Eventi




Popolo Rom: in udienza del Santo Padre

L'8 aprile di ogni anno è la giornata mondiale del popolo Rom.

Nel 2015 la Comunità Papa Giovanni XXIII è stata a Roma dal Papa, insieme ad un gruppo di famiglie Rom, ed insieme ai volontari che da lungo tempo fanno famiglia con loro.

«È stato un vero pellegrinaggio, che ci ha portato insieme a questi fratelli ad incontrare il Santo Padre in udienza speciale», è rimasta entusiasta Giovanna, volontaria fra i campi Rom.

A 50 anni dallo storico incontro di Paolo VI con i nomadi a Pomezia, Papa Francesco ha voluto convocarli tutti Domenica 25 e lunedì 26 ottobre 2015:  Rom, Sinti e Camminanti. Sono un popolo senza terra che, dopo secoli di peregrinazioni, stenta nel trovare spazi di vita nella società.

«Al Papa portiamo i membri delle famiglie rom al cui fianco da più di 20 anni condividiamo il cammino, prima nei campi, ora sulla strada, o nell'accoglienza di vicinato (ospitiamo le roulotte nei cortili delle nostre comunità), o nella condivisione diretta dentro le nostre case-famiglia», spiega Giovanna.

Il primo incontro della comunità Papa Giovanni con il popolo rom e sinto è avvenuto a Rimini nell’89 insieme a Oreste Benzi. In quell’anno un gruppetto di famiglie rom, appena arrivate dalla ex Yugoslavia, si erano stanziate in un parcheggio, dove già sostavano alcuni sinti e questo ha subito suscitato una forte reazione della popolazione e dell’amministrazione comunale, per cui in poco tempo il sindaco emanò un decreto di sgombero forzato. Don Oreste intervenne personalmente per prendere le difese di quelle famiglie ed impedire lo sgombero dall’area occupata.  Da quel momento è iniziato il cammino con questo popolo, irto di ostacoli, incomprensioni e battaglie, ma «che ha dato e sta dando tuttora dei buoni frutti», spiega Giovanna.

Le famiglie venute dal Papa provenivano da Rimini, Bologna, Modena, Ferrara, Rovigo, Chieti. C'erano Grazia, da Cento(BO), con Etta, la "zingaretta": Etta, gravemente disabile, vive con lei come una figlia da ormai 15 anni. 

Grazia ed Etta hanno portato la propria testimonianza davanti a Papa Francesco, e a tutto il popolo zingaro cui Etta appartiene. Dalla sua carrozzina lei non parla, ma: «il suo sorriso disarmante e contagioso la rende testimone luminosa dell'amore misericordioso di Dio, che sulla croce espia il peccato degli uomini e apre al mondo intero la via del perdono, della salvezza e della pace», spiega Giovanna.

Nella tarda mattinata di domenica i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII hanno partecipato alla Santa Messa, con tutti i pellegrini Rom e Sinti al Santuario del Divino Amore, luogo molto caro a questo popolo. Nel pomeriggio immancabile lo spettacolo del gruppo dei circensi. 

Il pellegrinaggio è culminato nella giornata di lunedì 26 con l’udienza del Santo Padre in Sala Nervi, dove c'erano più di 7.000 pellegrini.

«Siamo andati con gioia grande da Papa Francesco con questi fratelli che desiderano sentire una parola per loro dal Pastore della Chiesa. Una parola che li faccia sentire parte della grande famiglia della Chiesa, nel cuore del Santo Padre, perché prima di tutto sono nel cuore di Dio Padre, che li ha amati, pensati e voluti con una originalità. È una parola che parla anche a noi gagi (come vengono chiamati dai Rom i 'non nomadi'), che siamo rappresentanti di un mondo ed una società ancora troppo ostile a questo popolo; speriamo di diventare capaci di conoscerlo, prima di tutto, e di saper apprezzare la diversità come dono da accogliere e condividere», conclude Giovanna.

 



ambito Condivisione con Rom e Sinti Apg23
NOTIZIE CORRELATE

Bando Servizio Civile - Scopri i nostri progetti in Italia e all'Estero

 

Ultime news
  • Si è spenta il 29 giugno una voc..
    Le condoglianze del Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, Giovanni Paolo Ramonda
    Leggi tutto
    30 Giugno 2022
  • Addio Suor Luisa Dell'Orto
    «Siamo vicini — così Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII — con la preghiera al popolo ha...
    Leggi tutto
    28 Giugno 2022
  • Giornate dell'interdipendenza 2022
    La città di Bologna offre una serie di eventi per celebrare la giornata della lotta all'abuso e al traffico illecito di d...
    Leggi tutto
    21 Giugno 2022
  • L'Italia non diserti vienna
    Il rischio della guerra nucleare è più vicino che mai. È difficile comprendere perciò la scelta dell’Italia di non parteci...
    Leggi tutto
    18 Giugno 2022
  • 5X1000, un piccolo gesto che può..
    Con una semplice firma nella tua dichiarazione dei redditi, puoi cambiare la vita delle persone che incontriamo e accoglia...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Laura Milani presidente Cnesc
    «Siamo felici di contribuire con la presenza significativa di Laura Milani allo sviluppo sempre più adeguato del Servizio ...
    Leggi tutto
    09 Giugno 2022
  • Missionari in Cile, il racconto
    Da Rovereto al Cile per stare accanto ai Mapuche. Così Fabrizio e Francesca Bettini hanno cambiato vita, con loro i tre fi...
    Leggi tutto
    06 Giugno 2022
  • Bologna per la Pace
    I pacifisti tornano in piazza a Bologna mercoledì 1 giugno per chiedere di fermare il conflitto in Ucraina. La nuova manif...
    Leggi tutto
    01 Giugno 2022
  • Basta bimbi in carcere
    «È un primo passo fondamentale perché viene riconosciuta la dignità del bambino, che insieme alla sua mamma, che evidentem...
    Leggi tutto
    31 Maggio 2022
  • Le famiglie ucraine nelle nostre ..
    “Alla follia della guerra rispondiamo preparandoci ad accogliere i profughi ucraini nelle nostre case famiglia, famiglie...
    Leggi tutto
    16 Maggio 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…