Volontariato in missione: al via il nuovo corso di formazione

Aperte le iscrizioni per chi vuole partire per l'estero

Volontariato in Missione, in Africa e in tutto il mondo: sono aperte le iscrizioni per il secondo Corso Missioni dell’anno che si terrà dal 20 al 22 ottobre 2017. Tre giorni intensi per capire se è il momento giusto per un’esperienza in una delle missioni della Comunità Papa Giovanni XXIII. La sede del corso sarà l’Hotel Royal a Cattolica (RN). Molto interessanti i temi trattati, anche per chi volesse conoscere meglio le attività della Comunità di don Benzi:

  • Andare oltre l’assistenza: l’importanza della rimozione delle cause che creano ingiustizia
  • Missionario oltre le sbarre
  • Quando il mondo bussa alla nostra porta: il fenomeno immigrazione
  • Perché partire? Per chi partire? Aspettative e motivazioni del volontariato in missione
  • Servizio Civile all’estero e Corpo civile di Pace

Allora che aspetti? Informati e iscriviti subito!

E per stuzzicare l’attenzione, ecco alcune testimonianze di chi ha partecipato ad un precedente Corso Missione e poi ha fatto un'esperienza in missione:

Volontariato in missione: un'esperienza che lascia il segno!

6 mesi ad Atene sono impossibili da scrivere e, se ci penso bene, non voglio nemmeno farlo... vorrebbe dire averli già trascorsi quei 6 mesi mentre a me sembra di essere ancora lì tra le voci di famiglia. Ho trovato una famiglia ad Atene. Una rivoluzione del Semplice, che semplice alla fine non è mai. Alzarsi la mattina e mettere il cuore in tavola, nelle scarpe, nelle mani, negli occhi. Vivere con Fabiola e Filippo, i bimbi, i ragazzi e le famiglie accolte è stato per me il regalo. Il primo mese trascorso ad Atene è apparso come un muro insormontabile, gli altri 5 mesi sono stati acqua in cui tuffarsi, galleggiare e lasciarsi portare. Sai che c'è? Ti invito a vivere. Vieni?
Gli sguardi delle persone che ho incontrato, le mani che ho stretto, il profumo di chi sorride (perché sorridere è un profumo) hanno ridipinto un cuore un po' malconcio. Vivere in casa famiglia un mese non è facile… ma viverci per 6 è splendido. Ogni giorno un foglio bianco da riempire. Uscire per strada. Uscire per strade che non conosci vuol dire imparare di nuovo a Vedere. Parlare del tempo insieme ad un senzatetto e farsi abbracciare da quegli occhi silenziosi, ogni giovedì. Non è nemmeno commentabile tanta Bellezza. Prima il giovedì era quel giorno vicino al venerdì e basta. Ma l'Amore cambia tutto quando vuole.

Ho l'immagine delle Sorelle di Madre Teresa che con i loro gesti semplici portano Amore in posti al limite della dignità umana, che sia un carcere o un paio d'occhi vuoti di un ragazzo tossicodipendente. Parlano di Dio col sorriso. Sono il sorriso di Dio. 
Ho Filippo che guarda la Capanna di Betlemme come un bambino guarda l'albero di Natale. Ho Fabiola che guarda Gioele che guarda Fabiola e il mondo finisce lì.
Ho i bimbi che si tirano le ciabatte e un campanello che suona ogni volta che ci si mette a tavola (tra il Gloria e i Secoli dei Secoli).
Ho Catia che si alza dal letto e ride perché è felice la mattina e Francesco che entra in cucina dormendo col suo «Buon giorno Mamma».
Ho gli occhi di Hussein e Rajla che guardano Sanà appena nata e si perdono in quella Grazia.
Ho le ore di inglese con Reza; fra zanzare e succo di frutta mi racconta che a casa sua nei weekend, adorava girare in moto e passare a prendere Mariam per andare insieme fino alla moschea a vedere il tramonto. 
Ho Yamhèn che mi chiede un limone dall'albero e Hazula che stacca i fiori per tirarli ad altri bambini; è così che anche l'aria è felice.
Ecco se devo proprio dire cosa sono stati questi mesi, posso dire Fiori. Ho vissuto con dei Fiori e come un fiore nel giardino di Dio. La casa di Filippo e Fabiola. 
L'Amore è una cosa semplice.

