Si prostituiva incinta: è stata liberata

Ragazze schiavizzate, costrette in strada fino al nono mese di gravidanza

«Ho lasciato l’Albania una mattina di settembre, il cielo sopra Tirana era azzurro... non avrei mai voluto andare via… ma ero innamorata e il mio fidanzato insisteva... Sono partita da sola, il mio fidanzato all’ultimo non era riuscito a partire con me. Ad aspettarmi all’aeroporto c’era Flora, una donna albanese... era stata lei a trovarmi il lavoro.

Ho pianto tanto la prima sera che mi hanno buttato sulla strada. Buttata sì, come si butta un oggetto senza valore, come si butta una carta che tutti possono calpestare. Piangevo e stringevo il mio bimbo nella pancia… Una volta ho provato a scappare, ma mi hanno massacrata di botte, credevo di morire, ho avuto paura di perdere il mio bambino... Una sera di maggio, ero da poco arrivata sul ‘mio’ angolo di marciapiede e pensavo fosse una sera come le altre. Pensavo fosse la solita macchina con il solito cliente di turno che ti chiede ‘quanto vuoi’. Invece una voce di donna mi dice “ciao, come stai?” Sulla strada nessuno mi aveva mai chiesto come stavo... Mi dice che - se voglio - mi possono aiutare, che conoscono la condizione di sfruttamento e schiavitù in cui vivono molte ragazze… abbasso lo sguardo, trattengo a fatica le lacrime – mio figlio, ho bisogno di aiuto per il mio bambino. La ragazza mi ha abbracciato forte. Per la prima volta da quando ero arrivata in Italia, avevo trovato il coraggio di chiedere aiuto».

È Giusi Amore, membro della Comunità Papa Giovanni XXIII di Parma e referente dell'unità di strada, ad aver raccolto la testimonianza di Maddalena, giovanissima vittima di tratta la cui storia di sfruttamento colpisce soprattutto per la sua condizione di mamma in attesa e, ciononostante, abusata dai clienti indifferenti di fronte al pancione. E l'ha raccontata davanti ai giornalisti di diverse testate (quotidiani, settimanali e televisioni locali), presenti alla conferenza stampa tenutasi a Piacenza il 3 novembre, presso l'Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano. La Comunità, per scoraggiare la domanda di prestazioni sessuali, così come previsto dal punto 2 inerente la prevenzione del Piano nazionale Antitratta del Dipartimento per le Pari Opportunità, ha lanciato stamattina la Campagna di sensibilizzazione intitolata Questo è il mio corpo che ha come obiettivo fare pressione sul Parlamento italiano perché adotti una legge che punisca i clienti. Per questo Giorgio Malaspina, Coordinatore nazionale della Campagna antitratta, ha esortato i cittadini della provincia emiliana a firmare la petizione online per sostenere la proposta di “Modifica all’articolo 3 della legge 20 febbraio 1958, n. 75, concernente l’introduzione di sanzioni per chi si avvale delle prestazioni sessuali di soggetti che esercitano la prostituzione”. Ha invitato inoltre il sindaco a presentare una mozione al Consiglio comunale e i deputati del territorio emiliano ad essere firmatari della proposta di legge che ad oggi è sostenuta da 36 parlamentari di diverse correnti politiche.

Come ha spiegato Caterina Ghiozzi, referente nazionale Antitratta della Comunità Papa Giovanni XXIII, la maggior parte dei clienti preferisce consapevolmente rapportarsi a donne straniere in strada - che hanno un potere contrattuale minore e sono più vulnerabili - e per questo si rendono compici della tratta visto che, come già denunciato dall' Oim lo scorso anno, si sono moltiplicate le donne nigeriane trafficate col flusso dei profughi.

E per il recente dossier Piccoli schiavi invisibili sul fenomeno della tratta, più di un quarto sono minorenni, hanno tra i 13 e i 17 anni, sono adolescenti ignare dell’addestramento alla compravendita di sé a cui dovranno sottomettersi, in strada o al chiuso. 

Romina Iurato, referente dell'Unità di strada di Piacenza, ha infine presentato le attività di 3 anni d'impegno al fianco delle vittime incontrate lungo le vie della città. Proprio il 3 novembre del 2013 nell'anniversario della morte del fondatore don Oreste Benzi sulla Caorsana nasceva l'unità di strada dell'Associazione che in questi anni ha contato centinaia di contatti di giovani donne nigeriane, albanesi e rumene. Altra attività importante per la conoscenza del fenomeno e la prevenzione nel contesto giovanile, i progetti educativi rivolte agli studenti delle Scuole superiori di Piacenza. Infine un invito speciale rivolto alla cittadinanza per il 12 novembre presso l'Oratorio di Strada Mortizza, 76: una pizzata di solidarietà che garantirà di coprire le spese per l'acquisto di un'auto per il servizio in strada, già in parte finanziato dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, che ha meritato un caloroso applauso.

(nella foto di Marco Tassinari: volontari dell'unità di strada incontrano le donne che si prostituiscono)



Irene Ciambezi
04 Novembre 2016

 

Ultime news
  • Deserti (di preghiera) per tutti
    Don Oreste Benzi lo ripeteva continuamente, tanto da diventare uno degli slogan più conosciuti della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    17 Febbraio 2017
  • Il patriarca e tre vescovi contro..
    Sono state più di 500 le persone che hanno scelto di uscire in strada l’8 febbraio, a Verona, in una fredda serata d’inver...
    Leggi tutto
    10 Febbraio 2017
  • Giornata Nazionale sugli Stati Ve..
    «I figli che io e mia moglie abbiamo accolto nella nostra famiglia, una delle case famiglie della Comunità Papa Giovanni X...
    Leggi tutto
    09 Febbraio 2017
  • Ho deciso di scappare quando ho c..
    Nancy aveva 17 anni quando ha iniziato la vita di strada a Ferrara. Inconsapevole delle richieste perverse dei clienti che...
    Leggi tutto
    08 Febbraio 2017
  • Contro lo spreco alimentare
    Lo spreco alimentare e la fame nel mondo: due facce della stessa medaglia
    Leggi tutto
    05 Febbraio 2017
  • «Faccio il mestiere più antico ..
    «Vi racconto la mia libera scelta di fare il mestiere più antico del mondo» – A Rimini Marie Merklinger, di Space Int...
    Leggi tutto
    04 Febbraio 2017
  • Cresce il numero di prostitute mi..
    Dall'osservazione effettuata nel periodo dicembre 2016 – gennaio 2017 dalle 31 Unità di strada della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    02 Febbraio 2017
  • Tra tanti muri, qualche corridoio..
    Resta aperto il ponte aereo dei corridoi umanitari, realizzato attraverso l’accordo della Comunità di Sant’Egidio e d...
    Leggi tutto
    31 Gennaio 2017
  • Eutanasia? Ve la racconto io
    «Gesù chiede di essere amato negli ultimi. Ci chiede di riscoprire la nostra più alta vocazione: la vocazione all'amore. C...
    Leggi tutto
    30 Gennaio 2017
  • Volontari fra gli sfollati in Abr..
    Bevande calde, ma anche olio, pasta: sono arrivati a Chieti da Andria e Barletta con due furgoni carichi di aiuti raccolti...
    Leggi tutto
    27 Gennaio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…