Ultime news
  • 19 Febbraio 2018
    Intregrare la Legge Merlin
    Leggi tutto
  • 16 Febbraio 2018
    Verso il Sinodo dei giovani 2018
    Leggi tutto
  • 12 Febbraio 2018
    Partire per la missione: la formazione
    Leggi tutto
  • 12 Febbraio 2018
    Pace, cosa pensano gli italiani
    Leggi tutto
  • 11 Febbraio 2018
    Parti con SVE, il volontariato all'estero
    Leggi tutto
  • 09 Febbraio 2018
    Apg23 premiata con Federica Pellegrini
    Leggi tutto
  • 08 Febbraio 2018
    Santa Giuseppina Bakhita
    Leggi tutto
  • 06 Febbraio 2018
    Ciak si gira: solo cose belle!
    Leggi tutto
  • 05 Febbraio 2018
    Il valore dello spreco alimentare
    Leggi tutto
  • 02 Febbraio 2018
    Elezioni: cosa cambia
    Leggi tutto

Riconoscimento Pontificio, un dono inestimabile

L'editoriale di don Oreste Benzi apparso sul mensile "Sempre" nel numero di Luglio - Agosto 2004 ha commento del Riconoscimento Pontificio.

In data 25 marzo 2004, giorno dell’Annunciazione, l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII ha ottenuto la conferma del riconoscimento come Associazione internazionale di fedeli di diritto pontificio con personalità giuridica da parte della Chiesa tramite il Pontificio Consiglio per i laici. Ha ottenuto altresì l’approvazione definitiva degli Statuti e della Carta di fondazione che ne forma parte integrante. Il 7 Ottobre 1998, festa della Madonna del Rosario, il medesimo Dicastero aveva approvato la nostra Associazione per un periodo di sperimentazione di cinque anni. Ora l’approvazione è definitiva.

Perché il riconoscimento è un dono inestimabile? Perché i fratelli e le sorelle membri della Comunità e coloro che vivono il periodo di verifica vocazionale possono vivere gioiosi e sereni nella certezza assoluta che la vocazione della Comunità è via sicura per santificarsi, per costruire il Regno di Dio, per partecipare alla missione di salvezza della Chiesa, per rimuovere le cause dell’emarginazione, per realizzare i cieli nuovi e la nuova terra dove regna la giustizia di Dio. È gioia grande, perché la linea seguita in tutti questi anni di agire sempre in comunione e in strettissima unione con i vescovi delle diocesi in cui siamo presenti è stata benedetta dal Signore, e così pure la linea seguita di esistere, pensare e cooperare in strettissima unione con il Santo Padre, pastore universale della Chiesa, con il Pontificio Consiglio dei laici e con gli altri dicasteri della Chiesa.

Il principio gioioso e dinamico del cammino nella santificazione è Gesù nel suo essere povero, nel suo essere servo, nel suo essere vittima di espiazione del peccato del mondo. Il principio gioioso nel cammino di attuazione del Regno di Dio e di partecipazione alla missione di salvezza della Chiesa è sempre Gesù, che si è fatto uomo per condividere la vita degli uomini a partire dagli ultimi. La condivisione diretta della vita degli ultimi è la nostra via per realizzare in concreto il Regno di Dio. La Chiesa, che “circonda di affettuosa cura quanti sono afflitti dall’umana debolezza, anzi riconosce nei poveri e nei sofferenti, l’immagine del Suo Fondatore povero e sofferente e si premura di sollevare l’indigenza e in loro intende servire a Cristo” (Lumen Gentium), ha riconosciuto valide tutte le linee di vita contenute negli Statuti e nella Carta di fondazione.

Risuonano in questo momento le parole del nostro vescovo Emilio Biancheri che nel 1971, in occasione della sua lettera di approvazione della incipiente nostra Comunità, che poi prese il nome di Papa Giovanni XXIII, disse: “L’Associazione è una piccola comunità, ma è molto importante nella vita della Chiesa”. Ci sono rimaste nel cuore e nella vita le parole del nostro vescovo Giovanni Locatelli: “Quando vi chiedono dove abitate, rispondete: ‘ll nostro domicilio è tra i poveri e i bisognosi’.”

