Eventi




Festa delle case famiglia e famiglie affidatarie

83 i minori accolti in Piemonte nelle accoglienze di tipo familiare della Comunità Papa Giovanni XXIII

15 Luglio 2023: festa delle Case Famiglia e famiglie affidatarie presso il Santuario della Mellea a Farigliano (CN)
 
«Le cose belle prima si fanno e poi si pensano»: questo è uno dei motti che don Oreste ci ha insegnato e che sono diventati il filo rosso che unisce questi anni intensi di sviluppo delle Case famiglia. Anzi, della casa famiglia intesa nel senso vero e pieno di dare una casa e una famiglia a chi ha bisogno.

#FOTOGALLERY:foto#

Caratteristica delle case famiglia è proprio l’eterogeneità e lo specifico di queste strutture nate per rispondere al grido dei poveri e di chi dalla nascita all’età adulta non viene accolto e scartato. In molti convenuti in un luogo accogliente e bello come il Santuario della Mellea dove con giochi e canti si è festeggiato per dire la bellezza della condivisione.
 
Mettere la vita con la vita rendendo visibile che non c’è chi salva e chi viene salvato: il motto è che ci si salva insieme. Il professor Belletti del CISF invitato al convegno anima dell’incontro per raccontare e sviluppare questa specifica forma di accoglienza, ha riportato la diversità tra il mar Morto e il lago di Tiberiade. Uno è morto perché accoglie l’acqua e tutto finisce li. Il lago di Tiberiade invece accoglie acqua e poi la dona e quindi è vivo. Ecco allora che, dice il prof. Belletti se una famiglia non si apre alla vita si consegna alla morte.
 
In tanti sono convenuti alla Mellea realtà viva e splendente che da 12 anni ospita una casa di ospitalità per adulti per cantare, ballare, e ringraziare la Madonna delle Grazie per il dono della vocazione specifica della comunità papa Giovanni XXIII: seguire Gesù, povero e servo nella condivisione con gli ultimi.
 
Giona Cravanzola
Responsabile Sede APGXXIII - Santuario della Mellea
 

Nota stampa

24 case famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII in Piemonte ospitano 97 adulti e 34 minori, di cui la maggior parte nella provincia di Cuneo. Altri 49 minorenni sono accompagnati dall'associazione di Don Oreste Benzi in affidamento familiare nelle 45 famiglie aperte all'accoglienza del territorio, per un totale di 83 minori accolti in famiglia.

Il sacerdote riminese aprì 50 anni fa, il 3 luglio 1973 a Coriano (RN), la prima casa famiglia italiana. Inaugurò così questo metodo di accoglienza delle persone fragili in realtà di tipo familiare, in cui si sostengono a vicenda individui di età diverse e con situazioni di disagio diverse.

Sabato 15 luglio dalle 14.30, presso il Santuario Nostra Signora delle Grazie di Mellea a Farigliano (CN), l'associazione di Don Benzi celebrerà una giornata di festa, per ricordare il cinquantesimo anniversario dalla prima casa famiglia italiana.

Fra gli interventi sarà ospite Francesco Belletti, direttore del Cisf (Centro internazionale studi Famiglia) di Milano; alle 18 verrà celebrata la S. Messa dal Vescovo di MondovìMons. Egidio Miragoli. Porteranno la propria testimonianza Giovanni Paolo Ramonda e Tiziana Mariani, fondatori della prima casa famiglia del Piemonte.


In serata, dopo la cena su prenotazione, lo spettacolo APG XIII'S GOT TALENT.

Le case famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII oggi nel mondo sono 247, di cui 209 in Italia. Fra quelle all'estero 6 sono in Bolivia, 4 in Russia. Il modello delle case famiglia multi-utenza complementare ideato da Don Benzi è riconosciuto in Piemonte, ma anche in Calabria, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Toscana e Veneto.

Spiega il Presidente Matteo Fadda, torinese: «Don Oreste Benzi nel 1973 aveva intuito un nuovo modo di accogliere le persone emarginate, fra cui i minori e gli adulti con disabilità o con malattie mentali. Iniziò a proporre a donne e a uomini, e spesso a coppie di sposi, di diventare figure genitoriali di riferimento e di aprirsi all’accoglienza per dare una famiglia a chi non ce l’aveva. Questo modello, che all’epoca fu una vera e propria rivoluzione, è ancora oggi di estrema attualità perché propone la casa famiglia come una struttura di tipo veramente familiare, che offre risposte professionali in un contesto di normalità. Riconosce e valorizza le potenzialità di ogni persona accolta».

Ed aggiunge: «Ci auguriamo che altre regioni italiane possano legiferare e prendere esempio dal Piemonte, nel prendere atto della ricchezza di queste realtà».


Scarica il volantino



Ufficio stampa
12/07/2023

 

 

Ultime news
  • Insieme costruiamo una tavola dov..
    Turkana, dove la Comunità Papa Giovanni XXIII è presente, non c’è acqua né tantomeno cibo. Anche in Zambia, i bambini sono...
    Leggi tutto
    18 Luglio 2024
  • Ultimo saluto a Marino Catena
    Il funerale sarà celebrato domani, giovedì 17 luglio alle ore 16.30, presso la parrocchia di Santa Maria Assunta a Coria...
    Leggi tutto
    16 Luglio 2024
  • Centenario Don Benzi
    L'evento di apertura delle iniziative del centenario si svolgerà a Rimini sabato 14 settembre alle ore 15 con la tavola...
    Leggi tutto
    15 Luglio 2024
  • Carcere, bene le Comunità
    La Papa Giovanni XXIII gestisce 10 Comunità educanti con i carcerati (Cec), strutture per l'accoglienza di carcerati che ...
    Leggi tutto
    05 Luglio 2024
  • On. Mantovano in visita a Forlì
    Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del consiglio, Alfredo Mantovano, si è recato in visita a due strutture della ...
    Leggi tutto
    28 Giugno 2024
  • Giornata Lotta alla Droga
    In occasione della Giornata Internazionale di Lotta alla Droga, la Comunità Papa Giovanni XXIII organizza a Rimini la "Fes...
    Leggi tutto
    24 Giugno 2024
  • Servizio civile in Emilia Romagna
    Con la Comunità Papa Giovanni XXIII 16 posti disponibili per i giovani dai 18 ai 29 anni, candidature entro il 15 luglio
    Leggi tutto
    20 Giugno 2024
  • Campi estivi giovani 2024
    Inizia un’estate diversa: le proposte in Italia e all’estero per vivere un periodo al fianco degli “ultimi”
    Leggi tutto
    20 Giugno 2024
  • La sfida della sinodalità
    Cardinale Farrell: la carità come dono dello Spirito Santo. Rafael Luciani parla della missione come fine ultimo della si...
    Leggi tutto
    13 Giugno 2024
  • Antonino d'Oro 2024
    La Comunità Papa Giovanni XXIII esprime la sua profonda gratitudine per il conferimento del premio "Antonino d'Oro" 2024 a...
    Leggi tutto
    11 Giugno 2024
Iscriviti alla Newsletter IOCON
Iscriviti alla nostra Newsletter, riceverai le nostre storie e le notizie dalle Case Famiglia e dal mondo della Comunità Papa Giovanni XXIII
iscriviti adesso

Loading…