Eventi




Massimo Barbiero, inaugurazione del Passaggio a Fossò (VE)

Massimo Barbiero e Simone Montesso, a 10 anni dalla morte

Il ricordo di Massimo nella sua Parrocchia e nella baraccopoli di Nairobi

Il 6 aprile 2020 ricorre il 10° l’anniversario della scomparsa di Simone Montesso e Massimo Barbiero.

Domenica 6 settembre è stata intitolato a Massimo Barbiero un Passaggio a Fossò, il suo paese natale della provincia di Venezia. Massimo era un nostro missionario, morto nel 2010 in Venezuela a 37 anni, dopo che aveva vissuto per oltre 10 anni nella nostra missione in una baraccopoli di Nairobi.

«Dio non vuole gli slum —  diceva —. Sono frutto dell’ingiustizia, gente che vive sulle briciole dell’altro. Dobbiamo ascoltare il bisogno della povera gente, fare festa con quello che si ha, la felicità non viene dalle cose ma nello scoprire che quello che si ha è un dono».

Il commovente ricordo nelle parole del papà di Massimo, Alessandro Barbiero.

 

 

 

La Comunità Papa Giovanni XXIII piange Massimo Barbiero e Simone Montesso

Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Apg23, ricorda così Massimo Barbiero e Simone Montesso: «Dieci anni fa, Massimo e Simone nell’abbraccio del Padre, scivolati in un burrone. Massimo era arrivato in Venezuela da qualche mese dopo avere dato la vita per più di dieci anni in Kenya nella baraccopoli di Soweto, vivendo da povero tra gli ultimi. Penso di avere visto in lui una semplicità e una radicalità unica, sincera, di un’infanzia spirituale evangelica che ha sconvolto persino coloro che vivevano nello slum. Viveva come loro, uno di loro, in mezzo a loro. Con Gesù nel cuore, la Comunità Papa Giovanni come la sua famiglia, l’affetto per i suoi cari. Simone giovanissimo volontario che ha dato il tempo più bello della sua giovinezza per i poveri. Grazie di cuore per la vostra testimonianza che è di esempio per tutti noi. Grazie e pregate per noi.»

Sono ormai trascorsi 10 anni dal tragico giorno in cui Simone e Massimo hanno perso la vita durante un’escursione sulle Ande, ma il loro ricordo e il loro esempio restano oggi più vividi che mai.

Simone Montesso

Originario di Bolzano, 23 anni, Simone era arrivato a Mérida in Venezuela a marzo 2010. Aveva deciso di fare un’esperienza di volontariato di 6 mesi con la Comunità Papa Giovanni XXIII, desideroso di imparare da una realtà così lontana e diversa da quella in cui era cresciuto.

Massimo Barbiero

Massimo era un missionario laico della Comunità. Veneto d’origine (di Fossò, Venezia), aveva lasciato il suo paese per vivere in totale povertà con gli ultimi. Era semplice e spontaneo, amava la vita che si era scelto. Dopo 10 anni trascorsi a Soweto, baraccopoli di Nairobi in Kenya, era arrivato a Mérida all’inizio del 2010.

Grazie ai suoi familiari ed amici che hanno raccolto i contributi necessari, è stata eretta in sua memoria una cappellina vicino al centro per ragazzi di strada alla periferia di Nairobi in cui ha operato per tanti anni.

I lavori, avviati nel 2017, hanno portato alla realizzazione di una cappellina che è stata inaugurata a marzo 2018. La cappellina sarà luogo di preghiera ed incontro con il Signore non solo per i ragazzi e gli operatori del Centro, ma anche per tutti gli abitanti del quartiere che vorranno accedervi, soprattutto i giovani, proprio come Massimo avrebbe voluto.

Un ringraziamento particolare va alla famiglia Barbiero, che ha generosamente contribuito alla costruzione.

Cappellina in ricordo di Massimo Barbiero alla periferia di Nairobi

 



Ufficio Stampa - Stefano Vitali
09/09/2020
TAG: Africa / Chiesa

Ultime news
  • Un Pasto al Giorno: ripartiamo da..
    Un pasto sospeso pronto ogni giorno sulle nostre tavole, per contrastare, insieme, le nuove povertà.
    Leggi tutto
    28 Settembre 2020
  • Il Servizio Civile Universale aff..
    La Comunità Papa Giovanni XXIII ha appreso con rammarico che non ci saranno fondi aggiuntivi per il bando volontari che sa...
    Leggi tutto
    28 Settembre 2020
  • Rompiamo l'isolamento: performanc..
    Sabato 26 settembre alle ore 17 prenderà forma la performance teatrale del Centro diurno socio riabilitativo per persone c...
    Leggi tutto
    24 Settembre 2020
  • Giornata LIS 2020
    «L'Italia è rimasta uno dei pochi paesi a non riconoscere la Lingua dei Segni, una lingua che favorirebbe l'inclusione del...
    Leggi tutto
    23 Settembre 2020
  • Nemmeno con un fiore!
    Violenze invisibili e industria della prostituzione: dopo gli incontri dei mesi scorsi realizzati all'interno del progetto...
    Leggi tutto
    22 Settembre 2020
  • La nuova Rete Italiana Pace e Dis..
    Abbiamo scelto la data del 21 settembre 2020, giornata internazionale per la Pace, per annunciare la nascita di Rete Itali...
    Leggi tutto
    21 Settembre 2020
  • Mattarella incontra Ciccio
    Continua la relazione epistolare e di persona fra il protagonista di Solo Cose Belle e il Presidente della Repubblica
    Leggi tutto
    17 Settembre 2020
  • Don Federico Pedrana amico del sa..
    Come Comunità Papa Giovanni XXIII ci stringiamo al dolore della Diocesi di Como e del Vescovo per l'assassinio di don Robe...
    Leggi tutto
    16 Settembre 2020
  • Curare la terra produce vita, dig..
    Vivere a contatto con la natura favorisce percorsi educativi, formativi, curativi e spirituali. Ce lo racconta Francesco, ...
    Leggi tutto
    16 Settembre 2020
  • Incendio a Lesbo
    A niente è valso un anno in casa famiglia ad Atene, le autorità greche non hanno riconosciuto la minore età e hanno ris...
    Leggi tutto
    09 Settembre 2020
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…