Eventi




Massimo Barbiero, inaugurazione del Passaggio a Fossò (VE)

Massimo Barbiero e Simone Montesso, a 10 anni dalla morte

Il ricordo di Massimo nella sua Parrocchia e nella baraccopoli di Nairobi

Il 6 aprile 2020 ricorre il 10° l’anniversario della scomparsa di Simone Montesso e Massimo Barbiero.

Domenica 6 settembre è stata intitolato a Massimo Barbiero un Passaggio a Fossò, il suo paese natale della provincia di Venezia. Massimo era un nostro missionario, morto nel 2010 in Venezuela a 37 anni, dopo che aveva vissuto per oltre 10 anni nella nostra missione in una baraccopoli di Nairobi.

«Dio non vuole gli slum —  diceva —. Sono frutto dell’ingiustizia, gente che vive sulle briciole dell’altro. Dobbiamo ascoltare il bisogno della povera gente, fare festa con quello che si ha, la felicità non viene dalle cose ma nello scoprire che quello che si ha è un dono».

Il commovente ricordo nelle parole del papà di Massimo, Alessandro Barbiero.

 

 

 

La Comunità Papa Giovanni XXIII piange Massimo Barbiero e Simone Montesso

Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Apg23, ricorda così Massimo Barbiero e Simone Montesso: «Dieci anni fa, Massimo e Simone nell’abbraccio del Padre, scivolati in un burrone. Massimo era arrivato in Venezuela da qualche mese dopo avere dato la vita per più di dieci anni in Kenya nella baraccopoli di Soweto, vivendo da povero tra gli ultimi. Penso di avere visto in lui una semplicità e una radicalità unica, sincera, di un’infanzia spirituale evangelica che ha sconvolto persino coloro che vivevano nello slum. Viveva come loro, uno di loro, in mezzo a loro. Con Gesù nel cuore, la Comunità Papa Giovanni come la sua famiglia, l’affetto per i suoi cari. Simone giovanissimo volontario che ha dato il tempo più bello della sua giovinezza per i poveri. Grazie di cuore per la vostra testimonianza che è di esempio per tutti noi. Grazie e pregate per noi.»

Sono ormai trascorsi 10 anni dal tragico giorno in cui Simone e Massimo hanno perso la vita durante un’escursione sulle Ande, ma il loro ricordo e il loro esempio restano oggi più vividi che mai.

Simone Montesso

Originario di Bolzano, 23 anni, Simone era arrivato a Mérida in Venezuela a marzo 2010. Aveva deciso di fare un’esperienza di volontariato di 6 mesi con la Comunità Papa Giovanni XXIII, desideroso di imparare da una realtà così lontana e diversa da quella in cui era cresciuto.

Massimo Barbiero

Massimo era un missionario laico della Comunità. Veneto d’origine (di Fossò, Venezia), aveva lasciato il suo paese per vivere in totale povertà con gli ultimi. Era semplice e spontaneo, amava la vita che si era scelto. Dopo 10 anni trascorsi a Soweto, baraccopoli di Nairobi in Kenya, era arrivato a Mérida all’inizio del 2010.

Grazie ai suoi familiari ed amici che hanno raccolto i contributi necessari, è stata eretta in sua memoria una cappellina vicino al centro per ragazzi di strada alla periferia di Nairobi in cui ha operato per tanti anni.

I lavori, avviati nel 2017, hanno portato alla realizzazione di una cappellina che è stata inaugurata a marzo 2018. La cappellina sarà luogo di preghiera ed incontro con il Signore non solo per i ragazzi e gli operatori del Centro, ma anche per tutti gli abitanti del quartiere che vorranno accedervi, soprattutto i giovani, proprio come Massimo avrebbe voluto.

Un ringraziamento particolare va alla famiglia Barbiero, che ha generosamente contribuito alla costruzione.

Cappellina in ricordo di Massimo Barbiero alla periferia di Nairobi

 



Ufficio Stampa - Stefano Vitali
09/09/2020
TAG: Africa / Chiesa

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

 

Ultime news
  • Accolti gli orfani ucraini
    Un gruppo di 63 bambini orfani ucraini è stato evacuato il 10 maggio in Polonia per arrivare in Italia. I bambini, dai ...
    Leggi tutto
    11 Maggio 2022
  • In ricordo di Sandra
    Mercoledì 4 maggio, alle ore 19, sarà celebrata in Basilica Cattedrale, a Rimini, la prima Memoria Liturgica di Sandra ...
    Leggi tutto
    03 Maggio 2022
  • Giornata nazionale affido
    Una Giornata nazionale dell'affidamento familiare da celebrare ogni anno il 4 maggio, per informare, sensibilizzare, soste...
    Leggi tutto
    02 Maggio 2022
  • Celebriamo insieme il coraggio de..
    Solo una mamma sa quanto si sia disposte a fare per proteggere il proprio figlio. Qualsiasi cosa, trovando un coraggio che...
    Leggi tutto
    27 Aprile 2022
  • Novena per Sandra Sabattini
    Abbiamo preparato questa Novena con le meditazioni tratte dal Diario di Sandra, accompagnate da un commento di don Oreste ...
    Leggi tutto
    26 Aprile 2022
  • 8X1000, un aiuto che fa la differ..
    Ecco le Diocesi che nel 2021 hanno scelto di sostenere le nostre attività di accoglienza e cura per persone in difficolt...
    Leggi tutto
    03 Aprile 2022
  • Stop the War Now: un’azione di ..
    Una carovana con più di 70 pulmini diretta in Ucraina per portare aiuti e salvare persone in fuga dalla guerra
    Leggi tutto
    30 Marzo 2022
  • Sai che con una penna puoi costru..
    Per cambiare la vita di un bambino, di una persona anziana o di un’intera famiglia, basta poco: una penna e una firma, la ...
    Leggi tutto
    30 Marzo 2022
  • EU Migration Pact, il webinar
    Il  16 marzo 2022 si è tenuto online il webinar sul Migration Pact EU, organizzato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII con ...
    Leggi tutto
    23 Marzo 2022
  • Contro la discriminazione di Rom ..
    “Latcho Drom” è un progetto finanziato dal Programma “Rights, Equality and Citizenship”dell’Unione Europea. Il progetto è ...
    Leggi tutto
    21 Marzo 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…