Eventi




Amnesty International: l'inganno si rivela subito

"Questo documento contiene una bozza di politiche sul rispetto, protezione e adempimento dei diritti umani delle sex worker (lavoratrici del sesso)".

Inizia così il documento in votazione in questi giorni all'incontro internazionale del consiglio di Amnesty International in corso a Dublino. A prima vista sembrerebbe l'ennesima attività meritoria della famosa organizzazione che lotta per i diritti umani, ma per chi, come noi ( https://www.apg23.org/it/prostituzione/), lavora con le persone che attraversano l'orrore della prostituzione, l'inganno si rivela subito.

Non esistono sex workers (lavoratori del sesso), esistono sex slaves (schiavi del sesso). Il solo parlare di sex workers implica l'esser d'accordo a questa moderna schiavitù.  Perché, parliamoci chiaro, la prostituzione è sempre una forma di schiavitù. Non perché ce lo dice qualche morale, ma perché ce lo dicono coloro che ne sono uscite o coloro che purtroppo vi sono ancora dentro. Noi non parliamo mai di prostitute, ma di persone che si prostituiscono. Prima viene sempre la persona. Anche quando è ridotta in stato di schiavitù. 

Ma veniamo al punto.

Amnesty International riconosce la necessità della regolamentazione della prostituzione”, dice il documento a pagina 10.

Amnesty parla di decriminalizzazione delle persone che si prostituiscono. E questo è giusto. Ma utilizza questo argomento per proporre la regolamentazione della prostituzione. E questo è sbagliato. Almeno per chi sa cosa significhi l'orrore della prostituzione.

Esistono diverse ricerche internazionali che mostrano gli abusi che subiscono le persone che si prostituiscono; è molto importante constatare che le percentuali degli abusi subiti non cambiano tra paesi dove la prostituzione è regolamentata e quelli dove essa è proibita.

Amnesty poi dimentica due punti chiave emersi sia dalle ricerche delle nazioni Unite, sia da quelle di Eurostat. Il primo è la disuguaglianza di genere intrinseco alla prostituzione: le prostitute sono per lo più donne, mentre i clienti e gli sfruttatori sono per la maggior parte uomini. Il secondo dato è che la domanda di sfruttamento sessuale alimenta la tratta di esseri umani.

Per questa ragione, chi davvero ha a cuore il massimo sviluppo della persona umana, di tutte le persone, chiede - per dirla con Giovanni Paolo Ramonda, il nostro Responsabile Generale - che la prostituzione venga abolita. Da un lato, decriminalizzando le persone che si prostituiscono, che devono esser considerate come vittime. Dall'altro lato, criminalizzando sia gli sfruttatori che riducono in schiavitù queste persone, sia i clienti, i quali sfruttano la condizione di vulnerabilità delle persone che si prostituiscono.

Semplicemente: se non ci fossero clienti, allora non ci sarebbero persone che si prostituiscono. 

Ecco allora che ci appelliamo a tutte le persone di buona volontà cha da anni svolgono un importante servizio dentro Amnesty: liberiamo le donne, aboliamo la prostituzione.

 

Luca Luccitelli, Animatore generale del Servizio Politico della Comunità Papa Giovanni XXIII

 

 

 



 

Ultime news
  • C’era una volta il Bio
    In esclusiva per il Salone del Gusto di Torino, C’era una volta il Bio mette in scena la storia e il futuro del biologic...
    Leggi tutto
    28 Settembre 2022
  • Un Ministero della Pace
    La lettera inviata in queste ore ai candidati alle elezioni parlamentari e sottoscritta dalla fitta rete di realtà che si...
    Leggi tutto
    13 Settembre 2022
  • Per costruire la pace
    La Comunità Papa Giovanni XXIII sostiene l’appello della CNESC – Conferenza Nazionale Enti Servizio Civile a tutte le forz...
    Leggi tutto
    12 Settembre 2022
  • Compleanno di Don Benzi 2022
    7 Settembre 2022: buon compleanno don Benzi! 97 anni fa nasceva il sacerdote dalla tonaca lisa.
    Leggi tutto
    07 Settembre 2022
  • Grazie per aver fatto posto alla ..
    Un fine settimana all’insegna della solidarietà e della fraternità: è questo l’obiettivo di Un Pasto al Giorno, che ogni a...
    Leggi tutto
    06 Settembre 2022
  • Elezioni 2022, le proposte
    La Comunità Papa Giovanni XXIII scrive ai candidati alle elezioni politiche 2022
    Leggi tutto
    05 Settembre 2022
  • Festival Nazionale Servizio Civile
    50 anni di obiezione per la pace. La Cnesc promuove due giorni di festa e riflessione il 9 e 10 settembre a Roma (Giardino...
    Leggi tutto
    02 Settembre 2022
  • Tempo del Creato 2022
    Per il Tempo del Creato 2022, che lungo il mese di settembre e fino al 4 ottobre accompagnerà tutte le chiese e le religio...
    Leggi tutto
    01 Settembre 2022
  • Una campagna contro la violenza a..
    Break the wall (Rompi il muro) è la campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne promossa da Comunità Papa...
    Leggi tutto
    31 Agosto 2022
  • Bambini sordi in barca a vela
    28 bambini, sordi o udenti ma figli di genitori sordi, di età compresa fra i 7 e i 14 anni, si apprestano ad affrontare sa...
    Leggi tutto
    25 Agosto 2022
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Loading…