-vittimistici quindi, ma un testo che con l’arguto argomentare dell’“apostolo della carità” riporta al centro il Cristo: «Chi salva è Cristo Signore, ma egli ci chiede di partecipare con lui al suo amore offerto».

Nei tragici fatti di cronaca che ogni giorno interpellano, in cui ci si sente impotenti, sballottati tra il vittimismo, il fatalismo, e la sindrome di Rambo, forse può far bene leggere e meditare che «La redenzione del mondo cioè la sua salvezza, – scrive Giovanni Ramonda nella prefazione –  non può avvenire se non attraverso l’amore e questo crocifisso, passaggio indispensabile per risorgere come dono del Padre. Non ci sono scorciatoie magiche. C’è sempre bisogno di qualcuno che paga per un altro. Mettere la spalla sotto la croce di chi soffre, diventa lo stile di vita degli uomini e delle donne di buona volontà attratte dall’Amore».

E sentirsi così, anche in vacanza, parte di un progetto più grande.

 

 

 

 

 

 

 

Per acquistarlo: clicca qui 



Marco Scarmagnani
27/07/2016
NOTIZIE CORRELATE

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

 

Ultime news
  • Si è spenta il 29 giugno una voc..
    Le condoglianze del Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda
    Leggi tutto
    30 Giugno 2022
  • Addio Suor Luisa Dell'Orto
    «Siamo vicini — così Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII — con la preghiera al popolo ha...
    Leggi tutto
    28 Giugno 2022
  • Giornate dell'interdipendenza 2022
    La città di Bologna offre una serie di eventi per celebrare la giornata della lotta all'abuso e al traffico illecito di d...
    Leggi tutto
    21 Giugno 2022
  • L'Italia non diserti vienna
    Il rischio della guerra nucleare è più vicino che mai. È difficile comprendere perciò la scelta dell’Italia di non parteci...
    Leggi tutto
    18 Giugno 2022
  • 5X1000, un piccolo gesto che può..
    Con una semplice firma nella tua dichiarazione dei redditi, puoi cambiare la vita delle persone che incontriamo e accoglia...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Laura Milani presidente Cnesc
    «Siamo felici di contribuire con la presenza significativa di Laura Milani allo sviluppo sempre più adeguato del Servizio ...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Missionari in Cile, il racconto
    Da Rovereto al Cile per stare accanto ai Mapuche. Così Fabrizio e Francesca Bettini hanno cambiato vita, con loro i tre fi...
    Leggi tutto
    06 Giugno 2022
  • Bologna per la Pace
    I pacifisti tornano in piazza a Bologna mercoledì 1 giugno per chiedere di fermare il conflitto in Ucraina. La nuova manif...
    Leggi tutto
    01 Giugno 2022
  • Basta bimbi in carcere
    «È un primo passo fondamentale perché viene riconosciuta la dignità del bambino, che insieme alla sua mamma, che evidentem...
    Leggi tutto
    31 Maggio 2022
  • Le famiglie ucraine nelle nostre ..
    “Alla follia della guerra rispondiamo preparandoci ad accogliere i profughi ucraini nelle nostre case famiglia, famiglie...
    Leggi tutto
    16 Maggio 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…