Ministero della pace, una scelta di Governo

Ministero della pace, non è un'utopia

La proposta sarà presentata a Pesaro giovedì 28 giugno

Istituire un Ministero della Pace che gestisca i conflitti sociali italiani e che intervenga anche in quelli esteri con personale civile. È la proposta della campagna "Ministero della Pace, una scelta di Governo", lanciata alcuni mesi fa a Roma alla Camera alla presenza di Beppe Fiorello e che ora arriva a Pesaro. L'evento si svolgerà giovedì 28 giugno alle ore 20:30, presso la Biblioteca Comunale "Braille" in Piazzale Europa 16. (Scarica la locandina dell'evento)

L’evento del 28 giugno a Pesaro sarà trasmesso anche in diretta streaming al link http://www.ministerodellapace.org/#live-streaming

Durante la serata si confronteranno diverse realtà cittadine: Caterina Profili di "Pesaro contro la Guerra – Movimento Nonviolento", Giampietro Scavolini della rete "Cittadini in Dialogo", Elisa Di Blasi e Nicola Lapenta della Giovanni XXIII. Introdurrà L'Assessore Luca Bartolucci. Saranno presenti anche Alievsky Musli di Stay Human e Elena Damiani di Emergency Fano.

«Nelle ultime settimane si sta assistendo ad aumento di aggressività sociale.» commenta Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII «Alla luce della nostra esperienza in mezzo ai conflitti proponiamo un modo alternativo di gestione degli stessi. Volontari e personale qualificato che intervengono in modo strutturato e coordinati da un apposito Ministero che abbia il compito di intervenire nella gestione sia dei conflitti armati all'estero, sia dei conflitti sociali in Italia».

Nel corso del seminario saranno anche illustrati i risultati di un sondaggio d'opinione sul tema della sicurezza e della pace, commissionato da Apg23, nell'ambito della campagna. Sono invitati a partecipare parlamentari, amministratori locali, insegnanti, studenti, volontari in Servizio Civile rappresentanti di ONG, organizzazioni sindacali e chiunque abbia a cuore la pace.

Firma anche tu la petizione a Mattarella

La pace nel mondo può sembrare un'utopia. Eppure qualcosa tutti noi possiamo fare. L'idea arriva da Don Oreste Benzi, che l'aveva lanciata nel 1994: «Di tanti ministeri esistenti, avrei voluto che lei ne avesse aggiunto un altro: Il Ministero della Pace», aveva scritto all'allora Presidente del Consiglio.

Puoi firmare anche tu la petizione a Mattarella per chiedere l'istituzione di un Ministero della Pace: http://www.ministerodellapace.org/sottoscrizioni/

«Nell'ulteriore sviluppo del confronto politico-istituzionale sulla base del voto del 4 marzo, bene comune da garantire al Paese è la nonviolenza, lo scongiurare la violenza, in tutte le sue motivazioni e le sue forme». A dirlo è stato Giorgio Napolitano, l'ex presidente della Repubblica, che ha fatto un chiaro riferimento alla promozione della nonviolenza. Il 23 marzo stava pronunciando il discorso di apertura della prima seduta della nuova legislatura.

La risposta del terzo settore non si è fatta attendere: i presidenti di una cordata di associazioni ed enti (fra cui la Focsiv, l'Azione Cattolica, il Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell'Università di Padova, ed altri), hanno scritto una lettera pubblica, rivolta al Presidente Mattarella, per l'istituzione del Ministero della Pace, più volte ventilata dai partiti.
 

L'adesione del Centro per i Diritti Umani dell'Università di Padova

Marco Mascia, direttore del Centro per i Diritti Umani dell'Università di Padova, ha rilanciato ufficialmente il 12 febbraio nella città del Santo la proposta di un Ministero della Pace: «Violenza, guerre, terrorismo, riarmo, tendenze autocratiche e dittatoriali stringono sempre più la condizione umana nella morsa dell’insicurezza. Ora si tratta di spezzare questa catena di morte», ha tuonato il docente.

