Eventi




Volontariato in Africa: il corso per partire

Volontariato in Africa: il corso missionario 2022

La formazione per partire come volontario in Africa e in molti altri Paesi del Mondo

Partire, lasciare tutto, incontrare gli ultimi dell'Africa e più dimenticati della Terra. E poi ritornare con un carico di esperienze da condividere con la propria famiglia e con gli amici più intimi, per seminare un pizzico di speranza all'interno del nostro piccolo mondo occidentale. Scoprire in tutti i 5 continenti le possibilità di volontariato e di missione fra gli emarginati.

Viene attivato ogni anno il corso di formazione per i volontari che vogliono fare un'esperienza di volontariato in Africa e all'estero all'interno delle realtà missionarie della Comunità Papa Giovanni XXIII, attiva in oltre 30 Paesi del mondo.

Il corso missionario è pensato sia per coloro che cercano un primo approccio con il volontariato all'estero, sia per chi ha già in mente di partire per un viaggio di conoscenza delle realtà missionare; costituisce la prima tappa di un percorso strutturato in tre tappe. Seguiranno un colloquio conoscitivo e motivazionale; una breve esperienza di condivisione di vita in una realtà di accoglienza in Italia. E poi finalmente l'esperienza nei Paesi africani in cui la Comunità è presente (Kenia, Zambia, Tanzania e molti altri); ma anche nel Sud America, nell'Est Europa, in Asia, in Australia. Immancabili il momento di verifica finale e il sostegno necessario a riportare la propria esperienza all'interno del proprio territorio di origine. E poi un confronto personale, per provare ad individuare insieme le prossime tappe da percorrere nel cammino futuro.

Il corso missionario è gratuito ma richiede un contributo per le spese vive, ed è a frequenza obbligatoria. Le possibilità di partenza effettive saranno valutate con criteri di selezione e sulla base delle disposizioni per il contrasto all'emergenza Covid-19. Le prossime date del corso misisonario sono da venerdì 18 a domenica 20 marzo 2022, e la formazione ad Assisi - Santa Maria degli Angeli.  Le iscrizioni chiudono il 6 marzo 2022.

Per rimanere informato iscriviti alla newsletter mensile del nostro portale di informazione.

 Inserisci il tuo indirizzo email

Accetto il trattamento dei dati ai sensi della legge per la privacy.

 

Come si diventa volontari in Africa? 

Il corso missionario annuale di formazione è un pre-requisito per partire. Qui si incontrano gli aspiranti volontari; il confronto può aiutare a scoprire la destinazione più indicata.  Durante la formazione viene richiesto ai futuri missionari di mettersi in gioco attraverso lavori di gruppo ed un confronto sulle proprie aspettative e motivazioni a partire. Insieme ad alcuni membri e volontari dell'associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da Don Oreste Benzi, vengono approfondite tematiche come la rimozione delle cause che creano le ingiustizie, la povertà rispetto allo stile di vita occidentale, la realtà della casa famiglia all'estero. Le testimonianze raccontano l'esperienza di chi ha vissuto la missione per tanti anni, e di quei volontari che la stanno sperimentando oggi. Alcuni momenti più riflessivi aiutano il discernimento personale.

Come fare per partire come volontario per la missione? La struttura del corso

Il corso di formazione per il volontariato all'estero è costituito 3 da giorni intensi, che servono per capire se è il momento giusto per un’esperienza in una delle missioni della Comunità Papa Giovanni XXIII.  Molto interessanti i temi trattati:

  • Andare oltre l’assistenza: l’importanza della rimozione delle cause che creano ingiustizia
  • Missionario oltre le sbarre
  • Quando il mondo bussa alla nostra porta: il fenomeno immigrazione
  • Perché partire? Per chi partire? Aspettative e motivazioni del volontariato all'estero
  • Servizio Civile all’estero e Corpo civile di Pace

Come fare un anno di volontariato in Africa?

