Eventi




«I corridoi umanitari per i profughi sono la via del buonsenso per evitare le stragi in mare»

Garantiscono la salvezza di persone che comunque verrebbero in Europa e ne hanno il diritto. Il monito viene dalle associazioni italiane ed internazionali di cooperazione allo sviluppo riunite a Rimini per il convegno "Il coraggio di essere umani"

 

Johan Ketelers, responsabile generale della commissione cattolica internazionale per le migrazioni all’Onu, Gianfranco Cattai di Focsiv e Francesco Petrelli del network delle ong per lo sviluppo e l’emergenza Concord,  Silvia Stilli, portavoce dell’associazione delle organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale e tutte le realtà riunite a Rimini hanno aderito alla proposta lanciata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e dalla Comunità di Sant’Egidio perché l’apertura di corridoi umanitari da aree di guerra diventi una prassi del governo italiano e venga “esportata” anche in Europa.

Già due canali umanitari saranno attivati nei prossimi mesi dai campi profughi siriani in Libano e dal Marocco, grazie anche al contributo economico della Chiesa Valdese.

La notizia è stata lanciata in occasione del convegno: due giorni di riflessioni ma soprattutto di testimonianze concrete, per provare a raccontare i migranti non come numeri e massa di gente che “assale" le frontiere d’Europa, ma come volti, sguardi, vissuti.

«Sono storie uniche di persone che hanno la stessa dignità e diritti delle nostre famiglie, dei nostri bambini», ha detto Giovanni Ramonda, Responsabile Generale della Comunità.

A Rimini è stato presentato anche un documentario realizzato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII: un viaggio sulle rotte dei profughi, quella balcanica e quella africana.

Oltre ai corridoi umanitari le altre proposte della Comunità Papa Giovanni XXIII - illustrate da Ramonda -  sono state la revisione del trattato di Dublino per togliere la clausola della richiesta di asilo al primo accesso, l’istituzione del ministero della pace, la richiesta che l’Italia si faccia portavoce di una iniziativa diplomatica forte. «Il nostro paese - ha concluso Ramonda - deve mettere ad uno stesso tavolo tutte le parti coinvolte, per una soluzione della guerra in Siria, che deve essere fermata». 

Scarica le foto.
Vedi il filmato.



Ultime news
  • Il regalo di Natale più bello? C..
    Sono arrivati i nuovi regali solidali di Apg23: regali che contano davvero perché dietro ogni dono c’è la storia di un...
    Leggi tutto
    26 Novembre 2020
  • Giornata violenza donne
    Secondo i dati della Commissione europeamì, tra il 2010 e il 2016 le donne e le ragazze cinesi hanno costituito il terzo p...
    Leggi tutto
    25 Novembre 2020
  • Stato di Palestina: per una pace ..
    Riconoscere lo Stato di Palestina per la pace giusta tra Palestina ed Israele
    Leggi tutto
    24 Novembre 2020
  • Rivivi The Economy of Francesco
    Tre giorni per iniziare un processo di cambiamento globale, nello spirito di San Francesco.
    Leggi tutto
    18 Novembre 2020
  • Giornata contro gli abusi
    In occasione della Giornata Europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e la violenza sessuale, Azione Cat...
    Leggi tutto
    17 Novembre 2020
  • Right Way 2020
    Quali opportunità e quali sfide per l'integrazione delle vittime di tratta a fini sessuali? Il 19 novembre, alle ore 17,...
    Leggi tutto
    13 Novembre 2020
  • Terzo Open Day delle Comunità Te..
    Gli eventi organizzati dal Tavolo Ecclesiale Dipendenze: sabato 14 novembre dalle ore 17.30 alle 19.00 e sabato 21 novembr...
    Leggi tutto
    12 Novembre 2020
  • Verso The Economy of Francesco: i..
    Apg23 lancia il suo il manifesto dell’Economia di Condivisione. I giovani presentano i 10 princìpi.
    Leggi tutto
    09 Novembre 2020
  • Neonato abbandonato
    «Siamo disponibili ad accogliere il neonato abbandonato a Ragusa. In una delle nostre case famiglia potrà ricevere l'aff...
    Leggi tutto
    06 Novembre 2020
  • Scuola di pace
    Cosa vuol dire fare pace; come fare pace; perchè fare pace: tre webinar online con gli esperti.
    Leggi tutto
    06 Novembre 2020
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…