#FOTOGALLERY:padova#

 

Come costruire la pace nel mondo? Ecco il sondaggio

La cosa non dovrebbe sfuggire ai politici: per avere un riscontro sul livello di favore della proposta di istituire un Ministero della Pace,  è stata realizzata un’indagine rivolta a un campione rappresentativo degli elettori italiani. Agli intervistati è stato proposto un questionario articolato in cinque aree tematiche e composto da 38 domande. L’indagine DEMETRA è stata diretta dai Professori Valerio Belotti, Davide Girardi e Marco Mascia del Centro per i Diritti Umani dell'Università di Padova, su un campione di 1024 persone rappresentativo della popolazione per genere, fascia di età, zona geografica e dimensione comunale.  Il 66% degli intervistati si è dimostrato favorevole all'istituzione di un Ministero per la pace. E la prorettrice Annalisa Oboe ha sottoscritto l’impegno dell'ateneo patavino: «La pace è conditio sine qua non per il rispetto dei diritti umani; il tema che va messo a sistema».

E finalmente, un chiaro messaggio di speranza: ecco cos'hanno risposto gli elettori.

#FOTOGALLERY:sond#

 

Costruire la Pace nel mondo: le funzioni di un Ministero della Pace

Ministero della pace, di cosa si tratta?  La nuova istituzione sarebbe deputata, in collaborazione con altri ministeri, dipartimenti, comitati, ad individuare azioni coordinate nazionali per realizzare una politica strutturale per la pace e la prevenzione della violenza. Nel nostro Paese vi sono diversi dipartimenti ed organismi che in modi differenti si occupano di attività connesse alla promozione della pace; «Non ci sono però strumenti per affrontare i conflitti se non in forma armata», ha spiegato Don Albino Bizzotto, intervenuto a Padova durante il seminario di presentazione.

 

Le competenze del Ministro della Pace

Ecco di cosa si dovrebbe occupare il nuovo Ministro:

  1. Promozione di politiche di Pace per la costruzione e la diffusione di una cultura della pace attraverso l’educazione e la ricerca, la promozione dei diritti umani, lo sviluppo e la solidarietà nazionale ed internazionale, il dialogo interculturale, l’integrazione.

  2. Disarmo e monitoraggio dell’attuazione degli accordi, dei trattati e delle raccomandazioni internazionali; studi e ricerche per la graduale razionalizzazione e riduzione delle spese per armamenti e la progressiva differenziazione produttiva con la conversione a fini civili delle industrie nel settore della difesa; stimolazione dei processi di ricerca e di riconversione industriale bellica a fini civili attraverso percorsi che vedano la partecipazione della società civile, degli enti locali (Regione, Province e Comuni), dei sindacati, dei dirigenti d’azienda e di esperti.

  3. Difesa Civile Non Armata e Nonviolenta, con particolare riguardo ai Corpi Civili di Pace ed il Servizio Civile quali strumenti di intervento nonviolento della società civile nelle situazioni di conflitto ed in contesti di violenza strutturale e culturale.

  4. Prevenzione e riduzione della violenza sociale e culturale, e promozione di un linguaggio libero dall’odio.

  5. Qualificazione delle politiche di istruzione rispetto a nonviolenza, trasformazione positiva e nonviolenta dei conflitti, tutela dei diritti umani e mantenimento della pace.

  6. Mediazione sociale, riconciliazione e giustizia riparativa.

 

Ministero della pace, storia di una proposta 

Nel 1994 Don Oreste Benzi, fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII, in una lettera al Presidente del Consiglio dell’epoca, scriveva: “Condividendo direttamente la vita degli handicappati, dei tossicodipendenti, dei minori senza famiglia cerchiamo di far arrivare la loro voce ovunque, specialmente a chi ha il potere di liberare ed opprimere. Di tanti ministeri esistenti, avrei voluto che lei ne avesse aggiunto un altro: il Ministero della Pace. Gli uomini hanno sempre organizzato la guerra. È arrivata l’ora di organizzare la pace”. L'idea è stata rilanciata più volte nel corso degli ultimi anni dall'Associazione di don Benzi, e ripresa da più parti.

