Eventi




Joy da prostituta a donna libera a Bologna grazie a Faac

Sceglie di lasciare la prostituzione grazie all'aiuto dell'amica

Joy (nome di fantasia), 26 anni, arriva a Bologna il 13 aprile, alle ore 14. Infila una mano nella borsa, ne estrae un foglietto spiegazzato. Compone un numero di telefono.
Andrea Distefano, della Comunità Papa Giovanni XXIII, è dall’altro capo della cornetta. Subito si accorda per raggiungerla. In un’ora è già da lei. Presto si attivano i volontari della Comunità; le trovano un posto letto nell’Help-center del Comune, che è un rifugio notturno sicuro.
Nicola Pirani a Bologna è il coordinatore delle attività contro la tratta per la Comunità, e spiega il retroscena: «A volte si tratta di una trappola, le sfruttatrici delle prostitute si fingono sfruttate e vengono da noi; in realtà stanno cercando le ragazze sfuggite dal racket, che avevano sotto la loro protezione e di cui noi siamo riusciti a far perdere le tracce. Ma, dopo tre colloqui in due giorni, Joy ci sembrava sincera». 

prostituta incontrata al distributore

Tutto l’impegno e il lavoro di Andrea, Nicola e della Comunità, che a Bologna va avanti da 20 anni, quest’anno sarà possibile anche grazie al sostegno dell’azienda Faac e al ricavato dalla vendita del suo Radiocomando del tifoso. Faac lo propone ai fans della squadra di calcio di seria A del Bologna FC, di cui è main sponsor, ma non solo. Perché tutto il ricavato della vendita sarà devoluto alle attività della Comunità contro la tratta delle donne proprio nella città di Bologna. Permetterà ai volontari di continuare ad uscire 4 volte alla settimana per incontrare lungo le strade della città le ragazze schiavizzate, offrire loro una via d’uscita e accoglierle nelle realtà della Comunità. Così come si fa in tutta Italia, dove sono 21 le “unità di strada” di volontari. A Bologna si fa rete: la Comunità lavora in convenzione con il Comune di Bologna, attraverso l'Istituzione per l'inclusione sociale "Don Paolo Serra Zanetti". Solo qui, sono circa 25 le ragazze che ogni anno si ribellano al loro sfruttamento e vengono accolte nelle case della Papa Giovanni.

furgone apg23

È stato durante una di queste uscite che un'amica di Joy ha ricevuto il foglietto con il numero di telefono di Andrea. Andrea, parlando con Joy, ne ha raccolto la storia.
Era sbarcata in Sicilia, dopo un viaggio dalla Nigeria durato mesi, fra privazioni e violenze. «Devi andare a Parma», le hanno detto. Lì una donna le aveva rivelato che si sarebbe prostituita fino a saldare un debito di 35.000 euro.
«Ora con lei dovremo affrontare il lungo percorso della regolarizzazione e del rifacimento del passaporto», spiega il coordinatore Nicola Pirani. «Le avevano fatto un documento falso; per le autorità nigeriane Joy adesso non ha più il suo vero nome». Da venerdì scorso Joy ha iniziato il percorso di rinascita ed è entrata in una delle case protette, sparse su tutto il territorio nazionale, nelle quali i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII condividono la loro vita con le vittime di tratta.
«Ringraziamo la Faac Spa per il suo sostegno alle nostre unità di strada e alle realtà di accoglienza», ha commentato Giovanni Ramonda il giorno della presentazione alla stampa del Radiocomando del tifoso; il responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII l’ha detto lo stesso giorno della liberazione di Joy. 


Per maggiori informazioni su come acquistare il telecomando del Tifoso e sostenere l'attività in strada contro la tratta clicca qui.



Marco Tassinari
22/04/2016

 

 

 

 
Ultime news
  • Ocean
    Hanno raggiunto l'Oceano dopo una settimana avventurosa, fra cambi di vento ed assalti dei pirati. Ecco l'avventura della ...
    Leggi tutto
    16 Luglio 2019
  • Solidarietà: diritto o reato?
    Il tema della criminalizzazione di attori umanitari e membri della società civile che manifestano solidarietà a migranti...
    Leggi tutto
    16 Luglio 2019
  • Servizio civile: posti disponibili
    C'è tempo fino al 12 luglio per presentare la domanda per un posto in Emilia Romagna per il servizio civile per giovani...
    Leggi tutto
    20 Giugno 2019
  • Società civile mobilitata fermar..
    Amnesty International Italia, Comitato per la riconversione RWM e il lavoro sostenibile, Movimento dei Focolari Italia, Re...
    Leggi tutto
    19 Giugno 2019
  • La consulta salva la Legge Merlin
    «Le motivazioni della Consulta mettono una pietra tombale su ogni proposta di regolamentazione della prostituzione in Ital...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2019
  • Premio Don Benzi 2019
    «Sono commosso — ha detto Padre Fabrizio Valletti (foto di Riccardo Ghinelli) alle mamme ed ai papà delle case famiglia ...
    Leggi tutto
    25 Maggio 2019
  • In memoria dei bimbi non nati
    La lapide per i bimbi mai nati vuole essere ricordo e segno di tenerezza per i bambini che non hanno potuto gioire della v...
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • La 3 giorni 2019
    A Forlì oltre 2000 persone accorse per l'assemblea generale della Comunità di Don Benzi
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • In marcia per la vita
    A Roma più di 15mila persone in difesa dei nascituri
    Leggi tutto
    23 Maggio 2019
  • Salvini sfida le case famiglia
    La Comunità Papa Giovanni XXIII risponde alle accuse del leader della Lega nord Salvini: «Non è un business!». Case fa...
    Leggi tutto
    08 Maggio 2019
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…