Risuonano nel nostro cuore le parole che il cardinal James Francis Stafford rivolse alla delegazione dell’Associazione quando ci consegnò il Decreto di riconoscimento del 1998: “La Chiesa riconosce che la forma di vita che avete scelto, seguire Gesù povero e servo, è un cammino evangelico di santificazione che vi porta a conformare la vostra esistenza a Lui e a condividere direttamente, per Gesù, con Gesù, in Gesù, la vita degli ultimi. Il Signore vi chiama a questa specifica vocazione, a condurre una vita da poveri vivendo la fraternità. Mi viene spontaneo alla mente l’invito del Salvatore a quel giovane che aveva osservato i comandamenti fin dalla giovinezza: ‘Gesù, fissatolo, lo amò e gli disse: Una cosa sola ti mancava, vendi quello che hai e dallo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni e seguimi’. Gesù ha posato il suo sguardo su di voi e vi ha amato e voi avete risposto generosamente. Egli non vi lascerà mancare la sua grazia e il suo aiuto.”

Abbiamo accolto con gioia e commozione le parole che mons. Stanislaw Rylko, Presidente del Pontificio Consiglio dei Laici, ci ha rivolto nel Decreto di conferma del riconoscimento dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII e l’approvazione definitiva degli statuti: “Attesi i frutti di santità e di impegno missionario per la nuova evangelizzazione portati alla Chiesa dai membri della Comunità, i quali s’impegnano a seguire Gesù povero, servo e sofferente condividendo la propria vita con quella delle persone spiritualmente e materialmente più bisognose della società.” Queste parole ci sono di stimolo e di gioioso richiamo permanente. Il nostro grazie è senza fine.

La nostra fiducia in Maria è fonte della nostra gioia. I membri della Comunità vedono in Maria che ha voluto essere Serva del Signore, scegliendo che si facesse di lei secondo la sua parola, la madre, e cercano di sviluppare con lei un rapporto di fiducia e di amore. Nutrono viva fiducia nella “Madre dei poveri”, certi che la loro speranza di essere totalmente conformi a Gesù non andrà delusa.

 

 

Ultime news
  • Intregrare la Legge Merlin
    Nel 2018 la Legge Merlin compie 60 anni. il 2 dicembre 2017 a Modena si è tenuta una manifestazione nazionale per chieder...
    Leggi tutto
    19 Febbraio 2018
  • Verso il Sinodo dei giovani 2018
    Il Sinodo giovani agosto 2018 voluto da Papa Francesco avrà come tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale»;...
    Leggi tutto
    16 Febbraio 2018
  • Partire per la missione: la forma..
    «Tornando a casa dopo il Corso Missioni ho sentito il desiderio di mettermi in gioco e la voglia di fare una esperienza i...
    Leggi tutto
    12 Febbraio 2018
  • Pace, cosa pensano gli italiani
    La pace nel mondo può sembrare un'utopia. Eppure qualcosa tutti noi possiamo fare. Marco Mascia, direttore del Centro p...
    Leggi tutto
    12 Febbraio 2018
  • Parti con SVE, il volontariato al..
    Il Servizio Volontario Europeo permette ai giovani tra i 18 e i 30 anni di partecipare ad attività di volontariato all'es...
    Leggi tutto
    11 Febbraio 2018
  • Apg23 premiata con Federica Pelle..
    Comunità Papa Giovanni XXIII premiata assieme alla campionessa olimpica Federica Pellegrini, all’imprenditore del settore ...
    Leggi tutto
    09 Febbraio 2018
  • Santa Giuseppina Bakhita
    Nel 2018 Papa Francesco ha incontrato le ex prostitute; a Verona storie di sfruttamento e liberazione in occasione della v...
    Leggi tutto
    08 Febbraio 2018
  • Ciak si gira: solo cose belle!
    Solo cose belle è il titolo del film che racconta “la pupilla dell’occhio” della Comunità Papa Giovanni XXIII, cioè la cas...
    Leggi tutto
    06 Febbraio 2018
  • Il valore dello spreco alimentare
    5 febbraio, Giornata Nazionale di prevenzione dello spreco alimentare: un problema economico ma non solo, che ci coinvolge...
    Leggi tutto
    05 Febbraio 2018
  • Elezioni: cosa cambia
    Per la prima volta, alle imminenti elezioni politiche, voteremo con la nuova legge elettorale, frutto di un estenuante dib...
    Leggi tutto
    02 Febbraio 2018
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…