ROM E SINTI
romesinti@apg23.org


Alberto Zucchero

L’incontro della Comunità Papa Giovanni XXIII con il popolo rom e sinto risale al 1989 in seguito all’amicizia con una famiglia rom a Faenza (RA), e poi subito dopo con altre famiglie a Rimini e Forlì. Incontrarsi con le ‘famiglie’ rom è stato il modo di conoscere questo popolo.

L’esigenza della condivisione di vita che costituisce il carattere della Comunità ha manifestato negli anni frutti diversi:

  • Negli anni Novanta alcune sorelle consacrate di Comunità hanno vissuto per diversi anni nel campo rom di via Portogallo a Rimini
  • Oggi, quando si renda necessario e sia possibile, i membri della Comunità là dove vivono si fanno “vicini di casa” facendo posto a famiglie rom con i loro camper nei cortili delle proprie abitazioni, perché abbiano un luogo dove posare il capo
  • Oltre l’accoglienza di vicinato, c'è l’accoglienza diretta vera e propria nelle case famiglia e famiglie aperte di numerosi minori, su richiesta dei servizi sociali quando ce n'è la necessità, oltre che di interi nuclei familiari

Obiettivi

Supporto alla vita di condivisione e all'evangelizzazione
Il supporto alla vita di condivisione e all'evangelizzazione  da parte della Comunità con persone e famiglie rom e sinte si sviluppa in due direzioni: interventi di promozione umana e realizzazione di momenti di preghiera e annuncio.

Le attività svolte sono:

  • Interventi diretti a persone e famiglie di assistenza materiale, legale e scolastica (ospitalità presso strutture di accoglienza associative, aiuti economici, rifornimento generi di prima necessità, reperimento soluzioni abitative, accompagnamento alle strutture sanitarie, affiancamento e mediazione con i servizi sociali; patrocinio legale, assistenza in carcere; reperimento testi e materiale scolastico, sovvenzionamento rette scolastiche, mediazione e incontri con i docenti)
  • Realizzazione di momenti liturgici o di preghiera in occasione delle principali feste cristiane (Pasqua e Natale) e del mese di maggio (legati alla devozione alla Madonna).

Impegno di rimozione delle cause che provocano l'emarginazione
L'impegno di rimozione delle cause che provocano l'emarginazione è da sempre indirizzato prima di tutto alla difesa dei diritti umani e civili fondamentali del popolo zingaro, affinché possa liberarsi dalla esclusione sociale in cui è imprigionato conservando gli elementi culturali che ne connotano l’identità. I principali diritti da tutelare sono:

  • Casa
  • Salute
  • Formazione
  • Accesso al lavoro
  • Condizione dei minori.

Vista la difficoltà nel portare avanti questo obiettivo è maturata la consapevolezza di quanto sia necessario raggiungere gli ambiti/istituzioni (internazionali nazionali e locali) che devono tutelare tali diritti.

Gli interlocutori principali che sono via via venuti definendosi sono:

  • A livello di Governo l'U.N.A.R. presso il quale siamo stati accreditati per la partecipazione alle strategie di inclusione dei Rom Sinti e Camminanti.
  • A livello Ecclesiale la Fondazione Migrantes presso la Conferenza episcopale italiana e la Comunità di Sant'Egidio
  • A livello internazionale grazie alla rappresentanza presso le Nazioni Unite (dal 2006 è stato concesso alla Comunità Papa Giovanni XXIII lo status consultivo speciale presso l'ECOSOC di Ginevra).

Noi ci mettiamo la nostra vita, tu mettici il tuo 5xmille Codice fiscale 00310810221 #Cimettolamiavita

 

Servizio Civile 2017

 

 

Ultime news
  • Va in scena l’integrazione
    Sono passati 4 anni dalla 1ª edizione di DiversArtemente che ci ha visti impegnati nel Festival delle disabilità a Ferrara...
    Leggi tutto
    23 Giugno 2017
  • La proposta di Pace dei profughi ..
    «A noi l'unico diritto che è lasciato è quello di scegliere come morire»: comincia così la lettera per la pace in Siria fi...
    Leggi tutto
    20 Giugno 2017
  • Poeti fuori dal tunnel della droga
    Alla Biennale della Prossimità c’erano anche loro, poeti in erba, i giovani e adulti della Comunità terapeutica San ...
    Leggi tutto
    20 Giugno 2017
  • Un’estate di gioia per tanti gi..
    Più di 300 ragazzi inizieranno il loro anno di servizio civile volontario. E centinaia di adolescenti parteciperanno ai c...
    Leggi tutto
    16 Giugno 2017
  • Chiara tossicodipendente oggi è ..
    «Io amo la libertà. La salute, la libertà e la felicità sono le cose più belle della vita e se arrivi ad averle tutte sei ...
    Leggi tutto
    14 Giugno 2017
  • Salvo il profugo siriano leucemico
    Musaab, profugo dalla Siria, si era rifugiato in Libano. Ma la sua malattia non gli avrebbe lasciato scampo. È arrivato qu...
    Leggi tutto
    08 Giugno 2017
  • «Siate fecondi di vocazioni»
    Una delegazione della Comunità Papa Giovanni XXIII ha incontrato oggi il Cardinale Kevin Farrell, presidente del nuovo Dic...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2017
  • «La prostituzione è una forma d..
    «La prostituzione è una forma di violenza di genere. Serve una legge per sanzionare gli uomini che comprano sesso». Son...
    Leggi tutto
    05 Giugno 2017
  • Sulle orme di don Oreste
    Il 27 e 28 maggio i figli spirituali di don Oreste Benzi sono giunti a Forlì da ogni parte del mondo. Obiettivo: attinger...
    Leggi tutto
    26 Maggio 2017
  • Ecco il bando di Servizio Civile ..
    Sono 269 in Italia e 58 all'estero i posti disponibili con la Comunità Papa Giovanni XXIII all’interno del bando 20...
    Leggi tutto
    26 Maggio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…