Testimonianza di Cristina Dalmonte (volontaria in Grecia)

#FOTOGALLERY:missio_grecia#

La "mia" missione in Bolivia

«Ciao a tutti io sono Fabio. Ad un certo punto della mia vita ho avuto la fortuna d'incontrare la Comunità Papa Giovanni XXIII. Ho detto "ad un certo punto della mia vita" perché in quel periodo stavo passando un momentaccio, la mia vita era buia, certi valori che mi erano stati insegnati erano offuscati dalle cose materiali che piano piano finivano e dentro rimaneva solo un immenso vuoto. Come dicevo "ho avuto la fortuna" (ma ora penso che la strada me l'abbia indirizzata il Signore), perché volendo approfondire la conoscenza della Comunità Papa Giovanni XXIII ho partecipato al Corso Missioni, (bellissima esperienza formativa) che da subito mi ha fatto capire quali fossero i suoi ideali riconoscendoli in me. Tornando a casa ho sentito questo bisogno di mettermi in gioco e la voglia di fare una esperienza in missione di 6 mesi. quindi eccomi qui a Camiri in Bolivia, la terra del petrolio come la chiamano i boliviani. Attualmente sono nella comunità terapeutica "Renacer a la vida" dove il responsabile è Claudio. Fin da subito con lui si è instaurato un buon rapporto: all'interno del centro terapeutico c'è anche una casa famiglia che accoglie 4 ragazzi con handicap di vario tipo, ognuno di loro ha un dono speciale che solo condividendo le giornate con loro puoi capire. Sì, “condivisione” è proprio la parola giusta: condividere tutta la giornata con loro, dal lavoro con i ragazzi che sono in terapia ai momenti d'incontro, al gioco, al preparare da mangiare, all'incontro con il Signore che per me è uno dei momenti più belli. Infatti proprio qui in Bolivia ho ritrovato la fede che avevo un po' messo da parte: aprendomi al Signore sono rinato, ora vedo davanti a me un cammino, non più buio, ma pieno di gioia e serenità. Sto capendo che il mio cammino può essere questo portare la croce insieme alle persone più bisognose».

Fabio, volontario in Bolivia

 

come partire per la missione?

È altamente consigliato seguire un corso di formazione prima di partire; ecco tutte le informazioni sul come si diventa volontari per le missioni

 

 

 



Luca Marenchino
10/09/2017
TAG: Giovani / Missione
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

Ultime news
  • Fornò festeggia i 30 anni di att..
    Santuario di Fornò, periferia di Forlì, in una domenica nebbiosa e uggiosa si respira invece il calore di sentimenti antic...
    Leggi tutto
    16 Novembre 2017
  • Giornata mondiale dei poveri
    Il 19 novembre 2017 sarà la giornata mondiale dei poveri, istituita da Papa Francesco. Tema dell'anno sarà "Non amiamo a p...
    Leggi tutto
    10 Novembre 2017
  • "Linguaggio dei segni", come iniz..
    Cos'è il inguaggio dei segni? Una vera e propria lingua, con un suo alfabeto ed una sua grammatica. Ecco i riferimenti pe...
    Leggi tutto
    04 Novembre 2017
  • «Sandra Sabattini mi ha guarito»
    Sei anni di ricerca, di interviste, di incontri con chi ha conosciuto la Serva di Dio Sandra Sabattini. Un grande lavoro c...
    Leggi tutto
    20 Ottobre 2017
  • Contro la prostituzione: Questo ..
    La Comunità Papa Giovanni XXIII lancia una campagna per chiedere ai parlamentari di sostenere tutte le proposte che vanno...
    Leggi tutto
    18 Ottobre 2017
  • Messalino di Don Oreste
    Messalino di Pane Quotidiano: un libretto bimestrale che di don Oreste Benzi contiene la Parola di Dio ogni giorno e i com...
    Leggi tutto
    18 Ottobre 2017
  • Convegno su don Oreste Benzi
    2 novembre 2007: 10 anni fa esatti chiudeva gli occhi a Rimini Don Oreste Benzi. Ecco il ricordo di quei giorni, raccontat...
    Leggi tutto
    17 Ottobre 2017
  • La notte dei senza fissa dimora
    La Comunità Papa Giovanni XXIII rivolge attenzioni speciali agli “invisibili” non solo il 17 ottobre, ma tutti i gior...
    Leggi tutto
    17 Ottobre 2017
  • Colombia: resistere al conflitto
    Nell'anno sono stati uccisi almeno 52 attivisti per i diritti umani in Colombia. La conferenza stampa a Montecitorio per i...
    Leggi tutto
    11 Ottobre 2017
  • Non lasciamo da sole le mamme
    Il 6 ottobre scorso, al Teatro degli Alemanni a Bologna, proprio nei pressi della neonata "Culla per la vita" inaugurata d...
    Leggi tutto
    10 Ottobre 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…