Eventi




La notte dei senza dimora

Diversi eventi per gli "invisibili" in diverse città d'Italia in occasione della giornata mondiale di lotta alla povertà

Il 17 ottobre è una data da segnare in rosso sul calendario: dal 1992, per volere dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, ricorre la Giornata mondiale di lotta alla povertà. Al suo interno confluiscono moltissime iniziative, tante quante sono, nel mondo contemporaneo, le situazioni iscrivibili allo sfaccettato concetto di povertà. Tra queste, il fenomeno dei cosiddetti senza fissa dimora.

La condizione esistenziale di chi vive sulla strada viene definita di “povertà assoluta” ed interessa un numero di persone in drammatico aumento: in Italia sono oltre 50.700 (dato Istat 2015). A loro è dedicata “La notte dei senza dimora”, organizzata da diciassette anni dalle organizzazioni che operano nel campo coordinate da Insieme nelle Terre di Mezzo Onlus. Gli scopi sono molteplici: informare i cittadini di una situazione che trova spazio nei media solo in casi eclatanti e denunciarne la gravità, per evitare che i senza dimora scompaiano nel dimenticatoio della società; proporre interventi mirati e strategie da attuare in accordo con le Istituzioni, ma anche sperimentare un pasto e una notte all’addiaccio, condividendoli con chi trascorre così un giorno dopo l’altro.

“La notte dei senza dimora” coinvolge diverse città d’Italia durante il fine settimana che precede e quello che segue la Giornata mondiale di lotta alla povertà; la Comunità Papa Giovanni XXIII ha aderito agli eventi organizzati a Milano sabato 15 ottobre: la Capanna di Betlemme di Milano e quella di Spino d’Adda erano in Piazza Santo Stefano per la grande festa che prevedeva la cena, la musica dal vivo, le performances di artisti di strada, gli abbracci gratis e poi ovviamente la dormita all’aperto.

Ma per noi ogni notte è dedicata ai senza fissa dimora. L’incontro con chi vive sulla strada avviene con regolarità più volte la settimana, secondo una mappa che percorre l’Italia da nord a sud e un calendario di uscite che copre tutti i giorni dell’anno. Il significato di questa operazione è racchiuso in una frase che ricorreva nei discorsi di Don Oreste Benzi: «Ci sono poveri che non vengono a noi, dobbiamo andarli a cercare». Sulla scia di questa parole nascono le Unità di Strada, gruppi di volontari che vanno in cerca di chi si rintana sotto i ponti e i colonnati, negli anfratti delle stazioni e negli angoli bui del centro, che di notte si svuota. Distribuiscono cibo, coperte, vestiti ma soprattutto attenzioni e conforto. È proprio il contatto umano che permette di abbattere il muro della diffidenza e iniziare a creare relazioni positive e propositive, che sono spesso il primo passo di un percorso che conduce al reinserimento nella società.

Certo, abbandonare la strada non è cosa semplice: ci vogliono una volontà ferrea, un luogo che accolga, un progetto pensato ad hoc, l’incoraggiamento di qualcuno che creda fermamente nella riuscita dell’impresa e in te... Ma questo è ciò che avviene in seguito – ad esempio, in una Capanna di Betlemme. Prima c’è una molla che deve scattare, e scatta grazie a parole che scaldano più di una coperta e riempiono più di un panino, ad attenzioni che rendono di nuovo visibili, al desiderio di dignità che si risveglia. Far scattare la molla è lo scopo preciso delle Unità di Strada.

In occasione della ricorrenza del 17 ottobre, documenteremo questo impegno postando immagini e brevi storie raccolte durante le uscite settimanali sui nostri profili Facebook e Instagram. L’appuntamento è quindi per oggi, lunedì 17, a Pescara e a Rimini, martedì 18 a Milano, mercoledì 19 a Bologna e Cuneo, giovedì 20 a Roma e Torino e venerdì 20 di nuovo a Roma. Stay tuned!



Ufficio Fund Raising
17/10/2016

 

 

 

 
Ultime news
  • La consulta salva la Legge Merlin
    «Le motivazioni della Consulta mettono una pietra tombale su ogni proposta di regolamentazione della prostituzione in Ital...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2019
  • Società civile mobilitata fermar..
    Quello che segue è il comunicato stampa congiunto diramato da Amnesty International Italia, Comitato per la riconversione ...
    Leggi tutto
    29 Maggio 2019
  • Premio Don Benzi 2019
    «Sono commosso — ha detto Padre Fabrizio Valletti (foto di Riccardo Ghinelli) alle mamme ed ai papà delle case famiglia ...
    Leggi tutto
    25 Maggio 2019
  • In memoria dei bimbi non nati
    La lapide per i bimbi mai nati vuole essere ricordo e segno di tenerezza per i bambini che non hanno potuto gioire della v...
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • La 3 giorni 2019
    A Forlì oltre 2000 persone accorse per l'assemblea generale della Comunità di Don Benzi
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • In marcia per la vita
    A Roma più di 15mila persone in difesa dei nascituri
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
  • Solo cose belle
    Dal 9 maggio nelle sale cinematografiche di tutta Italia Solo cose belle, il film dedicato alle case famiglia dove recitan...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • È morto Jean Vanier
    «La Comunità Papa Giovanni XXIII si raccoglie in preghiera per la salita al cielo di Jean Vanier,  che è stato per tutti n...
    Leggi tutto
    07 Maggio 2019
  • L'Inizio Ramadan
    Il Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda, nello spirito del "Documento sulla fratellanza u...
    Leggi tutto
    06 Maggio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…