10 Marzo 2016

Contro la vendita di armi e l'intervento armato in Libia

L’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII si associa alla preoccupazione espressa dalla Rete Disarmo e da diversi soggetti della società civile e del mondo nonviolento di fronte alla prospettiva di un nuovo intervento militare in Libia, che vedrebbe un coinvolgimento diretto dell’Italia. «Si parla di un impiego significativo di un contingente militare, di agenti segreti con scopi poco chiari e della messa a disposizione di basi militari sul territorio italiano per l’utilizzo di droni», sottolinea Antonio De Filippis, responsabile di Operazione Colomba, corpo di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII. 

E’ una posizione fortemente contraria che nasce dall’impegno quotidiano delle centinaia di giovani che, a partire dalle prime esperienze in ex Jugoslavia negli anni ‘90 fino ad oggi al fianco dei profughi siriani, operano con azioni nonviolente a difesa dei civili vittime delle guerre.  «Non certamente secondo lo stereotipo del “pacifismo vecchio stampo”, come lo ha etichettato con sufficienza l’ex presidente Giorgio Napolitano nel suo intervento di ieri al Senato. Napolitano si è permesso di etichettare i tanti giovani che ogni giorno e con costanza si impegnano a sostegno delle vittime e contro le guerre ed i mercanti di morte», continua De Filippis.

«Ci sembra al contrario “fuori dal tempo” considerare un intervento militare come principale modalità di risoluzione dei conflitti internazionali. Non solo perché lo prescrive la nostra Costituzione, ma perché è sotto gli occhi di tutti come gli interventi in Nord Africa e in Medio Oriente degli ultimi anni abbiano contribuito unicamente ad incrementare le violenze, le uccisioni e i rischi per i civili », dichiara. 

La Comunità Papa Giovanni XXIII chiede piuttosto di sospendere l’invio di armi italiane o prodotte in Italia a paesi coinvolti nei conflitti armati, fra cui l’Arabia Saudita.

 

A Rimini il 12 marzo alle ore 18 in Piazza Cavour le realtà del territorio impegnate sul tema della pace e della nonviolenza si ritroveranno per un momento animato. Nella piazza verrà proiettato, i silenzio, il filmato della distruzione della città di Homs, in Siria. Seguiranno la proiezione del videoclip musicale di Joan Baez "Dove sono finiti i fiori”, e la condivisione di brani e testimonianze per la pace. 

Scarica il volantino dell'iniziativa.

Vedi l'evento su Facebook.

 

A Bologna dalle 18 alle 20 ruoteranno in piazza i colori dell’arcobaleno; saranno circondati da cartelli con 3 ‘no’ alla violenza e 5 ‘si’ alla pace, illuminati dalle fiaccole. Attorno allo striscione del primo gennaio “Bologna in cammino per la pace” si svolgeranno giochi di luce, balli etnici e testimonianze.

Vedi l'evento su Facebook.

 

A Boves(CN) parteciperemo all'incontro delle ore 21 all’Auditorium Borelli con Boushra Almutawakel, unica fotografa donna yemenita, proposta della Scuola di Pace di Boves.

A Torino  appuntamento alle ore 18 in Piazza Castello per un'ora di silenzio, insieme a Movimento Internazionale della Riconciliazione, Movimento Nonviolento, Pax Christi.

 

Giovanni Ramonda, Responsabile Generale della Comunità, auspica che le esperienze di Rimini e Bologna possano essere riprese in tutte le maggiori città d’Italia: «Attiviamoci con iniziative pubbliche per fare sentire la voce di chi dice “No” con modalità nonviolente ad uno scenario che si promette carico di drammaticità. Le conseguenze di un intervento armato in Libia che vedesse anche l’Italia fra i promotori sarebbero devastanti».

 


 

Ultime news
  • Deserti (di preghiera) per tutti
    Don Oreste Benzi lo ripeteva continuamente, tanto da diventare uno degli slogan più conosciuti della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    17 Febbraio 2017
  • Il patriarca e tre vescovi contro..
    Sono state più di 500 le persone che hanno scelto di uscire in strada l’8 febbraio, a Verona, in una fredda serata d’inver...
    Leggi tutto
    10 Febbraio 2017
  • Giornata Nazionale sugli Stati Ve..
    «I figli che io e mia moglie abbiamo accolto nella nostra famiglia, una delle case famiglie della Comunità Papa Giovanni X...
    Leggi tutto
    09 Febbraio 2017
  • Ho deciso di scappare quando ho c..
    Nancy aveva 17 anni quando ha iniziato la vita di strada a Ferrara. Inconsapevole delle richieste perverse dei clienti che...
    Leggi tutto
    08 Febbraio 2017
  • Contro lo spreco alimentare
    Lo spreco alimentare e la fame nel mondo: due facce della stessa medaglia
    Leggi tutto
    05 Febbraio 2017
  • «Faccio il mestiere più antico ..
    «Vi racconto la mia libera scelta di fare il mestiere più antico del mondo» – A Rimini Marie Merklinger, di Space Int...
    Leggi tutto
    04 Febbraio 2017
  • Cresce il numero di prostitute mi..
    Dall'osservazione effettuata nel periodo dicembre 2016 – gennaio 2017 dalle 31 Unità di strada della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    02 Febbraio 2017
  • Tra tanti muri, qualche corridoio..
    Resta aperto il ponte aereo dei corridoi umanitari, realizzato attraverso l’accordo della Comunità di Sant’Egidio e d...
    Leggi tutto
    31 Gennaio 2017
  • Eutanasia? Ve la racconto io
    «Gesù chiede di essere amato negli ultimi. Ci chiede di riscoprire la nostra più alta vocazione: la vocazione all'amore. C...
    Leggi tutto
    30 Gennaio 2017
  • Volontari fra gli sfollati in Abr..
    Bevande calde, ma anche olio, pasta: sono arrivati a Chieti da Andria e Barletta con due furgoni carichi di aiuti raccolti...
    Leggi tutto
    27 Gennaio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…