Oltre alla possibilità di seguire un corso missionario, i giovani hanno una possibilità in più. È possibile fare un anno di volontariato in Africa per la durata di un anno attraverso la proposta del Servizio Civile Universale, rivolta ai ragazzi fra i 18 e i 28 anni. In particolare il progetto dei Caschi Bianchi prevede anche un rimborso spese. È possibile rimanere un anno in terra di missione anche attraverso i corsi missionari organizzati dalla Comunità Papa Giovanni XXIII (Iscriviti alla newsletter mensile per non perdere le prossime date!).  Le proposte di Operazione Colomba per la presenza nonviolenta in terra di conflitto permettono invece di rimanere all'estero per un periodo minimo di 3 mesi; vi si accede sempre attraverso un corso di formazione.

Quanto costa andare a fare volontariato in Africa?

È possibile fare volontariato in Africa o in altri paesi senza pagare? In alcuni casi si, ad esempio attraverso la proposta di servizio civile, che prevede anche un rimborso spese. Altre proposte di presenza nonviolenta in terra di conflitto sono quelle di Operazione Colomba, dove il volontario deve coprire in autonomia il costo del viaggio e la formazione.

#FOTOGALLERY:CORSO#

Per quanto riguarda la partenza per le missioni della Comunità Papa Giovanni XXIII il costo del volo e l'assicurazione sono a carico del volontario, mentre saranno a carico della struttura ospitante il vitto e l'alloggio. Il corso di formazione prima della partenza nell'ultime edizioni costava 60 euro, più 37 euro al giorno per il vitto e l'alloggio in albergo, pensione completa.

Quali sono i rischi del volontariato in Africa: le attenzioni che un volontario deve avere

Il volontario deve sempre ricordare che sta entrando nella vita di un'altra famiglia, di un altro popolo, con culture ed abitudini diverse dalle proprie. Deve sempre avere a cuore il rispetto per le persone e per il luogo in cui si troverà ad operare. La vita nelle missioni della Comunità Papa Giovanni XXIII è al sicuro se vengono rispettate le piccole regole che vengono date al volontario prima di partire. Il rischio più reale è quello di innamorarsi del povero che si incontra, e di provare il desiderio di non tornare più! Dunque è bene non farsi troppe aspettative prima di partire, ma piuttosto lasciarsi trasportare dalle emozioni ed entrare nella realtà missionaria in punta di piedi.

Cosa fanno i missionari in Africa? 

Centri nutrizionali, realtà di accoglienza: la vita dei missionari in Africa consiste essenzialmente nell'esperienza di condivisione diretta di vita con i più poveri, 24 ore su 24. Per stuzzicare l’attenzione, ecco i racconti di chi ha partecipato al  "Corso per il volontariato in Africa e nel mondo" e poi ha fatto un'esperienza in terra di missione:

Mi chiamo Giovanni, ho 21 anni e mi trovo attualmente nella capitale del Kenya, Nairobi, come missionario della Comunità Papa Giovanni XXIII. La mia esperienza è cominciata a settembre dell’anno scorso, quando ho sentito forte dentro di me il desiderio di partire ed andare a toccare con mano la povertà in un Paese del “terzo mondo”. Cosi grazie al sostegno dei miei genitori e del mio padre spirituale, il 10 dicembre sono partito per questa avventura. Fin da subito, quando sono arrivato, mi sono reso conto dell’enorme differenza socio-culturale ed economica tra il nostro Paese ed il Kenya eppure dentro di me avevo ed ho tutt’ora la sensazione di sentirmi come a casa.

Volontariato in Kenya: «Non ho mai visto nessuno così povero come qui»

Ovviamente non potrò mai essere esauriente nello spiegare a parole ciò che sto provando in questo periodo perché molto spesso l’unico modo per capire certe cose sta nel viverle sulla propria pelle. Inizialmente posso dire che non è facile abituarsi ad uno stile completamente diverso nel vivere la giornata quotidiana. Molte delle comodità che da noi si trovano facilmente in ogni abitazione, qui sono praticamente assenti. I vestiti si lavano a mano, la doccia la si fa con acqua fredda, il cibo è principalente polenta e riso, molto spesso manca l’acqua corrente a causa dei lunghi periodi di siccità, ma se sei disposto veramente a metterti in gioco ti rendi conto delle tue vere potenzialità, dei tuoi veri limiti e poni le basi per crescere e migliorarti.

