Eventi




SERVIZIO CARCERE

carcere@apg23.org
Mario Muratori
M. +39 348 4766853
Daniele Fiorini
M. +39 348 7150967
Accoglienza CEC
M. +39 346 1503478

Servizio in Carcere

Moltissime sono le carceri frequentate dai membri della nostra Comunità o dai volontari legati comunque alla nostra associazione. Torino, Biella, Asti, Massa,  Cuneo, Saluzzo, Fossano, Alba, casa lavoro di Vasto, Ascoli, Teramo ne sono solo alcuni esempi.

Spesso gli avvocati, le assistenti sociali dei UEPE, gli educatori ci contattano al fine di incontrare i carcerati che sono vicini al fine pena o che possono usufruire di permessi premio o di arresti domiciliari. Lo scopo è quello di attivare la rete interna della nostra comunità per ricercare una risposta alla loro richiesta di accoglienza. Spesso si tratta di persone che non hanno nessuno ad aspettarli al di fuori del carcere. A volte sono gli stessi detenuti a contattarci scrivendoci direttamente e manifestando bisogni diversi: alcuni di loro avanzano richieste di vario tipo (vestiario, pratiche burocratiche, contatti con le famiglie ecc.), altri dimostrano il desiderio di una relazione umana o di un sostegno psicologico.
Oltre ai colloqui individuali, in carcere vengono portate avanti diverse attività: gruppi di ascolto, gruppo di lettura, uscite di gruppo, animazione della messa, laboratori musicali e teatrali, bricolage.
Numerosi anche gli accompagnamento dei detenuti in permesso e le accoglienze nelle case famiglia.

Nelle carceri minorili

Per quanto riguarda le carceri minorili (IPM) in Italia, la Comunità Papa Giovanni XXIII è attiva attraverso diverse modalità:
- Direttamente con attività negli Istituti (attività ludiche, socializzanti, laboratori...) di: Acireale, Torino, Bari e Treviso. Qui alcuni membri di Comunità, insieme a volontari e giovani, si recano più volte durante il mese per condividere momenti di amicizia, scambio di vita e relazione con i ragazzi ristretti.
- Con l'accoglienza di giovani a fine pena o che hanno la possibilità di usufruire di pene sostitutive alla detenzione, nelle case famiglia, famiglie accoglienti o pronte accoglienza. In alcuni casi con l'inserimento lavorativo in cooperative della Associazione Papa Giovanni XXIII.
- Con la partecipazione/animazione di momenti specifici negli IPM (Messe, feste, tornei, uscite).

Sull'ergastolo

“Tutti i cristiani e gli uomini di buona volontà sono dunque chiamati oggi o a lottare non solo per l’abolizione della pena di morte, legale o illegale che sia, e in tutte le sue forme, ma anche al fine di migliorare le condizioni carcerarie, nel rispetto della dignità umana delle persone private della libertà. E questo, io lo collego con l’ergastolo. In Vaticano, poco tempo fa, nel Codice penale del Vaticano, non c’è più, l’ergastolo. L’ergastolo è una pena di morte nascosta.”

Papa Francesco,
dal discorso all'Associazione Internazionale di Diritto Penale, 23 Ottobre 2014
 

La Comunità è molto impegnata anche sul fronte dell'ergastolo.
Partendo dalla nostra esperienza e dalla nostra certezza che il cambiamento dell’uomo è sempre possibile e che il detenuto si recupera e rieduca molto meglio con misure alternative al carcere, non possiamo non essere contro questa grande ingiustiza dell’attuale sistema penale: il carcere a vita, l’ergastolo, soprattutto nella sua variante ostativa ad ogni beneficio penitenziario, che esclude ogni possibilità di reinserimento sociale, divenendo a tutti gli effetti un fine pena mai, fino alla morte fisica del condannato.

Dal 2007 incontriamo decine e decine di detenuti condannati all’ergastolo, in molte carceri d’Italia, seguendoli, dove è possibile, anche quando vengono trasferiti e rimanendo vicini alle loro famiglie. Dalla condivisione con gli ergastolani si è reso necessario provare a rimuovere le cause che creano una cultura che accetta la detenzione a vita e coinvolgere un numero sempre maggiore di persone che, anche con il loro autorevole contributo, ci aiutino a divulgare un nuovo pensiero e sensibilità sociale su questi uomini che, pur avendo commesso dei reati gravissimi, dopo decenni e decenni di detenzione ininterrotta sono persone completamente diversi dall’epoca del reato.
Contrariamente a quanto si pensa, sono più di 100 le persone in carcere da oltre 30 anni e dei 1576  ergastolani dietro le sbarre al 22 settembre 2014,  ben 1.162 sono ostativi (dati ufficiali forniti dal  DAP) quindi destinati a morire in carcere.

Ultime news
  • Ergastolo ostativo
    «L'ergastolo ostativo è incostituzionale perché disumano in quanto elimina la speranza. Anche gli ergastolani hanno il dir...
    Leggi tutto
    17 Aprile 2021
  • Carcere, l'alternativa è possibile
    Nei giorni scorsi il Rapporto del Consiglio d’Europa “Space”, basandosi su dati 2020, ha sottolineato che l’Italia...
    Leggi tutto
    14 Aprile 2021
  • In dialogo verso il nuovo PEI
    Si è svolto nei giorni scorsi il webinar organizzato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII per approfondire il Nuovo Progetto...
    Leggi tutto
    13 Aprile 2021
  • L'Inizio Ramadan
    Cari fratelli e sorelle musulmani, la Bontà divina ha voluto che quest’anno, come credenti di tradizioni religiose differe...
    Leggi tutto
    13 Aprile 2021
  • Aderiamo alla campagna globale #S..
    La Comunità Papa Giovanni XXIII ha ufficialmente aderito alla Campagna Globale #StopEuMercosur ed è inserita tra le Organi...
    Leggi tutto
    01 Aprile 2021
  • Viviamo insieme la Santa Pasqua
    Gli auguri della Comunità, per sentirci vicini nonostante la distanza.
    Leggi tutto
    31 Marzo 2021
  • Grazie al tuo 5x1000 gli ultimi s..
    Anche quest’anno il tuo 5x1000 potrà assicurarci le risorse necessarie per garantire un pasto caldo, l’educazione, il...
    Leggi tutto
    29 Marzo 2021
  • Sandra Sabattini sarà Santa?
    Sandra Sabattini era una giovane volontaria della Comunità Papa Giovanni XXIII morta in un incidente stradale. Dopo la pu...
    Leggi tutto
    29 Marzo 2021
  • Fesival per la vita nascente
    Sabato 27 Marzo è andato in onda, live, il primo Festival Nazionale della Giornata per la Vita Nascente: musica, intervist...
    Leggi tutto
    24 Marzo 2021
  • Il miracolo di Sandra
    In un libro, Stefano Vitali (aquista qui il libro: Vivo per Miracolo) ha raccontato la sua guarigione da un tumore maligno...
    Leggi tutto
    21 Marzo 2021
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…