Eventi




L'impegno della Chiesa contro gli abusi

Oggi è la Giornata contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale sui minori

Il 18 novembre, Giornata contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale su minori promossa dal Consiglio d’Europa, è stata indicata dalle Nazione Unite come Giornata mondiale per il contrasto e la prevenzione all’abuso, al maltrattamento e allo sfruttamento sui minori. La Chiesa Italiana ha promosso in tale data - a partire dal 2021 - la Giornata annuale di preghiera e di sensibilizzazione per le vittime e i sopravvissuti agli abusi.

Per questa 2ª giornata nazionale, il 18 novembre 2022, è stato scelto come tema: «Il Signore risana i cuori affranti e fascia le loro ferite» (Salmo 147,3). Dal dolore alla consolazione.

Questo per indicare come nella Chiesa stia emergendo una rinnovata consapevolezza intorno al dolore di chi è stato ferito da suoi membri e al suo interno. Nessun dolore è definitivo. Per la comunità cristiana la consolazione è un imperativo, non come dovere, ma come cura e impegno. E la cura e l’impegno non posso anche che generare un rinnovamento nella prevenzione e formazione. Per la Chiesa parlare di safeguarding oggi è impegno serio e credibile. Lo dicono i dati del primo report sulla rete territoriale per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili, presentato a Roma il 17 novembre. In tutte le diocesi italiane sono stati attivati i servizi diocesani, la rilevazione ha visto la partecipazione di 158 diocesi su 166 coinvolte, perché in 8 di loro i servizi hanno carattere interdiocesano. 

I centri di ascolto, luogo di accoglienza, di presentazione di eventuali segnalazioni indirizzate all’autorità ecclesiastica, sono stati attivati in 90 diocesi.

Mi preme sottolineare 4 aspetti emersi da questo primo report.

1. Il primo è relativo al fatto che l’approccio scelto dalle Chiese che sono in Italia è un approccio globale, per passare da una reazione al problema – protection child, già un buon passo- a una pro-azione, ovvero alla promozione di percorsi formativi che mirano a rendere sempre più tutelanti le attività educative e socio-assistenziali.

Questo si evince dal fatto che nella maggioranza delle diocesi accanto al referente vi è una équipe multidisciplinare. Competenze professionali a servizio dei piccoli dentro una sinodalità di stati di vita e un approccio integrato e multidisciplinare come le evidenze scientifiche chiedono. Il dato relativo al fatto che il referente sia principalmente un sacerdote va incrociato con la sua competenza ( psicologo o educatore o canonista), con le professionalità dei membri delle equipe che lo affiancano e dal dato che nelle equipe dei servizi prevalente è la presenza di figure femminili.

Ancora nei centri di ascolto ad accogliere coloro che vogliono consegnare vissuti ,segnalare, vi sono nella maggioranza donne, laiche. La cura e il calore della maternità come tratto fondamentale per favorire la fiducia e l’ascolto.

2. Il secondo è il numero di persone raggiunte con i percorsi preventivi e formativi, 20mila, in 2 anni segnati dalla pandemia e da limitazioni notevoli anche per le attività della Chiesa. Formazione che ha coinvolto tutto il popolo di Dio nelle sue componenti, come richiesto e auspicato da Papa Francesco nella lettera al popolo di Dio.

3. Il terzo aspetto è che per la Chiesa questi non sono numeri, ma persone, incontrate nella prevenzione come nei centri di ascolto. Parlare di persone raggiunte nella prevenzione significa attivazione di sensibilità e consegna di un metodo di lavoro agli operatori pastorali capace di intercettare fattori di rischio e protezione dentro i diversi contesti ecclesiali.

4. Infine la necessità di mantenere sempre il continuum tra formazione e segnalazione (servizi e centri di ascolto). Vi è infatti un rapporto di reciproca incidenza tra segnalazione e formazione, che questo primo report ha confermato: la segnalazione può consentire di perseguire ma anche prevenire un eventuale crimine, fornendo alla formazione gli strumenti per migliorare i propri percorsi, stimolando i contesti a una revisione critica delle azioni poste in essere, la formazione invece crea quella coscienza e consapevolezza che può far emergere e segnalare comportamenti inappropriati.

Questo è il 1° report annuale sulla rete dei servizi, che sarà ripetuto annualmente. È una delle 6 vie scelte dalla Chiesa Italiana per questo percorso di rinnovamento ecclesiale intorno alla protezione dei minori e dei vulnerabili. 

Il 17 novembre è stato comunicato che si sta approntando anche la ricerca sui 613 fascicoli relativi ad abusi commessi in Italia da chierici nel periodo 2000-2021 presenti presso il Dicastero per la dottrina della fede. Un passo dopo l’altro non solo per rendere verità a chi è stato ferito, ma soprattutto per una rinnovata fedeltà della Chiesa al Vangelo nella sua missione educativa con piccoli e vulnerabili.



Chiara Griffini
18/11/2022
TAG: Chiesa / Minori

 

 

Costruiamo una tavole dove ci sia posto per tutti - Un pasto al giorno

Ultime news
  • Fermiamo le guerre
    La Comunità Papa Giovanni XXIII aderisce e rilancia le iniziative per la pace del 24 febbraio.
    Leggi tutto
    20 Febbraio 2024
  • Giornata della vita 2024
    Domenica 4 febbraio 2024, il Centro di Aiuto alla Vita "Santa Gianna Beretta Molla" di Castiglione del Lago (PG) ha vissut...
    Leggi tutto
    19 Febbraio 2024
  • Camminare per la dignità
    Camminare per la dignità, Giornata Internazionale di Preghiera e Consapevolezza Contro la Tratta degli Esseri Umani
    Leggi tutto
    06 Febbraio 2024
  • Roma, Consulta di Pastorale Giova..
    È da poco terminata la prima Consulta di Pastorale Giovanile CEI del 2024 (19 e 20 gennaio) tenutasi a Roma presso Casa Sa...
    Leggi tutto
    23 Gennaio 2024
  • Storia di una madre
    Tra le beneficiarie una giovane donna nigeriana madre di due figli di cui uno gravemente disabile.
    Leggi tutto
    22 Gennaio 2024
  • La denuncia: «Armi fuori control..
    Le preoccupazioni per l'indebolimento del controllo sul commercio di armi portano la Comunità a esprimere la sua protesta...
    Leggi tutto
    19 Gennaio 2024
  • Fine Vita, dibattito veneto
    «Auspichiamo che i consiglieri regionali del Veneto si impegnino in difesa della vita e lascino cadere il disegno di leg...
    Leggi tutto
    16 Gennaio 2024
  • «Solidarietà al CAV di Padova»
    «Sentiamo di esprimere la nostra più grande vicinanza e solidarietà agli amici del Centro di Aiuto alla Vita di Padova»: c...
    Leggi tutto
    09 Gennaio 2024
  • «Non restiamo in pace»
    Non possiamo restare in pace in questo fine anno segnato dalla tragedia che sconvolge la Terra Santa, mentre nel cuore del...
    Leggi tutto
    27 Dicembre 2023
  • Santi Innocenti Martiri
    A Cesena, Cuneo, Modena, Rimini, Vicenza: la Comunità Papa Giovanni XXIII ricorda i piccoli martiri
    Leggi tutto
    27 Dicembre 2023
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…