31 maggio 2015 Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, chiede l'attuazione di corridoi umanitari, la revisione del trattato di Dublino sull'immigrazione, e l'istituzione di un Ministero della pace.

27 maggio 2016 Ramonda auspica che l'Italia diventi superpotenza della pace istituendo un ministero ad-hoc.

28 maggio 2017 Ramonda chiede ai mass media, alle Diocesi, agli imprenditori, ai parlamentari, di rilanciare la proposta.

31 ottobre 2017 Ramonda chiede ai politici di attuare il sogno di Don Benzi, dal convegno organizzato per i 10 anni dalla morte del sacerdote.

1 ottobre 2017 La Comunità Papa Giovanni inizia la raccolta delle adesioni pubbliche alla proposta nel sito http://www.ministerodellapace.org/

Il 19 dicembre 2017 la proposta è stata presentata all'attenzione del dibattito elettorale istituzioni in Senato, con la presenza di Beppe Fiorello. Ecco le foto.

#FOTOGALLERY:confstampa#

il 12 febbraio 2018 la poposta è raccolta dall'Università di Padova

il 5 aprile la presentazione al Sermig di Torino

 

 

Pace nel mondo: l'idea per un tema in classe!

Ecco la testimonianza dei volontari impegnati, senza armi, nella difesa della popolazione civile in Colombia. Sono esempi, lontani dai riflettori dei media, di una costruzione della pace che è possibile già da oggi anche senza l'uso della violenza. In alcune scuole il tema entra anche a scuola, a volte con la presenza dei volontari del corpo di pace Operazione Colomba che raccontano il proprio vissuto al rientro dalle missioni all'estero. Progetti come questo non trovano ancora un adeguato riconoscimento da parte delle istituzioni.

 



Marco Tassinari
26/06/2018
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

Ultime news
  • Una nuova casa famiglia
    Nidastore è un antico borgo marchigiano, conta meno di una decina di abitanti, sulle colline appenniniche della provincia ...
    Leggi tutto
    03 Luglio 2018
  • Una proposta per sradicare la pro..
    A Ginevra si svolge in questi giorni la 38a sessione del Consiglio dei diritti Umani e il nostro ufficio ha messo in canti...
    Leggi tutto
    02 Luglio 2018
  • L’Alba della condivisione
    Parte con il 1° luglio  il primo campo di condivisione dell’estate 2018. Sono 160 le persone, provenienti in particolare d...
    Leggi tutto
    27 Giugno 2018
  • Ministero della Pace
    Istituire un Ministero della Pace che gestisca i conflitti sociali italiani e che intervenga anche in quelli esteri con pe...
    Leggi tutto
    26 Giugno 2018
  • Liberi dalla droga
    La festa dell’Interdipendenza nasce da diverse occasioni confluite in questo momento: il 26 giugno è la giornata mondiale ...
    Leggi tutto
    26 Giugno 2018
  • Tavolo Ecclesiale Dipendenze
      Il Tavolo Ecclesiale Dipendenze ha organizzato, il 26 giugno 2018, in occasione della giornata internazionale con...
    Leggi tutto
    26 Giugno 2018
  • Corridoi umanitari
    “La santità non riguarda solo lo spirito, ma anche i piedi, per andare verso i fratelli, e le mani, per condividere con lo...
    Leggi tutto
    20 Giugno 2018
  • Ramonda incontra Papa Francesco
    Questa mattina Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, è stato ricevuto da Papa Francesco i...
    Leggi tutto
    15 Giugno 2018
  • Servizio civile: 346 posti dispon..
    Sta per uscire il bando, l’ultimo con le regole attuali. Poi scatterà il nuovo Servizio Civile Universale: ecco le novi...
    Leggi tutto
    13 Giugno 2018
  • Bambini profughi, la storia
    Ola, nome di fantasia, ha 11 anni. C'era anche lui fra i bambini profughi, sabato sulla nave Sea Watch 3 che ha attracca...
    Leggi tutto
    12 Giugno 2018
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…