L'ultimo con gli ultimi

Vivere le Feste con chi, senza di te, non può far Festa!

Davvero ogni momento della nostra vita può diventare occasione speciale di incontri, di cammino e di rinnovamento della nostra fede.

Il capodanno, così, può diventare un momento ancora più speciale se vissuto con gli ultimi. Anche quest’anno centinaia giovani in tutta Italia e non solo hanno vissuto un “Ultimo con gli ultimi!”, un capodanno vissuto coi più poveri, con chi non ha nessuno con cui fare festa. Molti di questi percorsi si sono svolti per strada, nelle stazioni ferroviarie, nelle piazzette di quartiere, nelle carceri: uno stile che la Comunità Papa Giovanni XXIII chiama “Fuori le Mura”.

La parola d’ordine per un Capodanno davvero “fuori le mura”, un “ultimo con gli ultimi” è una sola: incontrare. E quindi da Scicli a Chieti, da Riccione a Catania, dalla Romania al resto del mondo si creano mondi vitali dove chi è solo ed escluso, nei giorni delle feste o solo per una notte, non viene dimenticato, anzi, viene posto al centro della festa, perché davvero sia “festa senza fine”.

E allora per strada ci si incontra e non si capisce più chi è andato per chi: si gettano ponti verso l’infinito. Con gli scarponcini ben legati ai piedi si lascia la “divano-felicità” in cui spesso cadiamo (come ci ricorda Papa Francesco da Cracovia). Si cammina insieme non perché si debba dare o ricevere qualcosa, ma per fare festa insieme, per stare insieme e riconoscersi uguali, figli dello stesso Padre. Un incontro di sguardi e uno stare insieme per qualche giorno o solo per una notte che disarmano e scaldano il cuore e non ti lasciano più.

Come quando ri-incontri per l’ennesimo anno Carla, 7 anni, che nel povero e difficile quartiere di Jungi (Scicli) ti corre incontro, ti abbraccia e ti dice: «Lo sapevo che tornavate, voi tornate sempre!».

Come quando scherzi e canti insieme ai ragazzi dell’Istituto Penale Minorile di Acireale ed entri in contatto coi loro vissuti, le loro storie così scomode per noi, i loro sogni, la rabbia, le speranze.

Come quando ti allontani dallo sfavillio e dai clamori dei cenoni e ti immergi nell’assordante silenzio del cimitero di Armo (Reggio Calabria) dove sono sepolti i corpi di chi ha terminato il suo viaggio tra le acque dei nostri mari.

Come quando sei seduta al tavolo e ti trovi a chiacchierare con Amanda, una ragazza di 19 anni uscita dal racket della schiavitù, che con timore ti consegna il dolore di anni vissuta da schiava e della sua voglia e della sua paura di rinascere a una vita “normale”.

Come quando ti trovi a ballare al ritmo di un rap cantato da Iqbal, un ragazzo pakistano di 29 anni, che, nonostante tutte le sue croci trova e trasmette tanta gioia di vivere.

Si taglia il panettone insieme a chi magari non ha una casa, un lavoro e a volte documenti e una famiglia. Si suona la chitarra e si mangia e beve insieme, così, in semplicità con chi elemosina sorrisi e attenzioni tutto l’anno senza riuscirci. E allora è festa davvero: non serve tanto, serve metterci cuore e faccia, il resto viene da sé.

Davide, 28 anni: «In stazione dei treni a Reggio, il 31 notte, mangiavamo e cantavamo e ballavamo insieme… senegalesi, nigeriani, indiani, italiani, pakistani, rumeni, irakeni, giovani, vecchi, donne e uomini. La stazione si è riempita di una multiformità di volti e colori che nemmeno ci si riusciva a distinguere e riconoscere: tutti ballavamo la stessa musica».

Maria, 24 anni: «Questi giorni di condivisione sono stati raggi di sole per il cuore… questi non sono regali che capitano tutti i giorni!».

Martina, 25 anni: «Mi ha commosso vedere come, vivendo questi momenti di gioia semplice, le diversità, le storie di cui siamo figli, le ferite quasi spariscono e acquistano un sapore nuovo, carico di speranza. E vien voglia di dirlo a tutti che roba bella è incontrarsi così».

Filippo, 17 anni: «Questi giorni di festa vissuti in Romania coi più poveri non mi hanno dato tante risposte, non mi hanno riempito di certezze, ma hanno messo dentro di me tante domande sul mio futuro e le mie scelte odierne. Mi sento inutile e necessario allo stesso tempo».

Francesca, 23 anni: «Questi giorni vissuti per strada e in orfanotrofio coi “piccoli” sono stati per me Tempo: per pensare e per agire, ripartendo da piccoli gesti e semplici sguardi. Tempo in cui assaporare la bellezza dell’incontro in quella Betlemme all’apparenza così lontana, ma in realtà così vicina: quel piccolo Bambino che nasce ogni anno nella semplicità povera io, con la meraviglia nel cuore, sono venuta ad adorarlo qui».

Davvero ogni momento della nostra vita può diventare occasione speciale di incontri, di cammino e di rinnovamento della nostra fede.

Buon anno e buon cammino al passo degli “ultimi”!
Se vuoi avere informazioni ulteriori sui percorsi Fuori le Mura Apg23 scrivi a giovani@apg23.org o chiama il 3403643101.



Matteo Santini
06 Gennaio 2017
NOTIZIE CORRELATE

 

Ultime news
  • Deserti (di preghiera) per tutti
    Don Oreste Benzi lo ripeteva continuamente, tanto da diventare uno degli slogan più conosciuti della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    17 Febbraio 2017
  • Il patriarca e tre vescovi contro..
    Sono state più di 500 le persone che hanno scelto di uscire in strada l’8 febbraio, a Verona, in una fredda serata d’inver...
    Leggi tutto
    10 Febbraio 2017
  • Giornata Nazionale sugli Stati Ve..
    «I figli che io e mia moglie abbiamo accolto nella nostra famiglia, una delle case famiglie della Comunità Papa Giovanni X...
    Leggi tutto
    09 Febbraio 2017
  • Ho deciso di scappare quando ho c..
    Nancy aveva 17 anni quando ha iniziato la vita di strada a Ferrara. Inconsapevole delle richieste perverse dei clienti che...
    Leggi tutto
    08 Febbraio 2017
  • Contro lo spreco alimentare
    Lo spreco alimentare e la fame nel mondo: due facce della stessa medaglia
    Leggi tutto
    05 Febbraio 2017
  • «Faccio il mestiere più antico ..
    «Vi racconto la mia libera scelta di fare il mestiere più antico del mondo» – A Rimini Marie Merklinger, di Space Int...
    Leggi tutto
    04 Febbraio 2017
  • Cresce il numero di prostitute mi..
    Dall'osservazione effettuata nel periodo dicembre 2016 – gennaio 2017 dalle 31 Unità di strada della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    02 Febbraio 2017
  • Tra tanti muri, qualche corridoio..
    Resta aperto il ponte aereo dei corridoi umanitari, realizzato attraverso l’accordo della Comunità di Sant’Egidio e d...
    Leggi tutto
    31 Gennaio 2017
  • Eutanasia? Ve la racconto io
    «Gesù chiede di essere amato negli ultimi. Ci chiede di riscoprire la nostra più alta vocazione: la vocazione all'amore. C...
    Leggi tutto
    30 Gennaio 2017
  • Volontari fra gli sfollati in Abr..
    Bevande calde, ma anche olio, pasta: sono arrivati a Chieti da Andria e Barletta con due furgoni carichi di aiuti raccolti...
    Leggi tutto
    27 Gennaio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…