La casa di legno in cui vivo con altri 23 bambini e due educatori fa parte di un progetto che accoglie ragazzi di strada rifiutati o scappati dalla famiglia di appartenenza che si ritrovano per le vie di questa grande città a rubare o a spacciare per comprarsi un po di cibo. Loro sono i più poveri di questa società. Quasi tutti sono asuefatti dallo sniffare colla che possono trovare molto facilmente in qualsiasi negozio. Questa droga dalla quale sono completamente dipendenti è l’unica cosa che hanno. Dormono per strada, i vestiti che indossano sono sempre gli stessi a meno che non  ne trovino altri nella spazzatura. Nella mia vita non ho mai visto nessuno più povero di cosi. Manca proprio la dignità della persona e sono bambini! I momenti più intensi in questi 3 mesi li ho vissuti proprio durante un’ uscita in strada. Come prima cosa si cerca di radunarli il più possibile in un unico posto, poi si fa qualche gioco e infine c’è la preghiera finale. Il mio momento preferito è proprio quest’ultimo perché mi rendo conto di come siano vere le parole di Gesù: «Gli ultimi saranno i primi nel Regno dei Cieli». Posso dire con sincerità che la mia fede non è niente in confronto alla loro. Una volta addirittura si sono messi a recitare a memoria una parte del Vangelo di Giovanni, non ho potuto fare altro che commuovermi... Non dimenticherò mai quello che sto vedendo qui. Certo non è facile stare con i poveri. Ti mettono alla prova in continuazione. Ma ti aiutano a crescere e a capire quanto immensamente sei fortunato. Ringrazio Dio ogni giorno per avermi guidato in questa scelta e lo ringrazio soprattutto per questa grande opportunità di vedere il suo volto negli occhi innocenti di questi ragazzi che chiedono aiuto.

In conclusione vorrei rivolgermi a tutti i giovani che hanno intenzione e la possibilità di compiere un viaggio come il mio. Vi prego, partite! Ci sono un sacco di cose da scoprire e se non si coglie l’occasione, a volte la si perde per sempre. Andate e assaggiate una vita completamente diversa dalla vostra, lasciatevi guidare dallo Spirito che Gesù ci ha donato e vedrete meraviglie! Perché la vita è questo:  un viaggio nelle tenebre del mondo, ma con Dio che ci tiene per mano.

Volontariato in Tanzania: «Stiamo ricevendo tanto!»

Ciao, siamo Chiara e Laura, due ragazze di 19 anni, che fino a qualche mese fa non si conoscevano, ma che sono diventate compagne di missione. Finite le superiori abbiamo partecipato al Corso Missioni ed è proprio lì che ci siamo conosciute, scoprendo che le cose che stavamo vivendo in quel periodo erano un po' le stesse. Entrambe un po' incerte sul nostro futuro, ma con tanta voglia di metterci in gioco, toccare con mano realtà e culture diverse dalla nostra e anche imparare ad alzare un po' lo sguardo da noi stesse. Tornate a casa abbiamo capito che forse era davvero il momento giusto per fermarsi un attimo e prendere una decisione un po' fuori dagli schemi: non iniziare subito l'università ma partire per una delle realtà che la Papa Giovanni XXIII ha nel mondo. E i 3 giorni di condivisione e incontri ci hanno aiutato a chiamare per nome desideri, curiosità, aspettative, dubbi e paure sulla missione. Così, solo qualche mese dopo, eccoci qui, a Bunju, in Tanzania, al Kituo cha watoto cha Baba Oreste (Centro dei bambini di Don Oreste), un verde e coloratissimo centro diurno che accoglie bambini e ragazzi con diversi tipi di disabilitá.

