Eventi




«I corridoi umanitari per i profughi sono la via del buonsenso per evitare le stragi in mare»

Garantiscono la salvezza di persone che comunque verrebbero in Europa e ne hanno il diritto. Il monito viene dalle associazioni italiane ed internazionali di cooperazione allo sviluppo riunite a Rimini per il convegno "Il coraggio di essere umani"

 

Johan Ketelers, responsabile generale della commissione cattolica internazionale per le migrazioni all’Onu, Gianfranco Cattai di Focsiv e Francesco Petrelli del network delle ong per lo sviluppo e l’emergenza Concord,  Silvia Stilli, portavoce dell’associazione delle organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale e tutte le realtà riunite a Rimini hanno aderito alla proposta lanciata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e dalla Comunità di Sant’Egidio perché l’apertura di corridoi umanitari da aree di guerra diventi una prassi del governo italiano e venga “esportata” anche in Europa.

Già due canali umanitari saranno attivati nei prossimi mesi dai campi profughi siriani in Libano e dal Marocco, grazie anche al contributo economico della Chiesa Valdese.

La notizia è stata lanciata in occasione del convegno: due giorni di riflessioni ma soprattutto di testimonianze concrete, per provare a raccontare i migranti non come numeri e massa di gente che “assale" le frontiere d’Europa, ma come volti, sguardi, vissuti.

«Sono storie uniche di persone che hanno la stessa dignità e diritti delle nostre famiglie, dei nostri bambini», ha detto Giovanni Ramonda, Responsabile Generale della Comunità.

A Rimini è stato presentato anche un documentario realizzato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII: un viaggio sulle rotte dei profughi, quella balcanica e quella africana.

Oltre ai corridoi umanitari le altre proposte della Comunità Papa Giovanni XXIII - illustrate da Ramonda -  sono state la revisione del trattato di Dublino per togliere la clausola della richiesta di asilo al primo accesso, l’istituzione del ministero della pace, la richiesta che l’Italia si faccia portavoce di una iniziativa diplomatica forte. «Il nostro paese - ha concluso Ramonda - deve mettere ad uno stesso tavolo tutte le parti coinvolte, per una soluzione della guerra in Siria, che deve essere fermata». 

Scarica le foto.
Vedi il filmato.



 

 

 
Ultime news
  • L'allievo di don Milani a Rimini
    Sabato 19 gennaio 2019 a Rimini, c'è un nuovo appuntamento dell'Università del Perdono, dal titolo "Custodi di un unico re...
    Leggi tutto
    18 Gennaio 2019
  • È partito il Servizio Civile 2019
    45 volontari all'estero e 194 in Italia per il servizio civile Apg23
    Leggi tutto
    17 Gennaio 2019
  • Capodanno giovani in Romania
    C'è chi festeggia l'arrivo del  nuovo anno con panettone e spumante, c'è chi partecipa alle grandi feste in piazza, c'è ch...
    Leggi tutto
    15 Gennaio 2019
  • Con chi urla
    Può capitare, nella vita, di trovarsi in periodi in cui si è momentaneamente a corto di cose da fare. Senza scuola, senza ...
    Leggi tutto
    14 Gennaio 2019
  • Insieme ai senza dimora
    Anche quest’anno Apg23 ha messo in campo tutte le risorse disponibili per far sì che, soprattutto a Natale e per l’an...
    Leggi tutto
    07 Gennaio 2019
  • La marcia della pace
    In 1000 in cammino per le vie del centro a Bologna, con la 4^ Marcia per la pace
    Leggi tutto
    05 Gennaio 2019
  • 120 ragazzi liberati dalla droga
    Una festa per il ritorno alla vita dei 120 ragazzi  che hanno concluso il percorso di recupero presso le strutture terap...
    Leggi tutto
    28 Dicembre 2018
  • André Volon
    Se ne è andato il 19 dicembre 2018 un ribelle, guerriero di Dio. Ha lottato fino alla fine, non per salvare la sua vita, m...
    Leggi tutto
    20 Dicembre 2018
  • Il momento più magico dell'anno
    Come festeggiano il Natale i missionari nel mondo?
    Leggi tutto
    17 Dicembre 2018
  • Giornata disabilità: Io Valgo
    Eventi e iniziative in tutta Italia per il 3 dicembre, giornata internazionale ONU per i Diritti delle persone con disabil...
    Leggi tutto
    03 Dicembre 2018
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…