#FOTOGALLERY:tanz#

Le nostre giornate al centro sono semplici. Ogni mattino al nostro arrivo Edison, Joshua, Freddy e Pili trovano sempre il modo di sgattaiolare via dalla colazione per venirci incontro a braccia aperte, poi, dopo i saluti, Wambura e Faith intonano il canto e si parte con il momento di preghiera tutti assieme. A metà mattinata è ora della riabilitazione e delle attività, che continuano tutta la giornata, così tra giochi, alfabeto, disegni, canti e balli arriva l'ora di tornare a casa. È la nostra prima esperienza con i disabili, siamo ancora all'inizio e stiamo imparando a conoscerli, non sempre è facile, abbiamo ancora tanto da imparare, ma questi bambini ogni giorno ci insegnano a dare peso ai piccoli gesti, al tono della voce, alle espressioni del viso. Ci ricordano quanto oltre al fare qualcosa per gli altri, a volte basti semplicemente stare insieme e esserci, per un abbraccio, un battito di mani, una risata, un canto, una corsa, una spinta in altalena o un semplice sorriso. Insomma, è forse vero che a volte non servono molte parole perché è incredibile quanto ci stiano dando questi bambini con i loro semplici sorrisi.
Testimonianza di Laura e Chiara (volontarie in Tanzania)

 

Iscriviti alla newsletter mensile per non perdere le prossime occasioni per partire!

Informativa per la privacy art. 13, GDPR 679/2016
I tuoi dati saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII – titolare del trattamento – Via Valverde 10b, 47900 Rimini (RN) per rispondere alla tua richiesta. Gli incaricati preposti al trattamento sono gli addetti ai singoli uffici competenti per la richiesta avanzata ed ai sistemi informativi. Ai sensi degli 'artt. 15-22, GDPR 679/2016 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati od opporti al loro trattamento per motivi legittimi scrivendo al titolare all'indirizzo sopra indicato o inviare un'email a maternitaevita@apg23.org presso cui è disponibile, a richiesta, elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.
 



Marco Tassinari
13/01/2022
TAG: Giovani / Missione
NOTIZIE CORRELATE

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

 

Ultime news
  • Ucraina, preghiamo per la pace
    «Preghiamo per la pace in Ucraina con il Padre Nostro: è la preghiera dei figli che si rivolgono allo stesso Padre, è la p...
    Leggi tutto
    26 Gennaio 2022
  • Un’altra difesa è possibile!
    La Campagna Un’altra Difesa è possibile, promossa da Rete Italiana Pace e Disarmo, Tavolo interventi civili di pace, Confe...
    Leggi tutto
    25 Gennaio 2022
  • La telefonata di Papa Francesco
    Papa Francesco ha telefonato a una famiglia affidataria, che accoglie una bimba disabile grave, e che gli aveva scritto un...
    Leggi tutto
    24 Gennaio 2022
  • Storia della Cultura romanì
    Una mostra multimediale, ​​per combattere la discriminazione e favorire l'inclusione di Rom e Sinti nelle Comunità loc...
    Leggi tutto
    23 Gennaio 2022
  • Proroga servizio civile 2022
    La Comunità Papa Giovanni XXIII ha aderito alla lettera sottoscritta da 74 enti di servizio civile e inviata alla Ministra...
    Leggi tutto
    21 Gennaio 2022
  • Disabili esperti
    «Le persone disabili sono i nostri esperti di umanità: sono un tesoro e un dono per la società, che di loro non può fa...
    Leggi tutto
    18 Gennaio 2022
  • Una Repubblica libera dalle armi ..
    «Ancora oggi il cammino della pace, che San Paolo VI ha chiamato con il nome di sviluppo integrale, rimane purtroppo dista...
    Leggi tutto
    14 Gennaio 2022
  • Volontariato in Africa
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni all'Estero ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una e...
    Leggi tutto
    13 Gennaio 2022
  • Santa Sandra
    Sandra Sabattini era una giovane volontaria della Comunità Papa Giovanni XXIII morta in un incidente stradale. Dopo la pu...
    Leggi tutto
    10 Gennaio 2022
  • Servizio Civile Universale: al vi..
    C'è tempo fino al 26 gennaio per i giovani dai 18 ai 28 anni per candidarsi al Bando 2021 e vivere un'esperienza unica.
    Leggi tutto
    02 Gennaio 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…